Personaggi della Marvel Comics

Elenco dei personaggi immaginari dei fumetti editi negli Stati Uniti d'America dalla Marvel Comics.

SupereroiModifica

Ant-ManModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ant-Man.

Capitan AmericaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Capitan America.

Capitan MarvelModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Capitan Marvel (Marvel Comics).

FalconModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Falcon (Marvel Comics).

FantomelleModifica

Fantomelle: è una mutante di origine francese derivante dal programma Arma X, presumibilmente la versione più recente. Si basa in parte su Fantomex, la principale caratteristica è la capacità di compiere furti audaci; sfuggita dal controllo del programma Arma X, opera in modo indipendente. È stata avvicinata dal team di Mystica per aiutarli a infiltrarsi nella fortezza di Sinistro e recuperare lo scheletro di Wolverine. Nelle sue avventure è accompagnata dalla volpe Culpepper. esordita su Wolverines n. 2, marzo, 2015, ideata da Charles Soule e Juan Doe.

HulkModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Hulk.

Iron ManModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Iron Man.

Mister FantasticModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Mister Fantastic.

NamorModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Namor .

Occhio di FalcoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Occhio di Falco.

ThorModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Thor.

Uomo RagnoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Uomo Ragno.

Vedova NeraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Vedova Nera (personaggio).

VegasModifica

La sua prima apparizione risale a Amazing Fantasy vol. 2 13 (2003), in un racconto di Karl Kesel e Carmine Di Giandomenico. All'interno della storia Vegas è descritto come un "super-tipo senza calzamaglia", e all'inizio si allea con la gang criminale dei Renegades, per stare accanto alla donna di cui è innamorato Rose Red, ma successivamente si oppone ai loro piani. Vegas infine decide di diventare un cacciatore di taglie, sotto la tutela del sergente dei ranger Harlan Stone.

VeritàModifica

Verità è la personificazione del concetto di verità, e possiede anche poteri precognitivi. Verità si schierò diverse volte al fianco degli eroi terrestri per sventare varie minacce, come quando aiutò il Dottor Strange a sconfiggere Umar, o quando si alleò con Nova e i New Warriors contro la Sfinge.

È stato creato da Stan Lee e Marie Severin in Strange Tales 154 del marzo 1967.

WolverineModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Wolverine .

Kamala KhanModifica

Kamala Khan: è una inumana con la capacità di allungarsi ed è una delle incarnazioni di Ms. Marvel. Viene da Karachi, in Pakistan, dove viveva una vita normale. La manifestazione dei suoi poteri avviene dopo una festa quando, a seguito dell'offerta di un bicchiere di vodka, scappa lontano venendo a contatto con le Nebbie Terrigene. Scoperto il suo potere, Kamala decide di intraprendere una carriera da supereroina con il nome del suo idolo: Ms. Marvel (che allora aveva preso il nome di Capitan Marvel). Inizialmente con una buona carriera, col tempo capirà che il mondo è più difficile di quel che sembra e durante gli eventi del crossover Civil War 2 si unisce al gruppo dei Vendicatori, ma a causa del comportamento non condiviso assunto dal suo idolo, perde la stima nei confronti di Capitan Marvel. Decisa a fare la differenza, si unisce a Nova (Sam Alexander), Spider-Man (Miles Morales), Hulk (Amadeus Cho), Viv Visione (figlia di Visione) e al giovane Ciclope nel formare il supergruppo dei Champions, erede dell'omonimo team degli anni '70. L'amicizia con Ciclope l'aiuterà a fermare una guerra durante lo scontro fra Inumani e X-Men. Durante Secret Empire, è una dei pochi supereroi contro Capitan America. Il personaggio esordisce nel 2014 nella serie Ms. Marvel (vol. 3) edita fino al 2015 quando, all'interno del progetto editoriale All New All Different Marvel, la serie viene rilanciata nuovamente con Ms. Marvel (vol. 4). È prevista per il 2021 una serie TV Ms. Marvel con Khan protagonista ambientata nel Marvel Cinematic Universe che sarà lanciata su Disney+; nel settembre 2020 Iman Vellani viene scelta per interpretare il ruolo; sarà inoltre uno dei protagonisti del videogioco del 2020 Marvel's Avengers.

Gruppi di personaggiModifica

  • Guardiani della galassia
  • All-Winners Squad
  • Alpha Flight
  • Arma Plus
  • Avanzate Idee Meccaniche
  • Big Hero 6
  • Cabala (fumetto)
  • Campioni di Los Angeles
  • Cani da guardia (fumetto)
  • Casti
  • Club infernale
  • Commandos minorenni
  • Devastatori
  • Difensori (fumetto)
  • Emissari del male
  • Eroi in vendita
  • Exiles (Marvel Comics)
  • Legione Nera: è costituito da criminali ed è esordito nella storia "Interruzioni" ("Interruptions") pubblicata sulla serie a fumetti Uncanny X-Force pubblicata in USA nel settembre 2011 e in Italia il 3 marzo 2012 nell'albo X-Men Deluxe presenta n. 203. La storia è stata scritta da Rick Remender, disegnata da Mark Brooks, chinata da Andrew Currie e Mark Brooks e colorata da Dean White e Richard Isanove. Il gruppo è formato da Blob, Grimm Chamber, Cloak Bianco, Iron Ghost, Sentry Zombi, Hulk Arancio, Manphibian, Demon-Ock e Beta Red. Si è scontrato con l' X-Force mentre quest'ultima cercava un modo per salvare Warren Worthington III alias "Arcangelo", caduto nel lato oscuro.
  • Fantastici Quattro;
  • Vendicatori;
  • Vendicatori della Costa Ovest;
  • Zona di Guerra (Warzone) sono quattro mercenari cyborg creati dal Pantheon per ragioni sconosciute e si sfidano annualmente in un torneo a Las Vegas per incoronare il più forte che verrà premiato con un amuleto che incrementerà i loro già notevoli poteri. Dopo essersi incontrati in un bar i quattro avversari si sparpagliano per la città; il giorno successivo Delta attacca Charlie davanti alla libreria dove Peter Parker sta firmando le copie del suo libro, "Webs", e nella lotta una passante, Marlo Chandler, è ferita; Peter veste i panni dell'Uomo Ragno e corre in soccorso di Charlie, messo in fuga Delta porta Marlo in ospedale intimando alla mercenaria di aspettarlo. Charlie decide di sfruttare l'ingenuità di Spidey e gli racconta che l'uomo che la perseguita è un suo ex, seguendo gli impulsi di una ragno-spia i due si dirigono al Coliseum Hotel dove sono attaccati da Alpha e da Mr. Fixit che ha saputo da un'infermiera del ferimento della sua amica Marlo[1]. Mentre il gigante grigio tiene impegnato il Tessiragnatele, Alpha e Charlie combattono in una cappella, Delta che è in osservazione su un edificio è attaccato da Bravo. La lotta tra Hulk e Spidey si interrompe quando sentono Charlie urlare, accorsi nella cappella la trovano morta, Peter corre in cerca di Alpha mentre il golia color cenere finge di allontanarsi per imbrogliare la rediviva mercenaria ed estorcerle la verità. I due eroi si uniscono contro Alpha e lo sconfiggono, anche il duello tra Delta e Bravo termina con la vittoria del secondo che guadagna l'amuleto[2]. Sono dotati di velocità, forza e resistenza sovrumane, la loro natura li fornisce anche di un fattore di guarigione accelerato.
  • X-Men.

AvversariModifica

Carlo ZotaModifica

Carlo Zota: membro dell'organizzazione sovversiva nota come Enclave. La sua apparizione risale a Fantastic Four n. 66 (settembre 1967) ad opera di Stan Lee e Jack Kirby. Zota è di origine spagnola, ed è un tecnico elettronico, che decide di fare squadra con altri tre scienziati, ognuno dei quali esperto in un diverso campo, formando così l'Enclave. Il gruppo tentò di stabilire una dittatura benevola sul mondo, sotto il loro controllo. Inoltre crearono l'essere noto come Lui. Si scontrarono con diversi supereroi tra cui i Fantastici Quattro, Quasar e l'Uomo Ragno.

Dottor DestinoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Dottor Destino.

Dottor OctopusModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Dottor Octopus.

MandarinoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Mandarino (personaggio).

StraccioneModifica

Lo Straccione (Tatterdemalion): alter ego di Arnold Paffenroth, è un artista caduto in disgrazia e convertitosi alla criminalità. Alla sua prima apparizione in Werewolf by Night (vol. 1[3]) n. 9, lo Straccione viene inviato dal malvagio Sarnak a catturare Licantropus, il primo tentativo fallisce, il secondo riesce nonostante Jack, trasformatosi in lupo mannaro, offra una strenua resistenza; il giovane licantropo è sottoposto al lavaggio del cervello e, assieme ad un esercito di schiavi, inviato a compiere alcune scorribande, allo Straccione è affidato il compito di controllare che il ragazzo compia il suo dovere; quando finalmente Jack riesce a sottrarsi al controllo mentale sconfigge Sarnak e libera tutti i suoi schiavi, tra i quali anche Paffenroth[4]. Le strade di Arnold e Jack si rincontrano al Cat's Jazz Club, lo Straccione irrompe nel locale durante una dei suoi raid contro i ricconi di Los Angeles e finisce per scontrarsi con il suo vecchio nemico e Spidey, in trasferta a L.A. per un impegno di lavoro, quando Paffenroth cattura Licantropus, l'Arrampicamuri li insegue fino ad una specie di Corte dei Miracoli nascosta nelle fogne e libera il suo alleato sconfiggendo il derelitto criminale[5]. Da Los Angeles, lo Straccione si sposta a Las Vegas dove si scontra nuovamente con Licantropus, alleatosi temporaneamente a Ghost, la lotta, iniziata in un casinò, termina sul circuito di una gara automobilistica, dove Paffenroth è ancora una volta sconfitto[6]. Scoperto che la sua vecchia partner di ballo, Julia, lavora come semplice pianista in un club, Arnold cerca di fare di tutto per farla tornare alle luci della ribalta, per farlo spaventa tutte le cantanti che si avvicendano sul palco, quando cerca di fare lo stesso con Alison Blaire si trova davanti un osso più duro del previsto ed è costretto ad irrompere nel club e ad attaccarla, la mutante sconfigge facilmente lo Straccione e lo smaschera davanti a tutti, Julia, riconosciuto il suo vecchio compagno, si commuove e promette di aiutarlo[7]. Successivamente, Arnold è rapito dal malvagio Locksmith che aveva rapito numerosi eroi e criminali di L.A., quando la sua ultima vittima, la Donna Ragno, riesce a fuggire libera anche gli altri colleghi e chiama la polizia perché si occupi di salvare i malviventi imprigionati[8].

Entrato nel gruppo di vigilanti noto come Night Shift, lo Straccione corre in aiuto di Capitan America che era giunto a L.A. alla ricerca di D-Man e aveva finito per scontrarsi con i mutati guidati da Power Broker[9]. In seguito il gruppo cerca di ingaggiare anche Moon Knight che però declina l'offerta[10]. Su suggerimento dello Straccione si scontrano con i Vendicatori della Costa Ovest, rei di voler usurpare il loro territorio, ma vengono sonoramente sconfitti[11]. Attaccano il gruppo rivale un'altra volta, ingannati dal malvagio Boia con la promessa di maggiori poteri, e riescono ad avere la meglio su Occhio di Falco, la Donna Ragno e U.S.Agent, lo Straccione riesce a fronteggiare anche Iron Man fino a quando l'intervento di Scarlet non fa rinsavire i vigilanti che si uniscono ai Vendicatori contro il comune nemico[12]. Lasciati i suoi compagni, Arnold vola a New York, vagabondando in Central Park assiste alla morte di un piccolo boss criminale che gli confessa dove ha nascosto il suo tesoro, Paffenroth decide immediatamente di disfarsi del bottino ma per farlo deve scontrarsi con numerosi criminali, tra cui Stilt-Man e Taskmaster, e contro Devil, il giustiziere cieco cattura lo Straccione ma grazie ad una associazione per i Diritti Civili il criminale viene liberato, si scontra allora di nuovo con l'uomo senza paura finendo sconfitto ancora una volta[13]. Fuggito di prigione, lo Straccione entra a far parte dei Thunderbolts e li affianca in un paio di missioni[14]. Rientrato tra le file del Night Shift, segue il gruppo in missione assieme a Hood, questo lo porta a scontrarsi con i Figli della Mezzanotte, in particolare contro Licantropus e Daimon Hellstrom che lo dà alle fiamme, convertito in zombie da Dormammu sarà salvato proprio dai suoi nemici[15].

Lo Straccione non possiede poteri sovrumani, grazie al suo passato da ballerino è estremamente agile, resistente e moderatamente forzuto. Indossa dei guanti dotati di un solvente che fonde materiali come carta e stoffa, dei vestiti impregnati di grasso che lo rendono viscido e difficile da trattenere e che nascondono un rivestimento in kevlar, una sciarpa dotata di rinforzi per renderla più pesante e offensiva.

VisimajorisModifica

Visimajoris è un demone che vive nell'Universo Marvel. Il personaggio, creato da Jim Starlin e Al Milgrom, è apparso per la prima volta in Doctor Strange 24 (agosto 1977). Visimajoris è al servizio dei Creatori ed è un nemico del Dottor Strange.

WarfistModifica

Warfist: è uno degli avatar del Mandarino; esordì nelle serie a fumetti Force Works n. 6 e l'ultima apparizione si ebbe nel numero successivo. È dotato di forza sovrumana e conosce le arti marziali, inoltre usa come arma un bastone appuntito.

