Torta

prodotto di cucina, generalmente di forma rotonda, che può essere dolce o salato
(Reindirizzamento da Pie (gastronomia))
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Torta (disambigua).

Torta è un termine generico utilizzato in italiano e in altre lingue dell'Europa meridionale per riferirsi a un dolce normalmente cotto in forno e generalmente di forma rotonda e piatta (ma anche a ciambella, a mattonella o a cupola), a volte da consumare in occasione di ricorrenze ed eventi particolari.[1] Il lemma "torta" viene anche applicato a preparazioni salate che prevedono un involucro di pasta e un ripieno.[1]

Una torta di compleanno

Etimologia e storiaModifica

Stando ad alcune fonti, il termine "torta" deriva dal latino tortus, participio passato di torquere, ovvero "piegare" o "avvolgere".[1] La più antica ricetta di torta nota è la torta alla parmigiana, presente nel Liber de Coquina (XIII secolo), e comprende sei o più strati di ingredienti diversi.

CaratteristicheModifica

 
Torta di mele

Ne esistono di svariati tipi, classificati generalmente:

  • In base al tipo di preparazione: dolce o salata.
  • In base alla temperatura di servizio: calda, semifredda o fredda.
  • Secondo il metodo di produzione: cotta o cruda.
  • In base alla forma dello stampo: a ciambella, a mattonella, a cupola.[1]
  • in base al tipo di ingredienti usati: vegani.

All'esteroModifica

In vari Paesi esteri, le torte dolci e salate si suddividono in due grandi categorie non riconosciute nella lingua italiana:

  • Quelle formate da un pane dolce, più o meno arricchito, solitamente modellato dalla teglia in cui è cotto.[2][3] Solitamente costituite da farina, zucchero, uova, una componente grassa (ad esempio burro, olio o margarina), una componente liquida e agenti lievitanti.[3] A seconda del Paese di provenienza esse prendono un dato nome. Ad esempio, questo tipo di torte è conosciuto come cake nei paesi anglosassoni, e gâteau in quelli francofoni.
  • Quelle realizzate rivestendo un contenitore poco profondo con un impasto steso sottilmente e riempiendolo con una miscela che può essere dolce o salata. Esse vengono quindi cotte finché la crosta è croccante e il ripieno è cotto; in alcune di esse può essere aggiunto un secondo strato di pasta in cima, per formare anche una crosta superiore.[2][4] In questa categoria di piatti vi sono la crostata,[2] la pecan pie,[3] la torta di zucca,[3][2] la shoofly pie,[4] la mock apple pie, la quiche e la torta pasqualina. Nei paesi di lingua inglese esse sono conosciute come pie, mentre in Francia sono note come tourte.

Nella cultura popolareModifica

 
Torte di torrone esposte in vetrina a Venezia.

Esistono alcuni modi di dire inerenti alle torte fra cui spartirsi la torta:, che significa dividersi i proventi di un'attività, spesso illecita, e fare la torta, cioè mettersi d'accordo per ottenere dei vantaggi. Ad esempio in una partita di calcio, fare la torta ha il significato di mettersi d'accordo prima sull'esito finale dell'incontro.

NoteModifica

  1. ^ a b c d autori vari, Dizionario delle cucine regionali italiane, Slow Food, 2010, p. 705.
  2. ^ a b c d Miriam Barone, Ma che differenza c’è tra Pie e Cake?, su agrodolce.it, 6 dicembre 2018. URL consultato il 27 novembre 2020.
  3. ^ a b c d (EL) Cake, in Enciclopedia Britannica. URL consultato il 27 novembre 2020.
  4. ^ a b (EL) Pie, in Enciclopedia Britannica. URL consultato il 27 novembre 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 62907
  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina