Apri il menu principale
Piazza del Mercato
Markt
Brugge (2406791009).jpg
Markt
Nomi precedentiGrote-Markt, Place Napoléon
Localizzazione
StatoBelgio Belgio
CittàBEL COA Bruges.svg Bruges
Informazioni generali
TipoPiazza
CostruzioneX secolo
Collegamenti
Luoghi d'interesseBeffroi di Bruges
Mappa

Coordinate: 51°12′31″N 3°13′26″E / 51.20861°N 3.22389°E51.20861; 3.22389

La Piazza del Mercato, in neerlandese Markt; è la piazza principale che si trova nel cuore di Bruges, in Belgio.

Si estende su una superficie di circa 1 ettaro e vi si trovano alcune importanti architetture come il complesso del Mercato coperto e Beffroi e la Corte Provinciale. Nel 1995-96 la piazza è stata completamente restaurata e quasi del tutto vietata al traffico.

Ogni mercoledì mattina la piazza ospita un mercato e annualmente viene utilizzata per l'inizio del ciclistico Giro delle Fiandre e per il caratteristico Mercatino natalizio.

Indice

StoriaModifica

 
Il Beffroi coi mercati coperti.
 
Il Markt nel 1562.

Il primo Mercato a Bruges si tenne nel X secolo e intorno al 1200 attirò la prima fiera internazionale. Nel 1220 venne eretto il primo edificio delle Hallen (mercato coperto) sul lato meridionale. Pian piano intorno ad esso sorsero numerosi edifici in legno. Il traffico mercantile della città si sviluppò notevolmente tanto che nel 1240 il mercato coperto venne sostituto da un edificio più grande dotato di una torre civica in legno. La torre distrutta nel 1280 da un incendio venne ricostruita in pietra tra il 1291 e il 1296, l'attuale caratteristico Beffroi.

Il flusso mercantile crebbe a tal punto che nel 1294 si decise la costruzione di un altro grande edificio, sul lato est, detto Waterhalle (Mercato sull'acqua) destinato a scarico coperto e deposito delle merci arrivate all'adiacente Reiekaai tramite le barche provenienti da Damme.

Dal 1396 si stabilì nella piazza il mercato del pesce, con la sua casa della corporazione situata sul lato nord nei pressi della chiesa di San Cristoforo, oggi scomparsa. Nel 1709 vi si costruirà una struttura ferrea destinata al mercato ittico. Tuttavia nel 1745 il mercato del pesce venne traslato nella sede odierna nel Braanberg; e il mercato del grano, allora al Braanberg, trasferito sul Grote-Markt.

Il Grote-Markt accolse da sempre anche i grandi eventi cittadini, come giostre e tornei, feste e processioni, ma anche esecuzioni, che ne fecero il vero cuore pulsante di Bruges.

Nel 1786-87 la piazza venne modificata, vennero abbattuti la Waterhalle, ormai in disuso, e la chiesa di San Cristoforo. Al posto della prima venne eretto un edificio classicista destinato alla Corte provinciale, poi distrutto da un incendio venne rifatto nelle forme attuali neogotiche. Al posto della chiesa venne eretto un gruppo di case, aggettanti rispetto al lato della piazza.

Tra il 1807 e il 1810 la piazza venne nominata "Place Napoléon", in seguito alla dominazione napoleonica; poi ripristinato in "Grote-Markt". La ridenominazione di "Markt" ebbe luogo nel 1936.

Edifici e architettureModifica

 
Il Markt

La piazza ha la forma di un grande rettangolo dalla superficie di 1 ettaro; tutt'intorno sorgono notevoli edifici, per la gran parte antichi.

Al centro sorge il Monumento a Jan Breydel e Pieter de Coninck, capi della rivolta popolare del 1302 contro i Francesi, realizzato nel 1887 dal fiammingo Paul De Vigne[1].

Lato orientaleModifica

 
Il Lato orientale.

Il lato orientale della piazza era tutto occupato, fino al 1787, dalla Waterhalle, grande edificio duecentesco volto allo scarico e stoccaggio delle merci provenienti per barca da Damme. Caduto in disuso venne demolito e nel 1850 sostituito da un grande edificio neoclassico della Provinciaal Hof, Corte provinciale. Nel 1878, la sezione centrale andò distrutta da un incendio e nel 1887 iniziò la costruzione della nuova Corte provinciale, l'odierna, in stile neogotico, opera degli architetti locali L. Delacenserie e R. Buyck.

  • n°3: Provinciaal Hof, la Corte provinciale, eretta in pietra bianca, venne terminata nel 1892, come sede ufficiale e di rappresentanza del Consiglio Provinciale Fiandre Occidentali.
  • n°5: Postgebouw, Edificio delle Poste, attaccato al lato destro della Corte sorge questo palazzo eretto in mattoni rossi e terminato nel 1891.
  • n°1: Gouverneurswoningen, la Casa del Governatore sorge adiacente il lato sinistro della Corte. Venne eretta su progetto dell'architetto di Ypres J. Coomans fra il 1910 e il 1912.

L'edificio presenta una facciata in pietra blu e una torre scalare che ricorda il Poortersloge. Venne progettato come residenza per il governatore, ma finalmente non venne mai utilizzato in tale funzione e venne destinato a varie amministrazioni pubbliche.

Lato meridionaleModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Beffroi di Bruges.
 
I lati sud e ovest.

Tutto il lato sud è occupato dall'edificio principale della piazza: il Mercato coperto con il suo Beffroi. Eretti a partire dal XIII secolo sono divenuti i simboli stessi della città. Soprattutto il bel beffroi, terminato nel XV secolo e alto 83 metri, che conserva un carillon di 47 campane[1].

Lato occidentaleModifica

 
Il lato occidentale verso nord.

Le due case che sorgono su entrambi gli angoli della Sint-Amandsstraat, la Boechoutehuis e la Huis Craenenburg con facciate del XV secolo, sono le più antiche della piazza.

  • n° 15: Boechoutehuis, risale alla fine del XV secolo[1]. Nel 1682 il Comune di Bruges vi installa una banderuola segnavento; e nel 1837 un globo d'oro che con una linea di mattoni bianchi posta sulla pavimentazione della formava una meridiana, sulla linea esatta di passaggio del Meridiano di Bruges.
  • n° 16: Huis Craenenburg, presenta un'altra bella facciata gotica quattrocentesca, una volta a frontone, poi modificata nel 1822 con l'aggiunta della merlature e dei pinnacoli. Nel 1488 i borghesi della città vi tennero prigioniero l'imperatore Massimiliano d'Austria[1].
  • n° 17: Huis Die Maene, presentava una facciata medievale in legno che venne sostituita con l'attuale neogotica a mattoni gialli e pietra ocra nel XVIII secolo.
  • n° 21: Muntatelier o Oude Munte, l'Antica Zecca, presenta una bella facciata mattoni con timpano realizzata nel 1623.

Lato settentrionaleModifica

 
Il lato settentrionale.

Il lato nord della piazza è caratterizzato dalle tipiche case dai frontoni a gradoni risalenti al XVI-XVII secolo. Sulla sinistra, fino al 1786, sorgeva la gotica chiesa di San Cristoforo, che poi demolita, venne sostituita da un blocco di edifici neoclassici aggettanti rispetto alla parte destra. Fra essi spiccano:

  • n° 28: Gildehuis Het Mandetje, o Le Panier d'Or, antica Casa della corporazione dei Tegolai, di origine lignea medievale, venne rifatta in mattoni nel 1662 con il caratteristico frontone.
  • n° 31: La Civiere d'Or, del XVII secolo.
  • n° 33: Ambachtshuis van de visverkopers, antica Casa della corporazione dei Pescatori e Pescivendoli; presenta una grande facciata a quattro livelli aperta da grandi finestre e sormontata da merlatura. Presenta due edicole con le statue dei santi patroni della corporazione San Pietro e Sant'Andrea. La facciata venne rifatta nel 1621 ancora con un'influenza gotica.

NoteModifica

  1. ^ a b c d "Belgio", Guida TCI, 1999, pag. 51.

BibliografiaModifica

  • (FR) Adolphe Duclos: Bruges, histoire et souvenirs, Bruges, 1910.
  • (NL) Guill. Michiels: De Brugse Markt 1200/1918, Bruges, 1973
  • (NL) Albert Schouteet: De straatnamen van Brugge, Ed. Oorsprong en betekenis, Bruges, 1977, ISBN 9789062675036
  • (NL) Luc Devliegher: Van Waterhalle tot Provinciaal Hof, Ed. Tielt, 1994

Altri progettiModifica