Piero Angela

divulgatore scientifico, giornalista, conduttore televisivo e saggista italiano (1928-2022)

Piero Domenico Angela[1] (Torino, 22 dicembre 1928[2]Roma, 13 agosto 2022[3][4]) è stato un divulgatore scientifico, giornalista, conduttore televisivo e saggista italiano, con una breve carriera professionistica iniziale anche come musicista jazzista e pianista.

Piero Angela nel 2007

Iniziò la carriera come cronista radiofonico, divenendo poi inviato e affermandosi successivamente come conduttore del telegiornale Rai, tuttavia resta noto soprattutto come ideatore e presentatore di trasmissioni di divulgazione in stile anglosassone, con cui ha dato vita a un filone documentaristico della televisione italiana, e per il suo giornalismo scientifico anche espresso in numerose pubblicazioni saggistiche.[5] Ha ricevuto riconoscimenti ufficiali per l'importante opera di avvicinamento del pubblico al mondo della cultura e della scienza svolta nell'arco di gran parte della propria vita.[6][7][8][9]

BiografiaModifica

«Il mio corpo è come una macchina: il motore avrà anche 80 000 chilometri, ma il guidatore ha solo 45 anni»

(Piero Angela[10][11])

Piero Angela scrisse che la razionalità gli fu insegnata da suo padre,[12] il medico antifascista Carlo Angela, insignito della medaglia dei Giusti tra le nazioni.[13] Secondo il collega Gigi Marzullo «il suo perfetto autocontrollo e la sua compassata cordialità riflettono in parte la sua indole schiva e in parte sono iscritte nel codice genetico di questo piemontese educato alla razionalità e alla tolleranza».[14] Lo stesso Angela dichiarò di aver ricevuto «un'educazione molto piemontese: molto rigida, con principi molto severi, tra cui quello di tenersi un passo indietro sempre, mai esibire».[15] D'altro canto, con riferimento alla propria istruzione scolastica, egli scrisse:

«Personalmente, mi sono annoiato mortalmente a scuola e sono stato un pessimo studente. Tutti coloro che si occupano di insegnamento dovrebbero ricordare continuamente l'antico motto latino "ludendo docere", cioè "insegnare divertendo".[16]»

L'unico insegnante di cui ebbe un buon ricordo fu un prete, Don Carlo Ughetti, nonostante fosse una scuola laica, che tra la quarta e quinta elementare realizzava esperimenti scientifici in classe:

«Portava lui stesso degli strumenti per spiegarci i vasi comunicanti, la produzione di gas idrogeno per elettrolisi, o per mostrarci il funzionamento di una pila, con la produzione di elettricità. Cose che certamente mi hanno lasciato un segno.[17]»

Frequentò i licei classici Vittorio Alfieri e Massimo d'Azeglio a Torino[18][19][20][21] e successivamente il Politecnico di Torino, interrompendo gli studi prima della laurea una volta assunto in Rai.

Piero Angela era agnostico.[22] Sposatosi nel 1955 a Torino presso la Chiesa della Madonna degli Angeli con Margherita Pastore (1934), ebbe da lei i figli Christine (1958) e Alberto (1962).[23]

MusicaModifica

Piero Angela
 
Nazionalità  Italia
GenereJazz
Periodo di attività musicale1948 – 1952

«Gli individui che incontrano il maggior successo (e non solo con le donne) solitamente sono forti dentro e cortesi fuori. È un po' come per il pianoforte. Ricordo sempre quello che mi diceva la mia vecchia insegnante di pianoforte: per avere un buon tocco occorrono dita di acciaio in guanti di velluto... forse anche nella vita è così.»

(Piero Angela[24])

All'età di sette anni iniziò a prendere lezioni private di pianoforte, sviluppando in seguito un interesse per la musica jazz. A vent'anni, nel 1948, si produsse con il nome di Peter Angela in varie jam session nei jazz-club torinesi.[25][26]

Nello stesso anno fu notato dall'impresario Sergio Bernardini che lo invitò a suonare nella serata inaugurale della Capannina di Viareggio.[27] Nei primi anni cinquanta formò, insieme con il batterista Franco Mondini, un trio jazz in cui si alternarono vari contrabbassisti. Al trio si aggiunsero spesso solisti di richiamo, quali ad esempio Nini Rosso, Franco Pisano, Nunzio Rotondo e l'ex cornettista di Duke Ellington, Rex Stewart. Insieme con Mondini, Angela avrebbe poi fatto parte per qualche tempo del quartetto di Rotondo.[28] Ha suonato anche con il chitarrista Franco Cerri, di cui era amico e del quale raccontò che nel 1946, non potendo comprare il biglietto, andava a sentire i concerti da fuori, raggiungendo in bicicletta il retro del locale torinese in cui si esibiva con Gorni Kramer e il Quartetto Cetra.[29] Nel frattempo assunto in Rai, nel 1952 cessò l'attività musicale professionistica per dedicarsi al giornalismo.

Pur non avendo continuato la carriera come musicista, Piero Angela rimase un cultore del jazz, suonando spesso insieme a jazzisti professionisti; quando una trasmissione da lui condotta toccava argomenti in qualche modo connessi con la musica, per esempio i fenomeni acustici, coglieva l'occasione per esibirsi al pianoforte.

«Nella nostra musica c'è la passione, una specie di virus che continua negli anni e non finisce mai. Allora, la cosa interessante è che i musicisti che amano il jazz magari fanno il loro lavoro [...], ma poi si ritrovano dopo, per suonare. [...] Questo perché la musica jazz è creativa; mentre la musica classica è esecutiva, cioè i musicisti eseguono la partitura, non scritta da loro, nel jazz si è autori, si è compositori e improvvisatori in tempo reale. E la musica che esce è sempre diversa, è questo che diverte, la creatività.»

(Piero Angela[29])

GiornalismoModifica

Il primo incarico nell'ente radiotelevisivo di Stato fu quello di cronista, nel 1951[30], come collaboratore del Giornale Radio Rai. Nel 1954, con l'avvento della televisione, Angela passò al Telegiornale, per il quale fu corrispondente, prima da Parigi e poi da Bruxelles, dal 1955 al 1968. Insieme con Andrea Barbato, nel 1968 fu il conduttore della prima edizione del Telegiornale Nazionale delle 13:30 e nel 1976 fu il primo conduttore del TG2.

Lavorò diverse volte come inviato di guerra. Nel 1967 si recò in Iraq durante la Guerra dei sei giorni, dove fu arrestato insieme ad altri giornalisti e successivamente rilasciato lo stesso giorno.[31] Nel 1968 fu invece in Vietnam, dove intervistò soldati americani e contadini.[32]

Influenzato dalla lezione documentaristica di Roberto Rossellini, nel 1968 realizzò una serie di documentari dal titolo Il futuro nello spazio, sul tema del programma Apollo; durante le riprese effettuate negli Stati Uniti realizzò anche numerosi collegamenti in diretta per la Rai in occasione del lancio del vettore Saturn V che portò i primi astronauti sulla Luna. Iniziò quindi una lunga attività di divulgazione scientifica che negli anni successivi lo portò a produrre numerose trasmissioni di informazione tra cui Destinazione Uomo (dieci puntate), Da zero a tre anni (tre puntate), Dove va il mondo? (cinque puntate), Nel buio degli anni luce (otto puntate), Indagine sulla parapsicologia (cinque puntate), Nel cosmo alla ricerca della vita (cinque puntate).

Durante la carriera in Rai, Angela divenne molto amico del presentatore Enzo Tortora; sulla tragica vicenda giudiziaria di quest'ultimo disse:

«quando fu protagonista di quella triste pagina, proprio perché lo conoscevo e sapevo che tipo di uomo per bene fosse, ho avuto paura che accadesse lo stesso a me. Da quel giorno ho iniziato a tenere un diario dettagliato di tutto quello che facevo durante il giorno, ora per ora, minuto per minuto. Così, se mi avessero arrestato, sarei stato in grado di dimostrare, nero su bianco, la mia giornata.[33]»

Nel febbraio 2006, alla vigilia delle elezioni politiche in Italia, il Corriere della Sera chiese ai lettori con un sondaggio sul proprio sito web quale personalità del giornalismo avrebbero preferito per moderare l'imminente dibattito televisivo tra i due leader delle maggiori coalizioni, Romano Prodi e Silvio Berlusconi. I votanti diedero nettamente la propria preferenza a Piero Angela, che precedette una folta schiera di giornalisti politici. Intervistato dal Corriere, Angela disse di considerare il risultato come un'attestazione di fiducia verso il proprio lavoro, ma di non sentirsi idoneo a un simile incarico.[34] I due moderatori furono poi Clemente Mimun e Bruno Vespa.


Divulgazione scientificaModifica

 
Piero Angela con il figlio Alberto, durante le riprese della serie Il pianeta dei dinosauri (1993)

Dall'inizio degli anni settanta, Angela si dedicò anche alla realizzazione di programmi televisivi dedicati alla divulgazione. Il primo di essi fu Destinazione uomo (1971), una delle prime trasmissioni televisive di tale genere rivolta a un pubblico generalista. A partire dal 1981 ebbe inizio la serie Quark:

«Il titolo Quark è un po' curioso e lo abbiamo preso a prestito dalla fisica, dove molti studi sono in corso su certe ipotetiche particelle subnucleari chiamate appunto quark, che sarebbero i più piccoli mattoni della materia finora conosciuti. È quindi un po' un andare dentro le cose.»

(Piero Angela, presentando la prima puntata del programma nel 1981[35])

La formula di Quark era al tempo particolarmente innovativa: si misero in campo tutti i mezzi tecnologici a disposizione e le risorse della comunicazione televisiva per rendere familiari i temi trattati, come i documentari della BBC e di David Attenborough, i cartoni animati di Bruno Bozzetto usati per spiegare i concetti più difficili, le interviste con gli esperti esposte nel linguaggio più chiaro possibile compatibilmente con la complessità degli argomenti, le spiegazioni in studio. Dal programma-base nacquero diversi spin-off, alcuni dei quali tuttora prodotti: documentari naturalistici (Quark speciale e Il mondo di Quark), finanziari (Quark Economia) e politici (Quark Europa).

Del 1984 è il suo progetto Pillole di Quark, clip di trenta secondi su argomenti tecnici, scientifici, educativi, sociali, medici, in onda a orari variabili su Rai 1. Nello stesso anno Angela realizzò il primo talk show con finalità di intrattenimento misto a divulgazione scientifica: sei prime serate in diretta col pubblico dal Foro Italico, con personaggi del mondo della cultura, della scienza, dello spettacolo e dello sport sul palco a interagire con la platea.

Nel 1986 e nel 1987 condusse dal Palazzetto dello Sport di Torino, davanti a ottomila spettatori, due prime serate su Rai 1 sui problemi del clima: atmosfera e oceani, cui fecero seguito tre serie televisive che sfruttavano le nuove tecnologie di rappresentazione grafica tramite computer: un viaggio dentro il corpo umano (La macchina meravigliosa, in otto puntate), nella preistoria (Il pianeta dei dinosauri, in quattro puntate), e nello spazio (Viaggio nel cosmo, in sette puntate). Queste serie, realizzate con la collaborazione di suo figlio Alberto, furono tradotte in inglese e vendute in oltre quaranta Paesi europei, americani e asiatici, paesi arabi e Cina inclusi.

Del 1988 è anche Quark italiani, una serie di documentari di natura, ambiente, esplorazione, mondo animale prodotti e realizzati da autori italiani, tra cui lo stesso Alberto Angela, che realizzò alcuni documentari in Africa.

Nella sua autobiografia descrisse le circostanze che portarono a Superquark, quando per contrastare la concorrenza con Mediaset era necessario avere in prima serata un programma forte che arrivasse fino al Telegiornale della notte: «Alcuni programmi "pigliatutto" erano già cominciati da tempo, e Brando Giordani, allora direttore di Rai 1, mi telefonò chiedendomi di fare un "Quark" di due ore, anziché di una.»[36]

 
Piero Angela nel 2013.

Nel 1995 nacque infatti Superquark, nel corso del quale, il 4 giugno 1999, vennero celebrate le duemila puntate del Progetto Quark e relative filiazioni. Nello stesso anno vennero prodotti anche gli Speciali di Superquark, serate monotematiche su argomenti di grande interesse sociale, psicologico e scientifico, e la collaborazione al programma televisivo Domenica in, nel quale ricoprì il ruolo di conduttore di uno spazio dedicato alla cultura. Nel 1997 nacque Quark atlante - Immagini dal pianeta.

A partire dal 2000, insieme al figlio Alberto, fu autore di Ulisse, programma a puntate monografiche riguardanti scoperte storiche e scientifiche.

