Apri il menu principale
Pif
Nome orig.Pif le chien
Lingua orig.Francese
AutoreJosé Cabrero Arnal
1ª app.28 marzo 1945
1ª app. inL'Humanité
Speciecane
SessoMaschio

Pif (Pif le chien) è un personaggio immaginario protagonista di una serie a fumetti francese, Pif et Hercule, ideata da José Cabrero Arnal nel 1945.[1][2]

Storia editorialeModifica

Il personaggio esordisce in una striscia auto-conclusiva sul del quotidiano L'Humanité il 28 marzo 1945; sette anni dopo, mentre la serie a strisce continua a essere pubblicata sul giornale, viene pubblicato anche sul settimanale Vaillant dello stesso editore esordendovi sul n. 397 del 21 dicembre 1952 con la storia a colori "Pif le chien" dove esordisce anche la spalla del protagonista, il gatto Hercule, che nel 1976 diverrà a sua volta protagonista di una serie autonoma realizzata da Yannick Hodbert. Nel 1965 la testata diventa Vaillant - le journal de Pif e, nel 1969, Pif Gadget, una delle pubblicazioni a fumetti più importanti di Francia che verrà pubblicata fino al 1993.[1][2]

PersonaggiModifica

Il personaggio è il cane della famiglia di Tonton (César) e Tata (Agathe). Nel n. 685 di Vaillant, nel 1958, esordisce il cucciolo Pifou, figlio di Pif, che rimarrà come comprimario insieme al professor Belpomme e al commissario Maigrelet.[1]

Altri mediaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c FFF - PIF, su www.lfb.it. URL consultato il 9 ottobre 2018.
  2. ^ a b Guida Fumetto Italiano, Guida Fumetto Italiano, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 9 ottobre 2018.
  Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti