Piattaforma politica di Astana

Opposizione Siriana

La piattaforma politica di Astana è stata creata dopo numerosi incontri a Nur-Sultan tra membri delle forze di opposizione siriane. La piattaforma è guidata dalla politica siriana Randa Kassis.[1]

Sequenza temporaleModifica

  • 9 aprile 2015: durante una conferenza stampa durante i colloqui in Siria a Mosca, Kassis ha invitato il presidente kazako Nursultan Nazarbayev a ospitare l'opposizione siriana per un nuovo ciclo di negoziati a causa[2] della neutralità del Kazakistan e dei buoni rapporti con i membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite[3]
  • 21 aprile 2015: Nazarbayev accetta di ospitare il nuovo ciclo di negoziati tra le forze di opposizione siriane.[4]
  • 1º maggio 2015: il ministro degli esteri kazako Erlan Idrisov e Kassis hanno istituito una piattaforma politica per riunire i membri dell'opposizione siriana nella capitale kazaka Astana, che in seguito sarà conosciuta come la "piattaforma politica Astana"[5]
  • 25-27 maggio 2015: prima tornata di negoziati mediata da Idrisov.[6]
  • 28 maggio 2015: le forze di opposizione rilasciano una dichiarazione congiunta che chiede una graduale transizione politica del potere, il ritiro di tutti gli insorti stranieri coinvolti nel conflitto e il rilascio di tutti i prigionieri politici. Hanno anche chiesto che il Kazakistan accetti di ospitarli nuovamente per una seconda tornata di negoziati.[7]
  • 17–18 settembre 2015: il Center of Political and Foreign Affairs (CPFA), guidato da Fabien Baussart, organizza una conferenza dal titolo "Colloqui di pace in Kazakistan" con il governo kazako di Astana.[8] I partecipanti alla conferenza erano numerosi Premi Nobel per la Pace e altri politici di spicco, politici kazaki tra cui il presidente Nazarbayev, Fabien Baussart e Randa Kassis.[9] Durante la conferenza, Kassis chiese a Nazarbayev di ospitare una seconda tornata di negoziati in ottobre, che accettò.[10][11]
  • 2-4 ottobre 2015: seconda tornata di negoziati tra le forze di opposizione siriane guidate dal segretario di stato del Kazakistan Gulshar Abdeskalkova e mediate da Baussart e dal viceministro degli affari esteri del Kazakistan Askar Mussinov.[12][13]
  • 5 ottobre 2015: i partecipanti alla seconda tornata di negoziati rilasciano una dichiarazione congiunta che chiede una riforma della costituzione siriana e del processo elettorale.[13][14]
  • 1º febbraio - 23 marzo 2016: la piattaforma politica di Astana è invitata dall'inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria Staffan de Mistura a partecipare ai colloqui di pace di Ginevra 2016[15] insieme ad altre forze di opposizione tra cui la piattaforma di Mosca, l'High Negotiation Committee (HNC) e la piattaforma del Cairo.[16][17]

Istituzione di una commissione costituzionale sirianaModifica

Nel marzo 2017, la piattaforma politica di Astana ha invitato numerosi accademici, costituzionalisti e figure politiche siriane al fine di iniziare a redigere una nuova costituzione per la Siria[18][19] L'iniziativa è stata lanciata da Kassis e successivamente sostenuta dal Ministero degli Affari Esteri della Russia[20].

La bozza della costituzione siriana è stata completata nel luglio 2017[21] con l'aiuto dell'esperto costituzionalista francese Xavier Latour, ex ministro degli affari esteri della Turchia Yasar Yakis[22] ed ex ministro degli affari esteri d'Italia Giulio Terzi[23]

Il Congresso siriano a SočiModifica

Il 13 gennaio 2018, Soči ha ospitato il Congresso nazionale siriano, dove numerosi rappresentanti etnici siriani e forze di opposizione - compresa la piattaforma di Astana[24] - si sono incontrati per discutere di varie questioni. Kassis ha sottolineato l'importanza di creare un comitato costituzionale al fine di facilitare il processo di pace,[25] che le Nazioni Unite e la troika di Astana - Russia, Iran e Turchia - hanno successivamente concordato[26].

NoteModifica

  1. ^ (EN) Catherine Putz, Why Was Syria’s Opposition in Kazakhstan?, su thediplomat.com. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  2. ^ Межсирийские консультации в Москве: итоги работы, su Международный мультимедийный пресс-центр МИА «Россия сегодня», 9 aprile 2015. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  3. ^ (EN) Catherine Putz, Kazakhstan to Host Syria Talks, su thediplomat.com. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  4. ^ Ambassade de France au Kazakhstan., su kz.ambafrance.org.
  5. ^ وزير خارجية كازخستان استقبل قسيس في استانا وبحثا الأزمة السورية., su mspsy.org. URL consultato il 15 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2020).
  6. ^ (EN) Kazakhstan’s Astana to host Syrian crisis talks in May's end, su Tengrinews.kz, 7 maggio 2015. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  7. ^ (EN) Malika Orazgaliyeva in International on 29 May 2015, Syrian Opposition Meeting in Astana Makes Tentative Headway in Finding Way Forward for Peace Process, su The Astana Times, 29 maggio 2015. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  8. ^ (EN) Kazakhstan Peace Talks – Center of Political and Foreign Affairs, su thecpfa.com. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  9. ^ Мемлекет басшысы Ақылмандар кеңесінің мүшелерімен кездесті — Қазақстан Республикасы Президентінің ресми сайты, su Akorda.kz. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  10. ^ رندا قسيس على طاولة رئيس جمهورية كازاخستان ” سلطان نزار باييف “ – سوريتي, su web.archive.org, 14 febbraio 2019. URL consultato il 15 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2019).
  11. ^ (FR) Réseau Voltaire, Des « sages » pour la Syrie, su Réseau Voltaire. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  12. ^ (RU) Казахстан ждет дальнейших переговоров между сирийскими властями и оппозицией в рамках Женевского процесса, su astanatv.kz. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  13. ^ a b (RU) INFORM.KZ, В Астане подписана итоговая декларация по борьбе с кризисом в Сирии (ФОТО), su www.inform.kz, 4 ottobre 2015. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  14. ^ (EN) Malika Orazgaliyeva in International on 6 October 2015, Representatives of Syrian Opposition Meet in Astana, su The Astana Times, 6 ottobre 2015. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  15. ^ (EN) Karen Zraick, Syria Talks Are Complicated by Competing Opposition Groups, in The New York Times, 29 gennaio 2016. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  16. ^ (EN) Moscow-Astana Group - Media Stakeout (Geneva, 23 March 2016), su United Nations Web TV. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  17. ^ (RU) О встрече Министра иностранных дел России С.В.Лаврова с председателем сирийского оппозиционного «Движения за плюралистическое общество» Рандой Кассис, su www.mid.ru. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  18. ^ The Astana Process - Problems and Prospects by Leonid Gusev, su The Market For Ideas. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  19. ^ (EN) Friends of The Fifth Column, Syrian Kurds Discuss Constitution in Geneva, Want Independence or Confederation, su The Fifth Column, 27 marzo 2017. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  20. ^ (AR) منصة أستانا: غاتيلوف يؤيد مقترحات الخبراء السوريين حول الدستور الجديد, su RT Arabic. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  21. ^ Сирийская оппозиция предлагает проект унитарного государства из 14 регионов, su www.forbes.kz, 5 dicembre 2017. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  22. ^ (AR) ندوة لمنصة أستانة السياسية في جنيف حول الدستور السوري.. ما هي أهم التوصيات؟, su الاتحاد برس. URL consultato il 15 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2018).
  23. ^ Expert Meeting on Syrian Constitution – Giulio Terzi, su giulioterzi.org. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  24. ^ Christina Hebel e Christoph Sydow, Syrien-Konferenz in Sotschi: Frieden, wie Putin ihn mag, in Spiegel Online, 29 gennaio 2018. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  25. ^ (EN) SYRIAN OPPOSITION: RUSSIA PROTECTS SYRIA FROM COLLAPSE, su Special Monitoring Mission to Syria, 31 gennaio 2018. URL consultato il 15 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2019).
  26. ^ (EN) Patrick Wintour Diplomatic editor, Russia's Syrian peace conference teeters on farce, in The Guardian, 30 gennaio 2018. URL consultato il 15 ottobre 2019.