Peyo

fumettista belga

Peyo, pseudonimo di Pierre Culliford (Schaerbeek, 25 giugno 1928Bruxelles, 24 dicembre 1992), è stato un fumettista belga, creatore dei Puffi.

Peyo nel 1990

BiografiaModifica

Padre inglese e madre belga, Peyo nacque a Schaerbeek, un comune della Regione di Bruxelles-Capitale. Scelse il suo pseudonimo dalla parola Pierrot, mal pronunciata da un cugino inglese.

Appassionato fumettista, si avvicinò a quest'arte prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, frequentando artisti quali Morris, André Franquin e Eddy Paape che diventeranno suoi colleghi nella storica rivista Spirou. Nel 1952 Peyo vi debuttò introdotto da Franquin, occupato con il fumetto più importante del settimanale. A quel punto Peyo reimpostò in modo innovativo una vecchia serie che aveva già sperimentato dal 1949 su [[Le Soir]], raccontando le avventure medievali e fiabesche del giovane John (Johan). Dopo averne riveduto il look, lo affiancò con successo per la prima volta al piccolo e vivace Solfamì (Pirlouit), che divenne il personaggio principale del ciclo.

Nel 1958 fu la volta dei Puffi (Les Schtroumpfs) il cui immenso successo non impedì a Peyo di concentrarsi anche su altre creazioni come, nel 1960, Benoit Brisefer e Jacky et Cèlestin (1961), del quale è solamente sceneggiatore. Intanto, nel 1959 Peyo aveva cominciato a occuparsi di disegni animati, realizzando un ciclo di sette episodi con i Puffi tramite lo studio TVA Dupuis. Questi film, in bianco e nero e a colori, servirebbero di base per un lungo ciclo televisivo, in onda dal 1981. Realizzato per la rete americana NBC in coproduzione con la famossima casa americana Hanna-Barbera e la S.E.P.P., reca il nome assegnato in inglese ai Puffi: The Smurfs. Creata la propria società, Cartoon Creation, nel 1989 Peyo lanciò la rivista Schtroumpfs, a cui segue la realizzazione di un parco tematico vicino a Metz, a Hagondange, che dal 1991 prende il nome di Walibi-Schtroumpfs.

Morì prematuramente a Bruxelles per infarto, a soli 64 anni.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95155932 · ISNI (EN0000 0003 6864 5692 · SBN IT\ICCU\RAVV\071791 · Europeana agent/base/62010 · LCCN (ENn82047405 · GND (DE109062353 · BNF (FRcb11919471v (data) · BNE (ESXX887342 (data) · NDL (ENJA00452669 · WorldCat Identities (ENlccn-n82047405