Pietro Toesca

storico dell'arte italiano

Giovanni Pietro Toesca (Pietra Ligure, 12 luglio 1877Roma, 9 marzo 1962) è stato uno storico dell'arte italiano.

Indice

BiografiaModifica

Toesca viene ricordato fra i più importanti medievisti del novecento. Il suo volume "La pittura e la miniatura nella Lombardia fino alla metà del Quattrocento" ricostruì per la prima volta il quadro dell'arte figurativa lombarda del medioevo, definendone l'importanza riguardo all'intera Europa. Allievo a Roma di Adolfo Venturi, Toesca iniziò la sua carriera di docente all'Accademia scientifico-letteraria di Milano, nel 1905. Nel 1907 fu scelto per l'appena istituita cattedra di Storia dell'Arte all'Università di Torino. Nel 1914 si spostò a Firenze, e nel 1926 a Roma, dove concluse la sua esperienza d'insegnante universitario nel 1948. Fra i suoi studenti più importanti Roberto Longhi, Ernst Kitzinger, Carlo Bertelli[1], Giovanni Carandente e Federico Zeri. Nel 1939 entra a far parte del Consiglio tecnico dell'Istituto Centrale per il Restauro, ora Istituto superiore per la conservazione ed il restauro.

Toesca è stato Direttore della sezione Storia dell'arte medievale e moderna dell'Enciclopedia Italiana dal 1929 al 1937, e membro nazionale dell'Accademia dei Lincei dal 1946.

OpereModifica

  • La pittura e la miniatura nella Lombardia fino alla metà del Quattrocento (1912);
  • Storia dell'arte italiana, I, Il Medioevo (1913-27);
  • Monumenti e studi per la storia della miniatura italiana, I (1929);
  • La pittura fiorentina del Trecento (1923);
  • Storia dell'arte italiana, II, Il trecento (1951)

NoteModifica

BibliografiaModifica

Controllo di autorità VIAF: (EN66570758 · ISNI: (EN0000 0001 0910 8104 · SBN: IT\ICCU\CFIV\049851 · LCCN: (ENn83197996 · GND: (DE119463407 · BNF: (FRcb12499960h (data) · ULAN: (EN500327020