Pesce fuor d'acqua

Sentirsi un pesce fuor d'acqua è un modo di dire colloquiale della lingua italiana. Si utilizza per indicare un particolare stato d'animo relativo a chi, trovandosi fuori dal suo ambiente abituale, non si sente a proprio agio e prova una sensazione di imbarazzo. È usato nelle forme: "sentirsi un pesce fuor d'acqua" ed "essere un pesce fuor d'acqua".[1]

Il suo significato letterale rimanda all'esempio del pesce che fuori dall'acqua, il suo ambiente naturale, non sopravvive che pochi secondi.

NoteModifica

  1. ^ Corriere.it [1]