Apri il menu principale
Pierre de Bérulle, C.O.I.
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinaldeBerulle.jpg
Ritratto del cardinale de Bérulle, opera di Philippe de Champaigne
Blason fr Pierre de Bérulle.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato4 febbraio 1575 a Cérilly
Ordinato presbitero5 giugno 1599
Creato cardinale30 agosto 1627 da papa Urbano VIII
Deceduto2 ottobre 1629 (54 anni) a Parigi
 

Pierre de Bérulle (Cérilly, 4 febbraio 1575Parigi, 2 ottobre 1629) è stato un teologo e cardinale francese. Fu uno dei protagonisti della vita religiosa nella Francia dell'età della controriforma e, ispirandosi a Filippo Neri, fondò a Parigi l'Oratorio di Gesù e Maria Immacolata.

BiografiaModifica

Di nobili origini, nacque nel castello di famiglia nel 1575: studiò presso i gesuiti di Clermont e poi all'Università Sorbona di Parigi.

Ordinato sacerdote (5 giugno 1599), entrò a corte sotto il regno di Enrico IV di Borbone e divenne uno dei più fidati consiglieri di Maria de' Medici; si oppose al cardinale Richelieu per la sua alleanza militare con gli stati protestanti durante la guerra dei trent'anni.

Gli vennero affidati numerosi incarichi diplomatici: trattò la riconciliazione di Maria de' Medici con suo figlio Luigi XIII e condusse le trattative per il matrimonio di Carlo I Stuart con Enrichetta Maria di Francia.

Sostenne l'introduzione della riforma teresiana dell'Ordine carmelitano in Francia e fondò l'Oratorio di Parigi, su modello di quello romano di san Filippo Neri. Dalle Monache Concezioniste Francescane di Alcalà de Henares (Madrid) apprese la consacrazione a Maria tramite la forma della schiavitù mariana.

Papa Urbano VIII lo creò cardinale presbitero nel concistoro del 30 agosto 1627.

Con san Vincenzo de' Paoli (suo discepolo), san Francesco di Sales (suo amico) e san Giovanni Eudes, è tra i maggiori esponenti della restaurazione cattolica in Francia. Ha intessuto rapporti molto profondi con Cartesio, che lo stesso filosofo ricorda nelle sue lettere (AT I,213,1-15 et al), fino a venirne ritenuto il direttore spirituale.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN14789098 · ISNI (EN0000 0001 0871 8664 · LCCN (ENn84146358 · GND (DE118656821 · BNF (FRcb120522386 (data) · BAV ADV10863835 · CERL cnp00580983 · WorldCat Identities (ENn84-146358