Apri il menu principale

Pericope del Buon Pastore

1leftarrow blue.svgVoce principale: Parabole di Gesù.

Gesù: il buon pastore. Mausoleo di Galla Placidia Ravenna.

La pericope del buon Pastore si trova nel Vangelo secondo Giovanni: 10,1-21. In essa Gesù stesso si descrive come il pastore che dona la vita per le sue pecore.

Questo brano, tipico del Vangelo di Giovanni, ha dei richiami negli altri vangeli, soprattutto nella Parabola della pecora smarrita (Mt 18,12-14 e Lc 15,1-7).

Soprattutto a partire da questo brano molto sovente Gesù viene chiamato: Buon Pastore.

Anticipazioni nell'Antico TestamentoModifica

Nell'Antico Testamento Dio stesso viene chiamato Pastore. In particolare il salmo 23 ci presenta la descrizione di Dio come buon pastore.

Nel Libro di Ezechiele, al capitolo 34[1] , il profeta riferisce l'ammonimento del Signore ai pastori di Israele, perché "pascono sé stessi" (v. 2) e quindi "le pecore si sono disperse e son preda di tutte le bestie selvatiche: sono sbandate" (v. 5). A causa di egocentrismo e incuria del bene affidatogli da Dio (vv. 3 e 10), "crudeltà e violenza" nei confronti delle pecore smarrite (v. 4), il Signore è vera e viva presenza (v. 8) "contro [tali] pastori" (v. 10), per giudicarli e per porre sé stesso alla guida del gregge:

«Dice il Signore Dio: Eccomi contro i pastori: chiederò loro conto del mio gregge e non li lascerò più pascolare il mio gregge, così i pastori non pasceranno più se stessi, ma strapperò loro di bocca le mie pecore e non saranno più il loro pasto. Ecco, io stesso cercherò le mie pecore e ne avrò cura. Come un pastore passa in rassegna il suo gregge quando si trova in mezzo alle sue pecore che erano state disperse, così io passerò in rassegna le mie pecore e le radunerò da tutti i luoghi dove erano disperse nei giorni nuvolosi e di caligine. Le ritirerò dai popoli e le radunerò da tutte le regioni. Le ricondurrò nella loro terra e le farò pascolare sui monti d'Israele, nelle valli e in tutte le praterie della regione.»

(Libro di Ezechiele, capitolo 34, vv. 10-13)

Testo della pericopeModifica

 
Il buon pastore negli affreschi paleocristiani di Dura Europos, in Siria, è stato datato 235 d.C.
 
Il Buon Pastore. Museo delle Terme di Diocleziano, Roma.

Il brano del Vangelo di Giovanni esprime questi temi principali:

  • Dio buon pastore si differenzia da un estraneo perché:
    • è pronto a dare la propria vita per le pecore: nella pericope questo risvolto è ricorsivamente enfatizzato;
    • entra per la porta del recinto delle pecore; l'estraneo vi sale da un'altra parte come un ladro o un brigante;
    • il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce;
    • chiama le pecore una per una e le conduce fuori camminando alla loro testa;
    • le pecore non seguono l'estraneo, ma fuggono via da lui e non conoscono la sua voce.
  • Gesù è la porta delle pecore e chi passa attraverso di lui sarà salvo.
  • il ladro invece viene per rubare, uccidere e distruggere.
  • il mercenario quando vede venire il lupo abbandona le pecore perché non gli importa di esse.

La parte centrale del brano può essere riassunta nella frase:

« Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e offro la vita per le pecore. »   (Giovanni 10,14-15)

Altra traduzione più letterale e "appropriata", diffusa nei dipinti di varie chiese e monumenti, "celebrativi" del lieto evento: «Gesù (de)pone/(es)pone la vita per le sue pecore».
Il testo greco della novella, infatti, riporta la preposizione hyper, che letteralmente significa "sopra".

Parabola o similitudine?Modifica

Commentatori come Tinto, Barbara Reid, Arland Hultgren e Donald Griggs arguiscono che non esistono parabole nel Vangelo secondo Giovanni[2][3][4]. Di parere concorde sono anche le voci tematiche della Catholic Encyclopedia:[5], e dell'Enciclopedia Britannica (relativamente al Vangelo secondo Giovanni:[6]).

La narrazione inizia con la formula "In verità, in verità vi dico" rivolta alla folla di Giudei, frequente in altre parabole, che rivelano un contenuto che si vuole compreso solamente dai meritevoli (Mt 13:13), ovvero anticipano ciò che sarà pienamente comprensibile soltanto dopo la morte e resurrezione del Liberatore e Salvatore del genere umano[7].

La Parola si conclude con la profezia della Resurrezione a opera di Dio stesso, e la Rivelazione del Messia ("Questo comando ho ricevuto dal Padre mio"):

«Per questo il Padre mi ama: perché io offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. [18]Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo comando ho ricevuto dal Padre mio.»

( La Parabola del Buon Pastore, su maranatha.it. URL consultato il 23 settembre 2018 (archiviato il 10 agosto 2001).)

.

Il gregge non vede il Suo volto, ma solamente le sue spalle, camminando "nella fede e non ancora in visione" (2 Cor 5, 7)[7].

Nell'Antico TestamentoModifica

Il primo riferimento alla figura del buon pastore è presente in Genesi 4.2 riguardo ad Abele "pastore di greggi", che rende un costante sacrificio a Dio tramite gli agnelli selezionati al suo interno. Con il titolo di "pastore" l'Antico Testamento indica l'amore di Dio per il popolo di Israele guidato lungo il deserto fino alla Terra Promessa (Salmo 23). Lo stesso Mosè "pascolava il gregge di Ietro, suo suocero» (Esodo 3:1), prima di estendere la sua custodia e sorveglianza ad Israele schiavo di Egitto, in qualità di suo pastore.

Dio nell'Antico Testamento e Gesù Cristo Dio nei Vangeli sono contrapposti ai cattivi pastori -i re e i capi del popolo-, che non si curano del gregge e lasciando in uno stato di abbandono e di sofferenza il bene che Dio ha affidato loro (Ezechiele 34:13-16 e Ez 37, Geremia 23:1-6, Zaccaria 11:4-17).[8].
Analogamente, Giovanni apostolo ed evangelista contrappone a Gesù buon pastore, il mercenario, il lupo e chiunque non ha attenzione per le pecore che il Padre gli ha affidato (Gv 10:10-13).

Riferimenti extrabibliciModifica

Nell'Esorcismo contro Satana e gli angeli apostati[9] è meglio chiarito il ruolo del pastore rispetto al gregge[10]: disperso o ucciso il pastore, il gregge difficilmente può evitarsi da solo un destino simile, motivo per cui il pastore esercita una signoria sul creato a lui affidato, la cui vita terrena o salvezza eterna dipende in primo luogo dalla sua esistenza e buona opera.

Nell'arteModifica

 
Affresco del Buon Pastore, Catacombe di San Callisto a Roma.

Fino all'inizio del IV secolo l'unica immagine di Gesù autorizzata era una rappresentazione allegorica del Buon Pastore, portante sulle spalle una pecorella smarrita. In particolare, questa immagine, è rilevabile nelle pitture che si trovano nelle catacombe e nell'arte paleocristiana.

La figura s'ispira a rappresentazioni precedenti, come il Moschophoros, del 570 a.C. circa, o l'Ermes con la pecora sulle spalle, opera greca classicista del I secolo a.C.

NoteModifica

  1. ^ Libro di Ezechiele, capitolo 34: "I pastori di Israele", su maranatha.it. URL consultato il 26 settembre 2018.
  2. ^ Barbara Reid, 2001 Parables for Preachers, ISBN 0-8146-2550-9, p. 3
  3. ^ Arland J. Hultgren, 2002 The Parables of Jesus, ISBN 0-8028-6077-X, p. 2
  4. ^ Donald L. Griggs, 2003 titolo = The Bible from scratch, p. 52, ISBN 0-664-22577-2.
  5. ^ (EN) CATHOLIC ENCYCLOPEDIA: Parables, su newadvent.org.
  6. ^ (EN) Archived copy, su 1911encyclopedia.org (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  7. ^ a b IL buon pastore... la porta... entrare.. uscire..., su medvan.it. URL consultato il 23 settembre 2018 (archiviato il 18 agosto 2004).
    «Questa voce o parola del buon pastore, è una voce e una parola che Dio vuole fare ascoltare ad ognuno di noi; così infatti si esprime il Signore: Egli chiama le sue pecore una per una. E chi ascolta questa voce viene condotto fuori. Fuori da dove? Dal recinto. Per andare dove? Dietro al pastore.[...]».
  8. ^ don Primo Gironi, Commento alla parabola della pericope del buon pastore, su web.archive.org, 15 Maggio 2011. URL consultato il 17 dicembre 2018 (archiviato il 17 dicembre 2018).
  9. ^ (LAIT) Leone XIII, Esorcismo contro Satana e gli Angeli Apostati, su unavox.it. URL consultato il 20 luglio 2018 (archiviato il 15 settembre 2017). Ospitato su Vatican.va.
  10. ^
    (LA)

    «ut percússo Pastore, et grégem dispérdere váleant.»

    (IT)

    «affinché colpendo il pastore, si disperda il gregge»

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica