Apri il menu principale
Ritratto di San Carlo Borromeo, XVII secolo, Antonio Magatti, conservato presso il Museo Poldi Pezzoli di Milano

Pietro Antonio Magatti (Varese, 20 giugno 1691Varese, 26 settembre 1767) è stato un pittore italiano.

BiografiaModifica

Quinto figlio di Giovan Pietro Nicola e di Onesta Orrigoni, per studio si trasferì a Bologna nel periodo compreso tra il 1713 e il 1715, aggregandosi allo studio del pittore Giovan Gioseffo Dal Sole. Rientrò nella città natale, dove dipinse la sua prima opera conosciuta, una Via Crucis per la chiesa di San Rocco, datata 1717 e purtroppo perduta.

 
Affreschi dell'oratorio di Palazzo Mezzabarba, Pavia.

Presenza attiva nel movimento artistico varesino, affrescò alcune tra le principali chiese della città. Fu suggestionato dall'arte di Giovanni Battista Sassi che aggiungeva sugli incarnati velature verdastre, rendendo così le figure quasi irreali. Lasciò dipinti in chiese di Como, di Pavia, di Milano (chiesa di San Simpliciano, chiesa del San Sepolcro, l'oratorio dei Santi Quirico e Giuditta di Palazzo Mezzabarba a Pavia) e del Canton Ticino. Nel 1730 il papa Clemente XII lo nominò milite e cavaliere dello Speron d'Oro e conte palatino lateranense.

Alla sua morte venne sepolto all'interno della Basilica di San Vittore.[1] Tra i suoi allievi più noti, il cabiagliese Giovanni Battista Ronchelli.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Treccani, Pietro Antonio Magatti, su treccani.it. URL consultato il 3 giugno 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90236893 · ISNI (EN0000 0003 5545 1143 · SBN IT\ICCU\LO1V\188788 · LCCN (ENno2001066611 · GND (DE123025958 · ULAN (EN500027373 · CERL cnp00572923 · WorldCat Identities (ENno2001-066611