Parallelamente all'attività divulgativa in televisione, Angela svolse l'attività editoriale, sempre a contenuto informativo. Per lungo tempo curò la rubrica «Scienza e società» sul settimanale TV Sorrisi e Canzoni e del mensile Quark, di cui fu anche supervisore, da lui stesso fondato nel 2001 e sciolto nel 2006 per mancanza di fondi. Il mensile, ispirandosi all'omonima trasmissione televisiva, trattava temi scientifici in maniera accessibile al pubblico. Piero Angela scrisse inoltre oltre trenta libri, molti dei quali vennero tradotti in inglese, tedesco e spagnolo, con una tiratura complessiva di oltre tre milioni di copie.

Stile e ruolo della divulgazioneModifica

Negli anni settanta Piero Angela ha dichiarato di seguire uno stile informale, lontano dagli standard seriosi dell'epoca, avvicinandosi al linguaggio del pubblico catturardo l'attenzione con esempi, battute umoristiche e trovate.[37] Riteneva che la maggiore difficoltà della divulgazione scientifica fosse spiegare i concetti complessi in modo semplice mantenendo l'integrità del messaggio.[38]

«Quando un lettore (o ancor più un telespettatore) non capisce, la colpa non è sua: ma di chi non ha saputo comunicare. Cioè dell'autore. È stato lui a cacciarlo via. [...] quando sono in moviola, se ho dei dubbi sulla chiarezza di un passaggio o di una sequenza, chiamo il primo che passa nel corridoio (un montatore, una segretaria, un passafilm), mostro la sequenza e chiedo il loro parere. Se vedo un'ombra di dubbio nei loro occhi, rismonto e ricomincio da capo. Perché vuol dire che avevo sbagliato io.»

(Piero Angela, Viaggi nella scienza, 1982[38])

Angela affermava che la divulgazione scientifica è una condizione essenziale per la partecipazione alla vita democratica, di cui conoscenza e consapevolezza sono presupposti.

«La democrazia non può basarsi sull'ignoranza dei problemi, perché uno dei suoi grandi obiettivi è proprio quello di rendere i cittadini responsabili e consapevoli, in modo che possano esercitare i loro diritti utilizzando al meglio la loro capacità di capire.»

(Piero Angela, Viaggi nella scienza, 1982[38])

Il CICAPModifica

Nel 1989 fu tra i fondatori del CICAP, associazione per il controllo sulle pseudoscienze, nata per promuovere l'educazione scientifica e lo spirito critico, nonché per indagare sull'effettiva esistenza dei presunti fenomeni paranormali. Uno slogan dell'associazione, «Bisogna avere sempre una mente aperta, ma non così aperta che il cervello caschi per terra», è diventata una frase frequentemente attribuita a Piero Angela,[39] sebbene si tratti in realtà di un modo di dire[40] già attribuito ad altre personalità celebri.[41]

Socio effettivo dell'associazione, nel maggio 2016 venne nominato presidente onorario.[42]

La citazione in giudizio per diffamazioneModifica

 
Piero Angela si congratula con la dodicenne Marina Brunello alle Olimpiadi degli scacchi di Torino 2006

Nel 2000 fu citato in tribunale per diffamazione da due associazioni omeopatiche (la FIAMO e la SIMO in una causa civile e una penale), in seguito alla trasmissione di Superquark dell'11 luglio 2000 nella quale la medicina omeopatica venne accusata di non avere fondamento scientifico certo.[43] Angela, difeso dagli avvocati Giulia Bongiorno e Franco Coppi, fu assolto in entrambe le cause e il giudice riconobbe la non scientificità della disciplina.[44][45]

La morteModifica

Piero Angela morì nella sua abitazione romana il 13 agosto del 2022, all'età di 93 anni, in seguito a una lunga malattia. A darne per primo l'annuncio è stato il figlio Alberto sui social.[46]

Al momento della morte di Angela, era in onda la ventinovesima stagione di SuperQuark, le cui ultime puntate furono registrate mentre il celebre divulgatore era ormai malato: la sera di quel giorno venne trasmessa una di queste puntate inedite, preceduta dal messaggio che Angela stesso aveva scritto poco prima di spirare.[47]

La mattina del 16 agosto venne allestita la camera ardente presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio, dove lo stesso giorno fu celebrato il funerale con rito laico.[48] Infine la salma venne portata presso il cimitero Flaminio per la cremazione.

Il congedo

Poco dopo il decesso, la Rai ha pubblicato un messaggio di congedo di Piero Angela dai suoi telespettatori, dettato ai familiari appena un giorno prima e destinato a essere diffuso tramite i canali social del programma SuperQuark.[49]

«Cari amici, mi spiace non essere più con voi dopo 70 anni assieme. Ma anche la natura ha i suoi ritmi.»

Nel messaggio il giornalista si riferisce alla sua esperienza professionale come a "un'avventura straordinaria, vissuta intensamente", di cui ringrazia la scienza, un metodo che consente un approccio ai problemi "razionale ma al tempo stesso umano", e il "grande gruppo di autori, collaboratori, tecnici e scienziati" con cui nel tempo ha collaborato. E contiene un messaggio:

«Carissimi tutti, penso di aver fatto la mia parte. Cercate di fare anche voi la vostra per questo nostro difficile Paese

Altre attivitàModifica

RiconoscimentiModifica

Programmi televisiviModifica

Programmi radiofoniciModifica

  • Telescopio (Secondo Programma, 1954)

FilmografiaModifica

  • I luoghi della speranza, regia di Enzo Dino - docufilm (2021)

VideografiaModifica

VideocassetteModifica

  • Videoenciclopedia dei ragazzi (1991)
  • Videoenciclopedia della natura (1991)
  • Viaggio nel mondo degli animali (1992)
  • Animali in primo piano (1994)
  • L'universo - Grande enciclopedia dell'astronomia (1997)

Collane DVDModifica

  • La grande Storia dell'Uomo, 27 DVD, RaiTrade-RCS (2008)
  • Viaggio nella Scienza, 30 DVD, Rai Trade-RCS (2009)
  • Capolavori delle grandi civiltà, 30 DVD, Rai Trade-RCS (2010-2011)
  • Antico Egitto-Antica Roma, 30 DVD, Rai Eri-RCS (2012)
  • Il Cosmo. Alla scoperta dell'universo, 30 DVD, Rai Eri-RCS (2013-2014)

OpereModifica

OnorificenzeModifica

Onorificenze italianeModifica

  Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica.»
— 30 maggio 2001[58]
  Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte
«Giornalista e scrittore. Ha il merito di aver affrontato la divulgazione scientifica con un linguaggio chiaro e preciso, comprensibile a tutti.»
— 2 aprile 2002.[59]
  Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica.»
— 26 maggio 2004.[60]
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana
«Giornalista e conduttore televisivo. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.»
— 26 aprile 2021[61][62]

AccademicheModifica

  Laurea honoris causa in Scienze Naturali
— Università degli Studi di Camerino, 26 gennaio 1988
  Laurea honoris causa in Biologia
— Università degli Studi di Ferrara, Ferrara 15 febbraio 1992[63]
  Medaglia d'oro dell'Ordine della Minerva
— Università degli Studi "Gabriele d'Annunzio", Chieti 24 gennaio 1998[64]
  Laurea honoris causa in Scienze Biologiche
— Università degli Studi di Palermo, Palermo 30 giugno 2001[65]
  Laurea honoris causa in Fisica
— Università degli Studi di Torino, Torino 23 giugno 2003[66]
  Laurea honoris causa in Medicina Veterinaria
— Università degli Studi di Bari, Bari 18 novembre 2004[67]
  Laurea honoris causa in Scienza e tecnologia dei materiali
— Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Roma 5 aprile 2016
  Laurea honoris causa in Biologia Applicata e Medicina Sperimentale
— Università degli Studi di Messina, Messina 24 novembre 2017[68]
  Laurea honoris causa in Scienza e tecnica della Comunicazione
«Per il suo contributo alla nascita e al successo del documentario scientifico televisivo, e alla creazione di un linguaggio accattivante e allo stesso tempo rigoroso per spiegare al grande pubblico i temi complessi della scienza e della tecnologia»
— Università degli Studi di Siena, Siena 15 giugno 2019 [1]
  Laurea honoris causa
— American University of Rome, Roma[69]
  Laurea honoris causa in Pianoforte
— Accademia Pianistica Internazionale "Incontri col Maestro", Imola[70]

Cittadinanze onorarieModifica

  Cittadinanza onoraria del comune di Bognanco (VB)
— Bognanco, 2007[71]
  Cittadinanza onoraria della città di Padova
— Padova, 23 febbraio 2016
  Cittadinanza onoraria della città di Torino
— Torino, 12 novembre 2017[72]
  Cittadinanza onoraria della città di Montelupo Fiorentino
— Montelupo Fiorentino, 14 luglio 2018
  Cittadinanza onoraria della città di Frascati
— Frascati, 28 settembre 2018[73]
  Cittadinanza onoraria della città di Vercelli
— Vercelli, 15 aprile 2019[74]

NoteModifica

  1. ^ Cristina Palazzo, Cinque in condotta e matematica, sette in storia: dagli archivi del D'Azeglio la pagella dello studente Piero Angela, su torino.repubblica.it, 31 agosto 2022. URL consultato il 3 settembre 2022.
  2. ^ Simona Ravizza, Sono del '28 e guido bene, più pericolosi i ragazzi, in Corriere della Sera, 1º luglio 2010, p. 27. URL consultato il 23 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2012).
  3. ^ Piero Angela è morto. Il figlio Alberto: "Buon viaggio papà", su Il Giorno, 13 agosto 2022. URL consultato il 16 agosto 2022 (archiviato il 15 agosto 2022).
  4. ^ È morto Piero Angela, aveva 93 anni: ha portato la scienza in tv, su Adnkronos, 13 agosto 2022. URL consultato il 16 agosto 2022 (archiviato il 15 agosto 2022).
  5. ^ Piero Angela, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 24 gennaio 2018.
  6. ^ Piero Angela, il cordoglio del Paese. Mattarella: "La Repubblica gli è riconoscente", su la Repubblica, 16 agosto 2022. URL consultato il 21 agosto 2022 (archiviato il 17 agosto 2022).
  7. ^ Piero Angela: figlio Alberto lo ricorda in Campidoglio, su ANSA, 16 agosto 2022. URL consultato il 21 agosto 2022 (archiviato il 17 agosto 2022).
  8. ^ I funerali di Piero Angela, pellegrinaggio laico in Campidoglio. Arbore: "Ha combattuto i ciarlatani", su roma.repubblica.it. URL consultato il 21 agosto 2022 (archiviato il 21 agosto 2022).
  9. ^ Alberto Angela ricorda il papà e si commuove, il lungo applauso, su rainews.it.
  10. ^ Attilio Romita, Piero Angela ospite al Tg1 [collegamento interrotto], in TG1, 22 dicembre 2008. URL consultato il 25 dicembre 2008.
  11. ^ Silvia Fumarola, Angela: "Lavorare è l'unico modo per non invecchiare", su Repubblica.it, 24 dicembre 2013. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 9 gennaio 2014).
  12. ^ Piero Angela, Viaggi nella scienza, Garzanti, 1985 (1ª ed. 1983), p. 208.
  13. ^ CARLO ANGELA 1875 - 1949, su Gariwo. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2011).
  14. ^ Gigi Marzullo, Bellidinotte: guerrieri moderni & cavalieri d'altri tempi, Guida Editori, 1999, p. 9, ISBN 8871883047.
  15. ^ Piero Angela, dall'intervista in Gigi Marzullo, Bellidinotte, op. cit., p. 16 Archiviato il 22 febbraio 2014 in Internet Archive.
  16. ^ Piero Angela, La macchina per pensare, Garzanti, 1987, pp. 256-257.
  17. ^ Piero Angela, Il mio lungo viaggio Mondadori, 2017, prefazione
  18. ^ Vita di Piero Angela, re della divulgazione scientifica, su www.sapere.it. URL consultato il 7 settembre 2022.
  19. ^ Studenti torinesi: Piero Angela all'Alfieri, su iltorinese.it, 13 agosto 2022. URL consultato il 7 settembre 2022.
  20. ^ Cinque in matematica e in condotta: la pagella di Piero Angela al liceo D'Azeglio di Torino, su La Stampa, 1º settembre 2022. URL consultato il 7 settembre 2022.
  21. ^ La Torino di Piero Angela: la guerra, il liceo e poi la grande avventura con la scienza, su La Stampa, 14 agosto 2022. URL consultato il 20 agosto 2022.
  22. ^ Rivista aeronautica, Volume 58, 1982, pag. 87
  23. ^ Addio a Piero Angela, chi è Margherita Pastore la compagna di una vita. "Senza di lei non avrei fatto nulla", su roma.repubblica.it.
  24. ^ Piero Angela, Viaggi nella scienza, op. cit., p. 81.
  25. ^ Gerlando Gatto, Parla Toni Lama L'epopea dello Swing Club nella Torino degli anni '60 e '70, su online-jazz.net, 18 dicembre 2015. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 28 ottobre 2019).
  26. ^ Marco Basso, Si faceva chiamare “Peter Angela”: divulgatore anche del bop americano, su La Stampa, 14 agosto 2022. URL consultato il 16 agosto 2022 (archiviato il 15 agosto 2022).
  27. ^ Alessandra Izzo, Tiziano Tarli, Collaboratore Stefano Disegni, Italian Nightclubbing: Deliri, follie e rock’n’roll negli storici club del Bel Paese, Lit Edizioni, ISBN 8862319711
  28. ^ Marco Basso, Piero Angela suona il jazz, pubblicato su La Stampa dell'11 dicembre 2008
  29. ^ a b Piero Angela racconta il jazz di Franco Cerri, su ANSA, 31 gennaio 2016. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 7 febbraio 2019).
  30. ^ Piero Angela, la sua televisione, su www.rivistailmulino.it, 18 agosto 2022. URL consultato il 3 settembre 2022.
  31. ^ Piero Angela: "La mia fede è la scienza, contro l'oscurantismo", su quotidiano.net. URL consultato il 30 giugno 2022 (archiviato il 3 novembre 2019).
  32. ^ Vietnam - Piero Angela nel Vietnam che aspetta la pace 1968, su m.youtube.com.
  33. ^ Lara Gusatto, Trent'anni di "Superquark", lo celebrano tre speciali, su Tvzap, 15 dicembre 2011. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 24 gennaio 2018)..
  34. ^ Luca Gelmini, I lettori hanno deciso: Angela moderatore, in Corriere della Sera, 15 febbraio 2006. URL consultato il 25 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2006).
  35. ^ Lo spezzone è stato riproposto nella trasmissione Visioni private: i ricordi televisivi di Piero Angela, Rai Storia, 23 aprile 2011.
  36. ^ Angela2017,  p. 196.
  37. ^ Piero Angela, Da zero a tre anni, Garzanti, 1975, p. 149.
  38. ^ a b c Piero Angela, Viaggi nella scienza, op. cit., pp. 46-49.
  39. ^ Ad es. in La Stampa, 31 marzo 1999; anche in Panorama: Edizioni 1720-1724, Mondadori, 1999, p. 20.
  40. ^ By all means maintain an open mind, but not so open that your brain falls out. (citato come proverbio in The Skeptical Inquirer, Committee for the Scientific Investigation of Claims of the Paranormal, 2001, vol. 25, p. 67)
  41. ^ (EN) "Keep an open mind – but not so open that your brain falls out", su faktoider.nu, faktoider. URL consultato il 6 settembre 2013 (archiviato il 2 febbraio 2019).
  42. ^ Piero Angela nominato "Presidente onorario" del CICAP, su cicap.org. URL consultato il 23 maggio 2016 (archiviato il 23 maggio 2016).
  43. ^ "la medicina omeopatica era allo stato priva di riconoscimento scientifico certo" pag. 63 Sentenza del Tribunale penale di Catania (PDF), su cicap.org. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 6 ottobre 2006).
  44. ^ Dottoressa Cinzia Sangrò del Tribunale penale di Catania - Sezione 2 in composizione monocratica, Sentenza nel processo penale contro Piero Angela, imputato del delitto di cui agli artt. 595, comma 3, c.p.,30, commi 4 e 5, 1. 06.08.1990 n. 223 e 13 1. 08.02.1948 n. 47. (PDF), su cicap.org. URL consultato il 6 maggio 2009 (archiviato il 21 novembre 2008).
  45. ^ Maurizio Tortorella su Panorama, Quark batte l'omeopatia, su archivio.panorama.it. URL consultato il 6 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2011).
  46. ^ https://twitter.com/albertoangela/status/1558388358266736641, su Twitter. URL consultato il 16 agosto 2022.
  47. ^ Il Giorno, Piero Angela, Superquark stasera su Rai1: l'omaggio al grande divulgatore scientifico - Cronaca, su Il Giorno, 13 agosto 2022. URL consultato il 17 agosto 2022.
  48. ^ L'ultimo saluto a Piero Angela: funerali laici e camera ardente in Campidoglio, su RomaToday. URL consultato il 16 agosto 2022.
  49. ^ L'ultimo saluto di Piero Angela ai telespettatori Rai, su Rai Ufficio Stampa, 13 agosto 2022. URL consultato il 13 agosto 2022 (archiviato il 13 agosto 2022).
  50. ^ a b Il Codice sul Volo degli uccelli di Leonardo per la prima volta a Roma, su ArtsLife, 24 gennaio 2017. URL consultato il 3 settembre 2022.
  51. ^ Piero Angela annuncia: "Ho scoperto il ritratto di Leonardo in un quaderno", su gonews.it. URL consultato il 2 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2009).
  52. ^ a b Piero Angela, su rai.it. URL consultato il 28 giugno 2010 (archiviato il 13 novembre 2010).
  53. ^ Piero Angela e la sua nuova laurea: è la dodicesima per il padre di Quark, su Open, 15 giugno 2019. URL consultato il 6 novembre 2019 (archiviato il 16 giugno 2019).
  54. ^ (EN) Babylonia pieroangelai, su gastropods.com. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 15 giugno 2019).
  55. ^ Silvia Quaranta, A Piero Angela la cittadinanza onoraria di Padova, su Il Mattino di Padova, 23 febbraio 2016. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 7 novembre 2019).
  56. ^ Torino, cittadinanza onoraria a Piero Angela, in Askanews, 23 ottobre 2017. URL consultato il 30 giugno 2022 (archiviato il 7 novembre 2019).
  57. ^ Il Torinese dell'Anno, su to.camcom.it. URL consultato il 30 giugno 2022 (archiviato il 30 giugno 2022).
  58. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato, su quirinale.it. URL consultato il 30 giugno 2022 (archiviato il 12 maggio 2021).
  59. ^ Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte Dott. Piero ANGELA, su quirinale.it. URL consultato il 26 febbraio 2010 (archiviato il 30 novembre 2011).
  60. ^ Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana Dott. Piero ANGELA, su quirinale.it. URL consultato il 26 febbraio 2010 (archiviato il 30 novembre 2011).
  61. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato, su quirinale.it. URL consultato il 30 giugno 2022 (archiviato il 24 agosto 2021).
  62. ^ Il Presidente Mattarella ha conferito l'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell'OMRI a Piero Angela, su quirinale.it. URL consultato il 30 giugno 2022 (archiviato il 13 maggio 2021).
  63. ^ PIERO ANGELA HA RICEVUTO A FERRARA LA LAUREA ' HONORIS CAUSA' IN BIOLO, su La Repubblica.it, 15 febbraio 1992. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  64. ^ Chieti, a Mogol e Bruno Vespa l'Ordine della Minerva, su il Centro, 9 ottobre 2018. URL consultato il 30 giugno 2022 (archiviato il 30 giugno 2022).
  65. ^ TV: SESTA LAUREA HONORIS CAUSA A PIERO ANGELA, su Adnkronos, 30 giugno 2001. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  66. ^ Laurea honoris causa per Piero Angela, su CICAP, 11 giugno 2003. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 22 gennaio 2020).
  67. ^ LAUREA H.C. A PIERO ANGELA, su AnmviOggi, 26 novembre 2004. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  68. ^ Serena Guzzone, Messina: Piero Angela riceve il Dottorato honoris causa, su StrettoWeb.com, 24 novembre 2017. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 25 novembre 2017).
  69. ^ Laurea Honoris Causa a Piero Angela conferita dalla American University of Rome, su CasertaWeb, 17 maggio 2010. URL consultato il 24 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  70. ^ Chiara Longo, PIERO ANGELA DIPLOMATO IN PIANOFORTE HONORIS CAUSA, su Rockit, 5 febbraio 2016. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2016).
  71. ^ Anche Bognanco piange la scomparsa di Piero Angela, su OssolaNews, 13 agosto 2022. URL consultato il 15 agosto 2022.
  72. ^ Piero Angela cittadino onorario di Torino: "Questa città mi fa sempre battere forte il cuore", su HuffingtonPost, 12 novembre 2017. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 12 novembre 2017).
  73. ^ Sito web di Ansa.it: dettaglio decorato.
  74. ^ Sito web di Torino.repubblica.it: dettaglio decorato.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN57760160 · ISNI (EN0000 0000 8385 5514 · SBN CFIV011668 · LCCN (ENn80090374 · GND (DE131964275 · BNE (ESXX897536 (data) · BNF (FRcb122211074 (data) · J9U (ENHE987007389482205171 · CONOR.SI (SL93572963 · WorldCat Identities (ENlccn-n80090374