ZippermouthModifica

Zippermouth: è un mutante dell'Universo Marvel, creato da David Hine e Adi Granov su X-Men Unlimited vol. 2 2 (giugno 2004). In seguito è apparso nel numero 6 di District X (dicembre 2004). Il personaggio è un gangster con l'abilità empatica di capire l'umore delle persone che lo circondano. Ha finito per entrare in conflitto con Lucas Bishop, alias Alfiere. Nella realtà alternativa di House of M Zippermouth è uno specialista in sicurezza che lavora per la polizia di New York.

ZZZXXModifica

ZZZXX: è un simbionte. È stato creato da Christopher Yost e Dustin Weaver sulla serie di X-Men: Kingbreaker 2 (marzo 2009); è un essere simile a Venom e Carnage, da cui si differenzia per il fatto di volersi cibare del cervello dei propri bersagli. Questa specie aliena è stata scoperta dall'Imperatore Shi'ar D'Ken, che è morto prima di avere la possibilità di studiarla. ZZZXX ha cercato di entrare in simbiosi con Lilandra, ma è finito per legarsi a Raza Longknife, un membro degli Starjammers. ZZZXX è divenuto anche un membro della Guardia Imperiale di Vulcan, ma al termine dell'evento War of the Kings è stato sconfitto dai Nova Corps.

AlieniModifica

DeathbirdModifica

Deathbird: è stata una principessa e poi la sovrana dell'Impero intergalattico degli alieni Shi'ar ed è stata la moglie del mutante Vulcan che attraverso di lei ha potuto aspirare al trono di imperatore Shi'ar.

ComprimariModifica

Ben ParkerModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ben Parker.

May ParkerModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: May Parker.

Vasilij KarpovModifica

Vasilij Karpov: generale dell'ex Unione Sovietica che adottò Aleksander Lukin. Lukin odiava Teschio Rosso perché uccise la famiglia Lukin ma Teschio Rosso entrò nella testa di Lukin e impararono a vivere insieme ma dopo Capitan America distrusse Lukin e Teschio Rosso venne trasferito in un corpo simile a quello di Arnim Zola.

ZorbaModifica

Zorba: membro della famiglia reale della Latveria, il personaggio venne creato da Marv Wolfman e Keith Pollard, ed esordì nella serie a fumetti Fantastic Four (n. 198, settembre 1978).; è il figlio di re Vladimir, fratello di Rudolfo. Durante il regno del Dottor Destino Zorba era a capo dei ribelli noti come Combattenti per la Libertà Latveriana. Zorba prese il posto di Destino alla guida della Latveria quando questi fu sconfitto dai Fantastici Quattro, ma promise a Reed Richards che sarebbe stato un regnante ad interim poiché erano in previsione delle elezioni democratiche. Zorba fu eletto re della Latveria, ma tumulti popolari seguirono la sua salita al trono, dovuti ad un aumento delle tasse per mantenere alti gli standard di vita dei Latveriani, diventati avezzi sotto la guida di Destino. Senza l'autorità del Dottor Destino la nazione cadde nell'anarchia e nella povertà. Per ripristinare l'ordine Zorba istituì la legge marziale, utilizzando anche le Servo-Guardie di Destino per spaventare la popolazione. Il regno di Zorba finì quando Destino ritornò a Latveria e riottenne il trono grazie all'aiuto dei Fantastici Quattro.

NoteModifica

  1. ^ Web of Spider-Man vol.1 n. 44; edizione italiana: L'Uomo Ragno n.111
  2. ^ The Incredible Hulk vol.2 n. 349; edizione italiana: Fantastici Quattro Star Comics n.84
  3. ^ Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  4. ^ Werewolf by Night vol. 1 n. 9-10; edizione italiana: inedito
  5. ^ Marvel Team-Up vol. 1 n. 93; edizione italiana: Marvel Classic n. 11
  6. ^ Ghost Rider vol. 1 n. 55; edizione italiana: Marvel Collection Comic Art n. 7
  7. ^ Dazzler vol. 1 n. 36; edizione italiana: inedito
  8. ^ Spider-Woman vol. 1 n. 50; edizione italiana: inedito
  9. ^ Captain America vol. 1 n. 331; edizione italiana: Capitan America & i Vendicatori n. 67
  10. ^ Solo Avengers n. 3; edizione italiana: inedito
  11. ^ West Coast Avengers vol. 2 n. 40; edizione italiana: inedito
  12. ^ Avengers West Coast n. 76-79; edizione italiana: Marvel Extra n. 11
  13. ^ Daredevil vol. 1 n. 317-318; edizione italiana: Devil & Hulk n. 17-18
  14. ^ Thunderbolts vol. 1 n. 104/107; edizione italiana: Marvel Monster Edition n. 9
  15. ^ Marvel Zombies vol. 4 n. 2/4; edizione italiana: 100% Marvel n. 92

Voci correlateModifica

  Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics