Persian Gulf Pro League

Persian Gulf Pro League
Altri nomiIran Pro League
SportFootball pictogram.svg Calcio
TipoClub
FederazioneAFC
PaeseIran Iran
ContinenteAsia
OrganizzatoreFederazione calcistica dell'Iran
TitoloCampione dell'Iran
CadenzaAnnuale
Aperturasettembre
Chiusuramaggio
Partecipanti16 squadre
FormulaGirone all'italiana A/R
Retrocessione inLega Azadegan
Storia
Fondazione2001
DetentorePersepolis
Record vittoriePersepolis (13)
Edizione in corsoPersian Gulf Pro League 2020-2021

La Persian Gulf Pro League, nota anche come Iran Pro League (persiano: لیگ برتر خلیج فارس‎‎, it. "Premier League del Golfo Persico") e fino al 2014 come Persian Gulf Cup, è la massima divisione del campionato iraniano di calcio, posta sotto l'egida della federazione calcistica locale.

La prima edizione si svolse nel 1970, con la denominazione di Regional League: dal 1978 al 1989 il torneo conobbe una lunga sospensione, causa lo scoppio della rivoluzione. Una volta ripreso, si è giunti (dopo varie modifiche) all'attuale formato con 16 club: così come in molti campionati europei, la competizione si disputa nel periodo che va da settembre a maggio.

La squadra più titolata è il Persepolis, che ha vinto 13 campionati.

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato iraniano di calcio.

Nel 2001 la federcalcio iraniana decise di rifondare il campionato iraniano di calcio, istituendo la Iran Pro League e inaugurando nel contempo l'epoca professionistica del calcio nazionale. Come seconda divisione fu istituita la Lega Azadegan. Fino alla stagione 2003-2004 parteciparono alla massima serie 14 squadre.

La prima edizione della Iran Pro League vide la vittoria del Persepolis, mentre l'anno dopo la vittoria andò al Sepahan. Nel 2003-2004 il titotolo fu vinto dalla squadra giunta seconda l'anno prima, il PAS Teheran, che ottenne così il suo ultimo titolo nazionale prima dello scioglimento del 2007. Capocannoniere del torneo fu Ali Daei.

Dal 2004 il campionato fu allargato a 16 squadre. La prima squadra a vincere il rifondato campionato fu il Foolad, arrivato al primo successo della propria storia, mentre il capocannoniere fu Reza Enayati dell'Esteghlal, che si confermò migliore marcatore l'anno dopo, guidando i compagni alla vittoria del titolo, il primo per il club di Teheran dal 2001.

Il 12 agosto 2006 la federcalcio iraniana decise di cambiare il nome della competizione, che da allora divenne nota con la dizione inglese Persian Gulf Cup. La decisione suscitò, tuttavia, alcune polemiche per ragioni politiche ed etniche tra l'Iran e gli altri paesi arabi, dato che l'eredità dell'antica Persia è oggetto di discussione. Il 14 novembre 2006 fu reso noto il nuovo logo della competizione, scelto tra 130 progetti contendenti.

Nel 2006-2007 fu il Saipa a vincere il titolo, guidato dal tecnico Ali Daei, mentre il Foolad Khuzestan, vincitore del trofeo due anni prima, retrocesse in seconda serie. Per la prima volta nella storia del campionato, a vincere la classifica dei marcatori fu un giocatore straniero, il nigeriano Daniel Olerum dell'Aboomoslem.

Dal 2007 il numero di squadre del campionato fu ulteriormente allargato, portandolo a 18. Il 2007-2008 fu la prima annata senza il PAS Teheran, che fu sciolto e rimpiazzato da un nuovo club, il PAS Hamedan, con sede ad Hamedan, secondo un progetto di diffusione del calcio professionistico iraniano tramite il trasferimento dei titoli sportivi in altre città, voluto dalla federcalcio nazionale.

Nel 2007-2008 a giungere al successo fu il Persepolis, che batté il Sepahan per 2-1 all'ultima giornata di fronte a 110 000 spettatori accorsi allo stadio Azadi. Il gol decisivo fu realizzato da Sepehr Heidari al sesto minuto di recupero del secondo tempo.

Nel 2008 il Saba Battery fu trasferito da Teheran a Qom e divenne Saba Qom. La stagione 2008-2009 vide il crollo inatteso dello Zob Ahan, che nell'ultimo incontro subì tre reti negli ultimi quindici minuti di partita, perdendo per 4-1 contro il Foolad Khuzestan e consentendo all'Esteghlal, vittorioso per 1-0 contro il Payam Mashhad, di vincere il titolo per una migliore differenza reti.

 
Il Persepolis campione d'Iran nel 2017-2018.

Nel 2009-2010 il trofeo fu vinto dal Sepahan, che prevalse sull'altra compagine di Isfahan, lo Zob Ahan. Il Sepahan vinse anche i due successivi campionati, diventando la prima squadra iraniana a vincere tre titoli di fila. Nel 2012-2013 tornò al successo l'Esteghlal, avendo la meglio sul Sepahan grazie alla vittoria dello scontro diretto della terzultima giornata e al successo del turno successivo, che fece il paio con la contemporanea sconfitta dei rivali.

Nel 2013 il torneo passò a 16 squadre. Il 2013-2014 vide il ritorno al successo del Foolad Khuzestan, nel frattempo risalito dalla seconda serie, con appena 36 gol segnati, in un'annata caratterizzata da una serrata lotta per il titolo, che all'ultima giornata vide in lizza Esteghlal, Naft Teheran, Persepolis e Sepahan.

Nel 2014 la competizione cambiò ancora nome da Persian Gulf Cup a Persian Gulf Pro League, oltre a cambiare i loghi di prima e seconda divisione. Nel 2014-2015 si contesero il titolo Sepahan, Tractor e Naft Teheran, con la vittoria finale del Sepahan all'ultima giornata. Anche nel 2015-2016 il titolo si decise all'ultima giornata, quando a trionfare fu l'Esteghlal Khuzestan, al primo titolo della sua storia.

Dal 2016 a dominare il campionato fu il Persepolis, vincitore con tre giornate di anticipo rispetto alla fine del torneo nel 2016-2017 e capace di ripetersi nel 2017-2018, nel 2018-2019 e nel 2019-2020.

SquadreModifica

Stagione 2020-2021.

Squadra Città Stadio Capienza
Aluminium Arak Arak Imam Khomeini 15 000
Esteghlal Tehran Azadi 78 116
Foolad Ahvaz Foolad Arena 30 655
Gol Gohar Sirjan Imam Ali 8 000
Machine Sazi Tabriz Bonyan Diesel 12 000
Mes Rafsanjan Rafsanjan Shohadaye Mes Kerman 5 000
Naft Masjed Soleyman Masjed Soleyman Behnam Mohammadi 8 000
Nassaji Mazandaran Qaemshahr Vatani 15 000
Padideh Mashhad Imam Reza 27 700
Paykan Shahr-e Qods Shahre Qods 25 000
Persepolis Tehran Azadi 78 116
Saipa Tehran Dastgerdi 8 250
Sanat Naft Abadan Takhti 8 000
Sepahan Isfahan Naghsh-e-Jahan 75 000
Tractor Sazi Tabriz Yadegar-e Emam 66 833
Zob Ahan Fuladshahr Foolad Shahr 15 000

Albo d'oroModifica

Stagione Vincitore
1970-71 Esteghlal[1]
1971-72 Persepolis
1973-74 Persepolis
1974-75 Esteghlal[2]
1975-76 Persepolis
1976-77 PAS Teheran
1977-78 PAS Teheran
1989-90 Esteghlal
1991-92 PAS Teheran
1992-93 PAS Teheran
1993-94 Saipa
1994-95 Saipa
1995-96 Persepolis
1996-97 Persepolis
1997-98 Esteghlal
1998-99 Persepolis
1999-2000 Persepolis
2000-01 Esteghlal
2001-02 Persepolis
2002-03 Sepahan
2003-04 PAS Teheran
2004-05 Foolad
2005-06 Esteghlal
2006-07 Saipa
2007-08 Persepolis
2008-09 Esteghlal
2009-10 Sepahan
2010-11 Sepahan
2011-12 Sepahan
2012-13 Esteghlal
2013-14 Foolad
2014-15 Sepahan
2015-16 Esteghlal Khuzestan
2016-17 Persepolis
2017-18 Persepolis
2018-19 Persepolis
2019-20 Persepolis
2020-21

StatisticheModifica

Vittorie per squadraModifica

Club Titoli Anni
Persepolis
13
8
1972, 1974, 1976, 1996, 1997, 1999, 2000, 2002, 2008, 2017, 2018, 2019, 2020
Esteghlal[3]
8
8
1971, 1975, 1990, 1998, 2001, 2006, 2009, 2013
PAS Teheran
5
5
1977, 1978, 1992, 1993, 2004
Sepahan
5
2
2003, 2010, 2011, 2012, 2015
Saipa
3
-
1994, 1995, 2007
Foolad
2
-
2005, 2014
Esteghlal Khuzestan
1
-
2016
Zob Ahan
-
3
-----
Bahman
-
2
-----
Tractor
-
3
-----
Esteghlal Ahvaz
-
1
-----
Homa
-
1
-----

NoteModifica

  1. ^ Il Taj Teheran Football Club, conclusa la rivoluzione iraniana, assunse il nome di Esteghlal Tehran Football Club.
  2. ^ Il Taj Teheran Football Club, conclusa la rivoluzione iraniana, assunse il nome di Esteghlal Tehran Football Club.
  3. ^ Il Taj Tehran Football Club, conclusa la rivoluzione iraniana, assunse il nome di Esteghlal Tehran Football Club.

BibliografiaModifica

  • Giuseppe Sicari e Alexia Giusti, Enciclopedia del Calcio mondiale, SEP Editrice, 2004.

Collegamenti esterniModifica