Pieter Moninckx

pittore e disegnatore olandese

Pieter Moninckx o Monincx (L'Aia, 1606L'Aia, 1686) è stato un pittore e disegnatore olandese del secolo doro, appartenente al gruppo dei pittori paesaggisti Dutch Italianates.

Amorino addormentato su un teschio

BiografiaModifica

Apparteneva ad una famiglia di artisti: suo padre era Sybert Corneliszoon Moninckx, suoi fratelli erano Cornelis e Machtelt Moninckx[1], sua nipote era Maria Moninckx[2]. Fu istruito inizialmente dal padre nell'arte della pittura[1] e successivamente, per approfondire i suoi studi si recò in Italia dove rimase per tredici anni[3] dal 1625 al 1637[1]. In accordo con Houbraken, lavorò al servizio del Papa[3], ma si conoscono ben pochi dettagli riguardo alla sua vita nella capitale italiana[4]. Durante questo periodo, Moninckx si specializzò nel disegno di paesaggi, sia vedute di antichi monumenti e porti, che paesaggi di sua invenzione. Prima del suo viaggio in Italia, invece, dipinse principalmente soggetti di genere[4]. Eseguì anche dipinti allegorici e religiosi, nature morte e cacce[1]. Sviluppò, inoltre, uno stile proprio caratterizzato dalla sovrapposizione di strati sottili di colore con piccole zone di diverse tonalità[4].

Al suo ritorno nei Paesi Bassi nel 1637, lavorò a Rijswijk, presso la Huis ter Nieuwburg e nel 1639 divenne membro della Corporazione di San Luca all'Aia[1]. Continuò a dipingere paesaggi nello stile italianeggiante in cui si era specializzato a Roma, come testimoniato da una serie di piccoli dipinti ritraenti vedute di città italiane, tra cui Roma, Civitavecchia e Pisa, eseguiti tra il 1660 e il 1679[5].

Oltre a dipingere, la sua conoscenza dell'arte italiana gli permise di arrotondare le sue entrate stimando dipinti italiani[4].

OpereModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95688569 · Europeana agent/base/39941 · ULAN (EN500001305 · WorldCat Identities (ENviaf-95688569