Apri il menu principale

Pietro Mallegori

ingegnere italiano

Pietro Mallegori (Bergamo, 22 settembre 1858Milano, 5 agosto 1908) è stato un ingegnere italiano.

Gli è intitolato il Premio Mallegori-Di Maio del Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani.

StudiModifica

 
Prima pagina del necrologio ufficiale.

Conseguì la laurea in ingegneria presso l'Istituto tecnico superiore (poi Politecnico) di Milano nel 1881[1].

Attività professionaleModifica

Nel luglio 1883 fu assunto dalla Società per le Ferrovie dell'Alta Italia (SFAI)[1].

Nel 1885, a seguito del riordino aziendale generato dalla convenzioni ferroviarie del 1884, passò dalla SFAI alla Rete Adriatica[1].

Presso quest'azienda dapprima collaborò allo studio delle linee Bologna-Verona, Lecco-Colico e Rocchetta Sant'Antonio-Gioia del Colle[1].

Successivamente prestò servizio presso la terza Sezione Manutenzione e Lavori dell'azienda, con sede a Verona, eseguendovi vari studi e progetti[1].

Nel 1904, per motivi di salute, abbandonò la Rete Adriatica dedicandosi solo alla libera professione[1].

Quale ingegnere libero professionista fu titolare della rappresentanza, in Italia, di varie industrie italiane e straniere fornitrici di materiale ferroviario[1].

Nel 1905-1906 fu il segretario della Comitato esecutivo della Mostra dei trasporti terrestri dell'Esposizione internazionale di Milano del 1906[1].

Attività scientificaModifica

Nel 1899 fu il promotore e l'organizzatore del Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani. Per tal fine ebbe il sostegno di Leonardo Lorìa, che in quegli anni era docente di Ferrovie nell'Istituto tecnico superiore di Milano[Nota 1][Nota 2][2].

Vita privataModifica

Fu sposato con Teresa Bertani. Dal matrimonio nacque una figlia[1].

NoteModifica

  1. ^ Poi Politecnico di Milano.
  2. ^ Il Lorìa, a seguito di un rifiuto del Mallégori, fu il primo presidente del Collegio

RiferimentiModifica

  1. ^ a b c d e f g h i Pietro Mallégori, p. 2.
  2. ^ Pietro Mallégori, pp. 1-2.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica