Apri il menu principale

BiografiaModifica

Dopo aver studiato illustrazione, in un primo momento al Cambridgeshire College of Arts and Technology (CCAT, ora Anglia Ruskin University) e più tardi al Politecnico di Brighton (ora University of Brighton), ha lavorato per diversi anni in una libreria di Brighton prima di affermarsi professionalmente come illustratore e disegnatore di cartoni animati.

Il suo primo romanzo è stato Macchine mortali (Mortal Engines, del 2001), con cui ha vinto il premio Nestlé Smarties Book. Sono poi seguiti Freya delle Lande di Ghiaccio (Predator's Gold, del 2003), Infernal Devices (del 2005, inedito in Italia), A Darkling Plain (del 2006, inedito in Italia) e Fever Crumb (del 2009, prequel cronologicamente anteriore agli eventi narrati in Macchine mortali, inedito in Italia). I cinque volumi raccontano la vita di due giovani avventurieri, Tom Natsworthy e Hester Shaw, che vivono in un mondo post apocalittico abitato da città "trazioniste".

Reeve ha scritto anche il musical The ministry of Biscuits, con Brian P. Mitchell, ed è autore di una serie per bambini su Buster Bayliss.

OpereModifica

Serie di Buster BaylissModifica

  • Night of the Living Veg (2002)
  • The Big Freeze (2002)
  • Day of the Hamster (2002)
  • Custardfinger! (2003)

Saga delle Macchine MortaliModifica

  • Macchine mortali, 2004 (Mortal Engines, 2001) Ripubblicato nel 2013 con il titolo di The Hungry City.
  • L'oro dei predoni, 2005 (Predator's Gold, 2003)
  • Congegni infernali (2005)
  • A Darkling Plain (2006)
  • Fever Crumb (2009)
  • A Web of Air (2010)
  • Scrivener's Moon (2011)

Serie di Art Mumby (Larklight)Modifica

Saga di RailheadModifica

  • Capolinea per le stelle, 2016 (Railhead, 2015)
  • Treno Espresso per l'Universo, 2017 (Blackllight Express, 2016)
  • Station Zero (previsto per novembre 2018)

Altri romanziModifica

  • Here Lies Arthur (2007)
  • Doctor Who: The Roots of Evil (2013)

Libri da illustratoreModifica

  • Pantsacadabra! (2006) (con Kjartan Poskitt)
  • Urgum the Axeman (2006) (con Kjartan Poskitt)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN69155234 · ISNI (EN0000 0000 7366 807X · LCCN (ENn96119103 · GND (DE121089657 · BNF (FRcb14473190n (data) · NDL (ENJA01060782 · WorldCat Identities (ENn96-119103