Apri il menu principale

BiografiaModifica

 
Philip Merivale (secondo da destra) recita in Pigmalione, di George Bernard Shaw, a Broadway (1914)
 
Philip Merivale e Patricia Collinge in Pollyanna (1916)

Philip Merivale nacque il 2 novembre 1886 a Rehutia, Manickpur, in India,[1][2]figlio di Walter e Emma Magdalene (Pittman) Merivale.[3]

Durante la sua carriera scolastica, frequentò la Saint Edward's School, a Oxford, dal 1899 al 1903.[3]

Fu attore e scrittore, e iniziò a lavorare come impiegato in un ufficio londinese nel 1904.[3]

Dotato di un grande fisico e di una buona cultura,[4] due anni dopo, nel 1906, diventò membro della Compagnia Shakespeariana di F. R. Benson. Successivamente si unì alla compagnia di Fred Terry e di Julia Nielson, arrivando negli Stati Uniti d'America con l'opera The Scarlet Pimpernel, nel 1910.[3]

Nel cinema è noto per parti di eroe romantico oppure autoritari o paterni,[1] quali Il signore e la signora Smith (1941), Questa terra è mia (1943), Sempre nei guai (1944), Lo straniero (1946),[1][5] invece nel teatro per i ruoli di Canio, Otello, Macbeth, Prospero, in produzioni shakespeariane.[3][4]

Si sposò dapprima con Viva Birkett, dalla quale ebbe quattro figli, uno dei quali, John, divenne attore, e successivamente con l'attrice Gladys Cooper.[1]

Ha avuto una lunga carriera a Broadway (1910-1944) e al West End di Londra.[1]

Philip Merivale morì il 12 marzo 1946 a Los Angeles, in California.[1]

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f (EN) Philip Merivale, su imdb.com. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  2. ^ Philip Merivale, su mymovies.it. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  3. ^ a b c d e (EN) Philip Merivale, su prabook.com. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  4. ^ a b le muse, VII, Novara, De Agostini, 1966, p. 414.
  5. ^ (EN) Philip Merivale, su comingsoon.it. URL consultato l'8 febbraio 2019.

BibliografiaModifica

  • Sandro Bernardi, L'avventura del cinematografo, Venezia, Marsilio Editori, 2007.
  • (EN) Lewis Jacobs, Rise of the American film, New York, Harcourt Brace, 1930.
  • Joseph Macleod, Storia del teatro Britannico, Firenze, Sansoni, 1958.
  • Masolino D'Amico, Storia del teatro inglese, Roma, Newton & Compton, 1995.
  • (EN) Walter J. Meserve, An Outline History of American Drama, New York, Feedback/Prospero, 1994.
  • (EN) William Morton, Some Famous Stage Celebrities, Kingston upon Hull, Walker and Brown, 1934.
  • (EN) David Ragan, Who's Who in Hollywood, 1900–1976, New Rochelle, Arlington House, 1976.
  • (EN) Don Shiach, American Drama 1900–1990, 2000.
  • (EN) Kristin Thompson, Film History: An Introduction, McGraw-Hill, Madison, 2010.
  • (EN) Stephen Watt e Gary A. Richardson, American Drama: Colonial to Contemporary, 1994.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN76526043 · ISNI (EN0000 0000 3958 3881 · LCCN (ENno91004559 · GND (DE116892277 · BNF (FRcb142062300 (data) · WorldCat Identities (ENno91-004559