Apri il menu principale

Peter Mensah

attore canadese

BiografiaModifica

Peter Mensah nasce ad Accra in Ghana da genitori appartenenti alla tribù Ashanti.[1] In giovane età si trasferì nella contea di Hertfordshire in Inghilterra con suo padre (un ingegnere), sua madre (una scrittrice) e due sorelle più giovani. Si avvicinò alla recitazione grazie ad alcune esperienze con piccole compagnie teatrali. Dopo la laurea ha viaggiato molto per l'Europa ed infine si trasferì in Canada, dove iniziò a praticare seriamente il lavoro di attore.

CarrieraModifica

La carriera di Mensah inizia nel 1995, con un'apparizione in un episodio della serie televisiva Nancy Drew. Dal quel momento in poi inizia a recitare sia in film che in serie televisive. Tra le serie televisive in cui è apparso bisogna ricordare Nikita, Highlander: The Raven, Pianeta Terra - Cronaca di un'invasione, Relic Hunter, Blue Murder, Witchblade, Tracker, Star Trek: Enterprise e Terminator: The Sarah Connor Chronicles, mentre per quanto riguarda i film vanno ricordati La mossa del diavolo (2000), Harvard Man (2001), Jason X - Il male non muore mai (2001), L'ultima alba (2003), Hidalgo - Oceano di fuoco (2004), 300 (2006) e L'incredibile Hulk (2008).

Recentemente è inoltre apparso in due produzioni importanti. Nel 2009 partecipa al kolossal di James Cameron Avatar, nel ruolo del capo del clan dei cavalli, mentre nel 2010 è entrato a far parte del cast principale di Spartacus nel ruolo di Enomao. È inoltre apparso sempre nello stesso ruolo anche nel prequel Spartacus - Gli dei dell'arena.[2]

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatoreModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ Peter Mensah su Starz.com Archiviato il 5 novembre 2011 in Internet Archive.. Controllato il 10 dicembre 2010.
  2. ^ The Doctore is in: Spartacus' Peter Mensah exclusive interview Archiviato il 24 marzo 2010 in Internet Archive.. Controllato il 10 dicembre 2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN232718015 · ISNI (EN0000 0003 6780 8947 · LCCN (ENno2005009598 · GND (DE1154466078 · BNF (FRcb165823433 (data) · WorldCat Identities (ENno2005-009598