Apri il menu principale

Pier Luigi Meciani

allenatore di calcio, dirigente sportivo e ex calciatore italiano
Pier Luigi Meciani
Associazione Calcio Ternana 1970-1971.jpg
Meciani (in piedi, quarto da sinistra) nella Ternana della stagione 1970-1971
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1971 - giocatore
1989 - allenatore
Carriera
Giovanili
19??-1964 Pisa
Squadre di club1
1964-1965 Pietrasanta 22 (0)
1965-1966 Massese 34 (0)
1966-1968 Potenza 30 (0)
1968-1969 Anconitana 5 (0)
1969-1970 Siena 12 (0)
1970-1971 Ternana 3 (0)
1971-1972 600px bisection vertical HEX-1D913D Black.svg Acquasparta ? (?)
Carriera da allenatore
1972-1973 non conosciuta Volterrana
1973-1974 Rovereto
1974 Nocerina
1976-1978 Viareggio
1979 Pisa
1981-1982 Piacenza
1989 Pisa Vice
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Pier Luigi Meciani detto Franco[1][2][3] (Pisa, 25 agosto 194116 giugno 2013[2][3]) è stato un allenatore di calcio, dirigente sportivo e calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Indice

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Cresciuto nel settore giovanile del Pisa[3], milita nel Pietrasanta in Serie D e nella Massese in Serie C, prima di approdare in Serie B con il Potenza[4], portato da Romeo Anconetani[3]. Con i lucani disputa due campionati cadetti tra il 1966 e il 1968, collezionando 26 presenze complessive; viene confermato anche per il successivo campionato di Serie C[5], prima di trasferirsi nel mercato autunnale all'Anconitana[6]. Nel campionato 1969-1970 si trasferisce al Siena, sempre in terza serie[7]. Nel 1970-1971 scende in campo 3 volte tra i cadetti con la maglia della Ternana[8], e chiude la carriera con una stagione nell'Acquasparta, tra i dilettanti umbri.

Allenatore e dirigenteModifica

Inizia la carriera di allenatore subito dopo la conclusione di quella agonistica, alla Volterrana (tra i dilettanti) e al Rovereto in Serie D[9]. Nel 1974 passa alla Nocerina, in Serie C, dove viene esonerato nelle prime battute del campionato[9]. Tra il 1976 e il 1978 è sulla panchina del Viareggio, nel campionato di Serie D: nella stagione 1977-1978 ottiene il sesto posto dopo lo spareggio con la Rondinella, guadagnando la promozione nella neonata Serie C2[2].

Nell'aprile 1979 viene chiamato da Romeo Anconetani alla guida del Pisa, nel campionato di Serie C1. Sostituisce Gianni Seghedoni (che a sua volta aveva rilevato Giampiero Vitali[10]), esonerato dopo la sconfitta casalinga nel derby contro il Livorno[11], e conquista la promozione in Serie B, categoria nella quale viene riconfermato nonostante l'inesperienza[12]. La sua permanenza sulla panchina pisana dura sette giornate, nelle quali ottiene cinque pareggi e due sconfitte pur con una formazione rinforzata nel mercato estivo[13]: dopo la sconfitta interna contro il Matera si dimette[13][14], e viene sostituito da Sergio Carpanesi, rimpiazzato più avanti da Giuseppe Chiappella[10].

Nel corso del campionato di Serie C1 1981-1982 subentra a Bruno Fornasaro sulla panchina del Piacenza[15]: pur tra diverse polemiche legate alla gestione dello spogliatoio[15] ottiene la salvezza, e viene riconfermato nel campionato successivo. La stagione è travagliata da problemi economici e dirigenziali, e Meciani viene esonerato in autunno, provocando la dura reazione del tecnico nei confronti della società piacentina[16].

Negli anni successivi ritorna al Pisa, con compiti di osservatore per conto della società di Anconetani[1][17], nella quale lavorava come preparatore atletico anche il fratello Luciano[18]. Nel marzo 1989 torna in panchina, come assistente di Luca Giannini al Pisa, dopo l'esonero di Bruno Bolchi[19].

Nel 1994, dopo il fallimento, fa parte della cordata di imprenditori che iscrivono il Pisa al campionato di Eccellenza, rivestendo anche il ruolo di direttore sportivo[1][18].

NoteModifica

  1. ^ a b c Nuova cordata di imprenditori, Il Tirreno, 13 luglio 2009
  2. ^ a b c È morto Pier Luigi Meciani, ex allenatore del Viareggio, Il Tirreno, 19 giugno 2013
  3. ^ a b c d “Controcorrente” di Giuliano Fontani: “Il calcio disincantato di Franco Meciani” Pisanews.it
  4. ^ Il Calcio Illustrato, Carcano Edizioni, 1968, p. 202.
  5. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Carcano Edizioni, 1969, p. 261.
  6. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Carcano edizioni, 1970, p. 263.
  7. ^ C.Fontanelli, N.Natili, 100 anni con la Robur, GEO Edizioni, p.278
  8. ^ Databaserossoverde.it - Tutti i giocatori
  9. ^ a b Conosciamoli meglio, Tutto B-C, n.7, settembre 1982, pag.56
  10. ^ a b Assunzione con licenziamento, L'Unità, 20 settembre 1991, pag.29
  11. ^ « C/1 »: rischi per il Pisa, L'Unità, 28 aprile 1979, pag.13
  12. ^ Grande cena in piazza dopo la promozione del Pisa in B, L'Unità - sezione Toscana, 13 giugno 1979, pag.13
  13. ^ a b Sul Pisa (senza trainer) soffia il vento dei debiti, L'Unità - sezione Toscana, 30 ottobre 1979, pag.11
  14. ^ Pisa perde: si dimette l'allenatore Meciani, La Stampa, 29 ottobre 1979, pag.16
  15. ^ a b Stagione 1981-1982 Storiapiacenza1919.it
  16. ^ Stagione 1982-1983 Storiapiacenza1919.it
  17. ^ Il Pisa strizza l'occhio alla nuova Mitropa, L'Unità, 14 novembre 1985, pag.13
  18. ^ a b E (sic) morto Luciano Meciani. I funerali oggi nella chiesa di S. Stefano, Il Tirreno, 30 marzo 1998
  19. ^ Esonerato Bolchi, arriva Giagnoni?, Stampa Sera, 13 marzo 1989, pag.25

BibliografiaModifica

  • Almanacco Illustrato del Calcio, ed.Panini, annata 1967
  • Ristampe degli Album Panini, annate 1966-1967 e 1967-1968

Collegamenti esterniModifica