Apri il menu principale
Phyllis Haver

Phyllis Haver (Douglass, 6 gennaio 1899Sharon, 19 novembre 1960) è stata un'attrice statunitense del cinema muto.

Indice

BiografiaModifica

Nata a Douglass nel 1899 con il nome di Phyllis O'Haver, ancora giovane lascia, insieme alla famiglia, il Kansas per trasferirsi a Los Angeles, città dove completa i suoi studi.

Finiti gli studi, trova lavoro come pianista, accompagnando in sala la proiezione dei film. Molto graziosa, alta 1,64, bionda, Phlyllis cerca lavoro come attrice. A un'audizione, viene notata da Mack Sennett. Il produttore, re della commedia e grande scopritore di talenti, la sceglie per il suo "corpo" di bellezze al bagno, le famose Bathing Beauties. Presenti regolarmente nelle comiche di Sennett, sono belle ragazze vestite solo con il costume da bagno con la scusa che le storie dei film si svolgono in qualche spiaggia. Tra le sue "colleghe", Phyllis trova anche una giovanissima Gloria Swanson e la piccante Marie Prevost.

Il suo film d'esordio, Those Bitter Sweets, è alla Keystone Film Company: una commedia diretta da F. Richard Jones nella quale debutta anche la Prevost.

Nel 1927, Phyllis ottiene un ruolo di spessore in Chicago: è una delle due protagoniste assassine (l'altra è Julia Faye) della storia tratta dalla commedia di Maurine Dallas Watkins[1]. Nel 1928, gira un film anche con D.W. Griffith, The Battle of the Sexes, dove - spiritosa ammaliatrice - seduce un nuovo ricco di mezza età. Il quale, persa la testa per lei, sta per rovinarsi, coinvolgendo nella sua rovina anche la famiglia.

All'avvento del sonoro, dopo due film parlati, Haver si ritira a vita privata. Si sposa con il milionario William Seeman, da cui divorzia nel 1945.

Muore all'età di 61 anni, per una overdose di barbiturici il 19 novembre 1960.

FilmografiaModifica

 
Phyllis Haver (1917), una delle Bathing Beauty di Mack Sennett

NoteModifica

  1. ^ Ripresa nel 2002 da Rob Marshall con il suo Chicago interpretato da Renée Zellweger (Roxie Hart) e Catherine Zeta Jones, Velma.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32200251 · ISNI (EN0000 0000 5122 0581 · LCCN (ENno89016917 · GND (DE1076548415 · BNF (FRcb14050433t (data)