Apri il menu principale
Pierluigi Piccini

Sindaco di Siena
Durata mandato 29 novembre 1990 –
14 maggio 2001
Predecessore Vittorio Mazzoni della Stella
Successore Maurizio Cenni

Dati generali
Partito politico PCI (fino al 1991)
PDS (1991-1998)
DS (1998-2004)
Titolo di studio Laurea in Filosofia
Università Università degli Studi di Siena

Pierluigi Piccini (Roma, 10 novembre 1952) è un politico italiano, sindaco di Siena dal 1990 al 2001.

BiografiaModifica

Dopo una breve esperienza sindacale nella CGIL, entra in consiglio comunale a Siena come assessore alle attività economiche e successivamente assessore all'urbanistica e vicesindaco nella giunta di Vittorio Mazzoni della Stella. Nel 1990 viene eletto sindaco dal consiglio comunale, per poi essere riconfermato nelle elezioni dirette del 1993 e del 1997, amministrando il comune fino al 2001.

Dal 2001 al 2013 svolge ruoli manageriali da vice direttore generale della Monte dei Paschi Banque a Parigi.

Nel 2004 viene espulso dai Democratici di Sinistra in quanto accusato di aver dato il suo sostegno, durante le elezioni amministrative del 2004 a candidati esterni al partito[1].

Tenta nuovamente a farsi eleggere primo cittadino in occasione delle elezioni comunali del 2006 e del 2018: nella prima occasione riesce a classificarsi secondo, venendo sconfitto già al primo turno, mentre nel secondo caso si classifica terzo, con la lista civica che lo sostiene che risulta essere la più votata; comunica in seguito di dare il proprio sostegno al sindaco uscente Bruno Valentini, poi sconfitto al secondo turno[2].

NoteModifica

  1. ^ La Quercia punisce l'ex sindaco prodigio, su ricerca.repubblica.it, 27 agosto 2004.
  2. ^ Valentini-Piccini, ufficializzato l'apparentamento per il ballottaggio, su corrieredisiena.corr.it, 16 giugno 2018.

Voci correlateModifica