Pietro di Kruticy

religioso russo
Pietro di Kruticy
Митрополит Критицкий Петр.jpg
Locum tenens del Patriarca di Mosca
Elezione12 aprile 1925
Fine patriarcato10 ottobre 1937
PredecessoreTichon (come Patriarca di Mosca)
SuccessoreSergio di Mosca
 
Consacrazione episcopale8 ottobre 1920 dal patriarca Tichon
 
NomePyotr Fyodorovich Polyansky
NascitaStorozhevoye
28 giugno 1862
MorteMagnitogorsk
10 ottobre 1937
SepolturaMagnitogorsk, Monastero di Magnitogorsk
San Pietro di Kruticy
Peter Polansky.jpg
 

Metropolita e martire

 
NascitaStoroževoje, 28 giugno 1862
MorteMagnitogorsk, 10 ottobre 1937
Venerato daChiesa ortodossa russa
Canonizzazione23 febbraio 1997
Ricorrenza27 settembre - 10 ottobre

Pietro di Kruticy, all'anagrafe Pëtr Fëdorovič Poljanskij, (in russo: Пётр Фёдорович Поля́нский; Storoževoje, 28 giugno 1862Magnitogorsk, 10 ottobre 1937), Locum tenens del Patriarca di Mosca dal 1925 al 1937. Fu imprigionato ad opera del Regime comunista nel 1930, e in seguito giustiziato nel 1937. Per questo, è venerato come santo e martire dalla Chiesa ortodossa russa.

BiografiaModifica

Pietro nacque nel 1862 nel villaggio di Storoževoe da una famiglia di pastori. Uscito dal seminario nel 1885, dal 1906 al 1918 lavorò per il Santissimo sinodo dei vescovi della Chiesa Ortodossa prima come Commissario per l'educazione e poi come Segretario, e in questo ruolo ebbe l'occasione di lavorare con i futuri patriarchi Tichon e Sergio.

Dopo la rivoluzione bolscevica, la sua carriera fu molto rapida: ordinato monaco dal vescovo Ivan Strogorodskij e poi, nel 1920, vescovo di Podol'sk dal patriarca Tichon in persona, divenne in breve tempo il principale aiutante di quest'ultimo. Quell'anno, però, fu mandato in esilio a Velikij Ustjug, e quando esso finì, nel 1923, riprese il suo ruolo e venne anche promosso arcivescovo di Kruticy.

Locum tenens del Patriarca di RussiaModifica

Nel 1924 Tichon, ormai morente, sapendo che una normale elezione patriarcale sarebbe stata impossibile, nominò tre suoi possibili successori: Cirillo, metropolita di Kazan', Agatangelo, metropolita di Jaroslavl', e proprio Pietro, metropolita di Kruticy.

Tichon morì il 7 aprile 1925. Essendo Pietro l'unico dei tre non in esilio o non in prigione in quel periodo, divenne Locum tenens del Patriarca di Russia. Si scagliò, ovviamente, contro le oppressioni dell'URSS, e, sapendo che di lì a poco sarebbe stato arrestato, nominò suo successore Sergio (Strogorodskij), che poi sarebbe diventato patriarca di Mosca.

Arresto e morteModifica

Dal 1926 al 1930 fu esiliato nella zona degli Urali, ma come ricordò spesso per lettera a Strogorodskij, rimase sempre a capo della Chiesa ortodossa.

Nel 1930 fu arrestato. Gli fu proposto, per essere liberato, di collaborare con la GPU, ma egli rifiutò nettamente e venne condannato a cinque anni di lavori forzati, che gli causarono anche una paralisi parziale. Dal 1931 al 1937 fu rinchiuso in isolamento nella prigione di Verchneural'sk. Invece, a Mosca, nel 1936 Sergio, per ottenere la carica di Locum tenens, diffuse un falso certificato della morte di Polyansky, che in realtà era vivo e non aveva intenzione di dimettersi. Ma alla fine, Pietro venne condannato a morte il 2 ottobre 1937 e il 10 ottobre venne fucilato a Magnitogorsk a 75 anni.

Venerato da subito come martire, nel 1997 fu santificato da Alessio II.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN38712499 · LCCN (ENn99282723 · WorldCat Identities (ENlccn-n99282723