Apri il menu principale

Pian della Tortilla

romanzo scritto da John Steinbeck
Pian della Tortilla
Titolo originaleTortilla Flat
Tortilla flats (14775249296).jpg
AutoreJohn Steinbeck
1ª ed. originale1935
1ª ed. italiana1939
Genereromanzo
Lingua originaleinglese
AmbientazioneMonterey, California
Preceduto daAl Dio sconosciuto
Seguito daLa battaglia

Pian della Tortilla è il primo romanzo di successo dello scrittore John Steinbeck. Scritto nel 1935, tratta in modo comico e surreale della vita di un gruppo di paisanos. Le storie che sono raccontate hanno come comune denominatore la vita di queste persone alla perenne ricerca di qualche soldo per un goccio di vino.

Il tenore del romanzo si capisce sin dall'inizio, quando l'autore paragona la casa di Danny alla Tavola Rotonda e i suoi amici ai Cavalieri, nominando Re Artù, Orlando e Robin Hood. Il gruppo di amici ha una visione della vita differente da quella dominante: per loro la prigione è un buon posto dove smaltire sbornie, incontrare amici, rilassarsi e mangiare regolarmente. Una proprietà immobiliare e la ricerca della ricchezza, invece, possono diventare un peso che fa perdere di vista le cose importanti come l'amicizia, l'allegria e la condivisione. Molto meglio, a volte, vivere con dei cani in un pollaio oppure dormire nei boschi dove capita senza affannarsi e arrangiandosi qua e là, magari con qualche furtarello o piccoli imbrogli per procurarsi un po' di vino .

TramaModifica

Il luogo dove è ambientata la storia è Monterey, California, il quartiere in collina dove abitano gli ultimi discendenti dei veri californiani, coloro che hanno nelle vene sangue spagnolo, messicano, indio e caucasico.

«Monterey sorge sul pendio di una collina, e ha dinanzi una baia azzurra, una foresta di alti pini oscuri alle spalle. I quartieri bassi della città sono abitati da americani, italiani che pescano e imbarilano pesce. Ma su, dove città e foresta si confondono, dove le strade sono ancora immuni di asfalto e le cantonate ignorano la servitù della luce elettrica, sta addensata, come nel Galles i britanni, la più antica popolazione di Monterey. È la popolazione cosiddetta dei paisanos.[1]»

Periodo d'ambientazioneModifica

Il periodo è quello della Grande depressione degli anni Trenta quando imperversava la miseria e la vita era ancora più dura per le minoranze etniche, come quella ispanica, socialmente marginalizzata rispetto ai bianchi.

Il tema della povertàModifica

Il libro ottiene un notevole successo e lancia l'autore che riprenderà in altri suoi capolavori (Uomini e topi e Furore) i temi della povertà in modo meno picaresco.

L'autore scriverà poi:

«Ho scritto queste storie perché sono storie vere e perché mi piacevano. Ma le sentinelle della letteratura hanno considerato i miei personaggi con la stupidità delle duchesse che si divertono coi contadini e li compiangono. Queste storie sono pubblicate ed io non le posso più riprendere, ma non sottometterò più al contatto degradante della gente perbene questi bravi esseri fatti di allegria e di bontà, di cortesia ben superiore a tutte le smancerie. Se ho causato loro dei torti raccontando qualcosa delle loro storie, me ne dispiace. Ciò non avverrà più. Adios, monte![2]»

Adattamento cinematograficoModifica

Il romanzo è stato trasposto per il grande schermo nel 1942 da Victor Fleming, con protagonisti Spencer Tracy, Hedy Lamarr e John Garfield; in Italia il film è stato distribuito con il titolo Gente allegra.

EdizioniModifica

NoteModifica

  1. ^ Op. cit., p. 6
  2. ^ dal frontespizio, op. cit.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN214772187 · GND (DE4619525-7 · BNF (FRcb14534020s (data) · WorldCat Identities (EN214772187
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura