Apri il menu principale

Pilastri di Bondeno

frazione del comune italiano di Bondeno
Pilastri
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Ferrara-Stemma.png Ferrara
ComuneBondeno-Stemma.png Bondeno
Territorio
Coordinate44°56′50″N 11°17′07″E / 44.947222°N 11.285278°E44.947222; 11.285278 (Pilastri)Coordinate: 44°56′50″N 11°17′07″E / 44.947222°N 11.285278°E44.947222; 11.285278 (Pilastri)
Altitudinem s.l.m.
Abitanti907
Altre informazioni
Cod. postale44012
Prefisso0532
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantipilastresi
PatronoS.Matteo Apostolo
Giorno festivoterza domenica di settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pilastri
Pilastri

Pilastri (Pilàstar in dialetto ferrarese) è un paese in provincia di Ferrara ed è frazione di Bondeno. Risulta essere la seconda frazione di Bondeno più popolata ed estesa, preceduta solo da Scortichino (che conta circa 1700 abitanti).

Geografia fisicaModifica

Sorge all'estremità nord-occidentale della provincia di Ferrara, all'incrocio con quelle di Mantova e Modena e con le regioni Emilia-Romagna e Lombardia. Dista 14 km dal capoluogo comunale, raggiungibile con la S.P. 69 Virgiliana (già SS496).

StoriaModifica

Collocato al centro delle antiche Valli del Burana bonificate sul finire del XIX sec., il paese è stato da sempre un punto di confine: nel Rinascimento tra le terre Estensi ed il ducato dei Gonzaga e poi, fino all'Unità d'Italia, tra lombardo-veneto e stato pontificio. Nei pressi dell'abitato, lungo la strada denominata del Campo, sono ancora visibili numerosi cippi marmorei che segnavano questo ultimo confine, fissato nel 1757 con il Trattato di Melara. L'abitato di Pilastri e le campagne circostanti hanno subito seri danneggiamenti con gli eventi sismici del luglio 2011 e del 20 e 29 maggio 2012.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

  • Palazzo Mosti: casa gentilizia edificata nella seconda metà del XVI sec. dalla famiglia Estense Mosti, probabilmente inglobando una preesistente torre di caccia analoga a quelle distribuite nella stessa epoca tra Ferrara ed il confine del ducato, la cui sommità è ancora oggi visibile nell'angolo nord-occidentale dell'edificio.[1]
  • Chiesa di S.Matteo 'de Pilastri (oggi di S.Matteo Apostolo): edificata nel 1580 da Agostino Mosti, nobile di Ferrara, come probabile annesso al Palazzo di famiglia. Venne successivamente eretta in Parrocchiale, affidata alla locale confraternita del Corpo di Cristo ed aggregata alla Cattedrale di Ferrara.[2] Distrutta e poi ricostruita due volte, a seguito delle rovinose inondazioni del Po, nel 1705 e nel 1839. Notevole l'altare marmoreo avuto per donazione di Don Domenico Verri (Parroco del paese dal 1750 al 1786)[3].
  • Strada dell'Argine del Campo: percorso di antichissima origine, formato su uno dei dossi di paleoalveo del Po e consolidato già in epoca medievale. La strada corre in sommità dell'argine interno alle antiche Valli d'Arcole già oggetto nell'anno 972 di permuta tra Leone, vescovo di Ferrara e Martino, vescovo di Mantova;[4] percorrendola si possono osservare molti siti di insediamento umano in età del bronzo e del ferro, i resti dei pilastri di confine tra Impero austro-ungarico e Stato pontificio, numerosi esempi di corti rurali aperte e di case bracciantili del XIX e XX secolo.
  • Cric: sito non archeologico più vecchio del paese, situato nelle campagne a sud est del territorio quasi al confine con quelli di Burana e Gavello, separato da questo dal Canale di Burana, si dice fosse un antico luogo d'attracco e pernottamento, con tanto di osteria, per i naviganti che percorrevano i corsi d'acqua da Nonantola a Ferrara. Il nome del posto, fresco e lontano dai rumori del progresso e perciò tanto frequentato da molti pilastresi, è difatti lo stesso di un tipo di imbarcazione parente della comacchiese "Batana".

ManifestazioniModifica

  • