Apri il menu principale
Pieve di Riva
Informazioni generali
Capoluogo Riva
600 abitanti (1719)
Dipendente da Baliaggio di Lugano
Suddiviso in 13 comuni
Amministrazione
Forma amministrativa Pieve
Podestà lista sconosciuta
Organi deliberativi Consiglio generale
Evoluzione storica
Inizio XIV secolo
Causa Secolarizzazione delle pievi
Fine 1798
Causa Invasione napoleonica
Preceduto da Succeduto da
Nessuna Repubblica di Riva
Pieve di San Vitale
Monastergen.png
Informazioni generali
Capoluogo Riva
600 abitanti (1719)
Dipendente da Diocesi di Como
Suddiviso in 13 parrocchie
Amministrazione
Forma amministrativa Pieve
Prevosto vedi sotto
Evoluzione storica
Inizio XI secolo
Causa Istituzione delle pievi
Fine 1790
Causa Ordine del vescovo
Preceduto da Succeduto da
Nessuna Pieve di Lugano

La pieve di Riva o pieve di San Vitale era il nome di un'antica pieve della diocesi di Como e del Baliaggio di Lugano con capoluogo Riva San Vitale.

Il patrono era san Vitale, al quale è ancora oggi dedicata la chiesa parrocchiale di Riva.

StoriaModifica

La pieve di Riva fu una delle più antiche dipendenze di Como e del Contado del Seprio, e nel XII secolo era in stretta collaborazione con le chiese di Uggiate e Balerna. Il primo arciprete conosciuto fu un certo Lanfranco di Melano, morto nel 1254.[1] Agli inizi del Rinascimento la pieve religiosa, come tutte quelle del Ducato di Milano, assunse anche una funzione amministrativa, anche se con leggere discrasie territoriali; erano infatti completamente sottoposte a Riva:

era sottoposta a Riva solo amministrativamente:

era invece sottoposta a Riva solo religiosamente:

Nel 1512 l'intero territorio subì l'invasione dei confederati elvetici, che iniziarono una guerra quadriennale contro la Francia per il controllo del Nord Italia, conclusasi nel 1516 con il Trattato di Friburgo che segnò la definitiva annessione alla Svizzera della pieve di Riva che, con quelle di Agno, Balerna e Capriasca entrò nel neocostituito Baliaggio di Lugano, dipendenza diretta della Confederazione.

La pieve amministrativa e quella religiosa terminarono in periodi simili: per la seconda fu disposto nel 1790 l'aggregazione alla più florida Lugano, mentre per la prima fu fatale l'invasione giacobina del 1798, allorquando fu bevemente dichiarata una repubblica rivoluzionaria subito soppressa a favore di una più larga provincia costituita secondo i canoni centralistici e antifederalistici degli invasori: il Cantone di Lugano.

NoteModifica

  1. ^ Comune di Riva [collegamento interrotto]

CollegamentiModifica