Pietà per chi cade

film del 1954 diretto da Mario Costa
Pietà per chi cade
Pietaperchicade.jpg
Un fotogramma del film con in primo piano Antonella Lualdi
Titolo originalePietà per chi cade
Paese di produzioneItalia
Anno1954
Durata90 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico, sentimentale
RegiaMario Costa
SoggettoAnton Giulio Majano, Domenico Meccoli
SceneggiaturaTullio Pinelli, Angelo Alessandro, Anton Giulio Majano, Mario Costa, Alberto Albani Barbieri
ProduttoreCarlo Salsano, Guido Giambartolomei
Casa di produzioneRizzoli Film
Distribuzione in italianoDear Film
FotografiaAnchise Brizzi
MusicheCarlo Rustichelli, dirette da Franco Ferrara
ScenografiaVirgilio Marchi
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Pietà per chi cade è un film del 1954 diretto da Mario Costa.

TramaModifica

Carlo Savelli, dato per disperso in guerra, ritorna dopo molti anni in Italia. Sua moglie Anna, credendosi libera, ha allacciato una relazione amorosa con Andrea Mari; ma ora aderendo alla preghiera dell'amante, si reca a Venezia solo per congedarlo. Carlo, trovatili insieme, uccide Andrea. La notizia del dramma cagiona a Bianca, figlia di Carlo e di Anna, un forte trauma nervoso e all'affetto per la madre subentra, nell'animo suo, il disprezzo e quasi l'odio. Bianca trova conforto nelle cure, che le prodiga la zia Eugenia, sorella della madre, e nell'amicizia di un valente violinista, Livio Vannini, ch'ella accompagna al piano. Dopo un concerto, il violinista tenta d'usarle violenza: ne viene impedito da Anna, che rivela alla figliola che Livio è sposato. Durante il processo di Carlo, la moglie per ottenere al marito una mite condanna, dichiara, falsando la verità, d'aver avuto rapporti con Mari dopo il ritorno di Carlo. Bianca, colpita dalla generosità dell'atteggiamento materno, incomincia a rendersi conto della verità, che le viene interamente svelata da Livio. Ella apprende così che la zia Eugenia, segretamente innamorata di Carlo, gli ha taciuto le vere intenzioni d'Anna, mentre avrebbe potuto scongiurare la tragedia. Bianca corre in traccia della madre, che disperata aveva deciso d'uccidersi, e giunge appena in tempo ad impedire il suo folle gesto

ProduzioneModifica

Il film è ascrivibile al filone melodrammatico-sentimentale comunemente detto strappalacrime (poi ribattezzato dalla critica con il termine neorealismo d'appendice).

DistribuzioneModifica

Il film fu distribuito nelle sale cinematografiche italiane il 17 marzo del 1954.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema