Pietro Nolasco

religioso francese e santo
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il prete italiano, vedi Pietro Nolasco Perra.

Pietro Nolasco (Mas-Saintes-Puelles, tra il 1180 e il 1189Barcellona, 25 dicembre 1256) è stato un religioso francese, fondatore dell'ordine cattolico dei Mercedari.

San Pietro Nolasco
Aparición del apóstol San Pedro a San Pedro Nolasco.jpg
San Pietro apostolo appare a san Pietro Nolasco, dipinto di Francisco de Zurbarán, Museo del Prado, Madrid
 

Sacerdote, fondatore dei Mercedari

 
Nascita1189 ?
MorteBarcellona, 25 dicembre 1256 ?
Venerato daChiesa cattolica
Canonizzazione30 settembre 1628, da Urbano VIII
Ricorrenza6 maggio; 28 gennaio (messa tridentina)
AttributiAbito bianco; bandiera con lo stemma del suo ordine monastico; catene, stendardo, ramo d'ulivo; in alcuni casi, è raffigurato mentre assiste al martirio di San Pietro.

La Chiesa cattolica lo venera come santo: celebrato il 28 gennaio nella messa tridentina, non è menzionato nel calendario generale romano. Le città di Messina e Palermo, delle quali è patrono, lo celebrano il 6 maggio[1]. Nel martirologio romano è commemorato il 25 dicembre.

BiografiaModifica

Pietro Nolasco nacque in Linguadoca, probabilmente nel 1189, da nobile famiglia[2][3], forse figlio del cavaliere normanno Henri de Nolasque. Da giovane era dedito alla devozione, all'elemosina e alla carità. Avendo distribuito tutti i suoi averi ai poveri, fece voto di verginità e per evitare contatti con gli Albigesi, si recò a Barcellona.

All'epoca circa la metà della Penisola iberica era sotto il dominio musulmano, e diverse centinaia di abitanti cristiani venivano catturati e condotti in schiavitù nei Paesi arabi, dov'erano costretti a lavorare presso i notabili e i proprietari terrieri. Molti di essi venivano indotti a ripudiare la religione cristiana.

Pietro Nolasco riscattò molti di questi schiavi impiegando il suo stesso patrimonio. Dopo una ponderata deliberazione, corroborata anche da una visione della Vergine che egli avrebbe avuto, nel 1218 decise di fondare un ordine religioso simile a quello fondato alcuni decenni prima da san Giovanni de Matha e san Felice di Valois, il cui obiettivo principale fu la redenzione degli schiavi cristiani.

In quest'impresa lo incoraggiarono molto Raimondo di Peñafort e Giacomo I, re di Aragona, il quale sembra sia stato beneficato dalla stessa ispirazione.[senza fonte]

L'istituto fu chiamato Ordine di Santa Maria della Mercede e fu solennemente approvato da papa Gregorio IX nell'anno 1235. I suoi membri erano legati da un voto speciale, quello di impiegare tutte le loro sostanze per la redenzione dei cristiani catturati e, qualora fosse stato necessario, di riscattarli rimanendo in prigione al loro posto. All'inizio i membri erano laici come Pietro stesso, ma papa Clemente V decretò che il maestro generale dell'ordine dovesse sempre essere un prete.

NoteModifica

  1. ^ Matteo Fantozzi, San Pietro Nolasco/ Video, il 6 maggio si celebra il Patrono di Palermo e Messina, su ilsussidiario.net, 6 maggio 2021. URL consultato il 6 maggio 2022.
  2. ^ (EN) Alban Butler, The Lives of the Saints - January 31 - St.Peter Nolasco, Confessor, su bartleby.com, 1866. URL consultato il 31 agosto 2014.
  3. ^ San Pietro Nolasco, su Santi e Beati. URL consultato il 31 agosto 2014.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN2817148390829810830007 · CERL cnp01446461 · GND (DE119006413 · WorldCat Identities (ENviaf-2817148390829810830007