Pietro Follerio

giurista italiano (-1588)

Pietro Follerio, o Folliero, latinizzato come Petrus Follerius[1] (Mercato San Severino, 1518 circa – 1588 circa), è stato un giurista italiano del XVI secolo.[2]

Commentaria primae partis super constitutionibus capitulis, pragmaticis et ritibus Regni, 1568

BiografiaModifica

Nacque intorno al 1518 a San Severino presso Salerno, nel feudo appartenente alla sua famiglia. Sia il padre Antonio, sia i due fratelli Lucio e Lorenzo furono dottori in legge.[2] Durante gli anni giovanili risiedette a Napoli presso lo zio Leone, giudice della Gran Corte della Vicaria e docente di diritto civile e canonico.[2] Anche Pietro si laureò in utroque iure e alla fine degli anni 1540 iniziò la propria carriera come uditore per il principe Ferrante Sanseverino; quando costui fu esiliato nel 1552 Pietro trasferì la propria lealtà a Carlo V.[2]

Nel 1554 pubblicò la prima edizione della sua Practica criminalis, opera in forma di dialogo che ebbe ampia diffusione e numerose ristampe. Nello stesso anno Pietro Follerio divenne uditore presso la curia arcivescovile, interrompendo temporaneamente tale incarico per svolgerne altri di primo piano.[2] Dal 1574 per almeno tre anni si trasferì a Roma e nel 1580 era tornato in patria.[2]

Morì intorno al 1588.[3]

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ Le varianti del cognome sono molteplici e comprendono Falliero, Folliero, Follero, Follerus, Follieri. VIAF, su viaf.org.
  2. ^ a b c d e f DBI.
  3. ^ Pietro Follerio, su edit16.iccu.sbn.it. URL consultato il 30 marzo 2020.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN8325114 · ISNI (EN0000 0001 0868 1574 · LCCN (ENn95056287 · GND (DE124585000 · CERL cnp00874087 · WorldCat Identities (ENlccn-n95056287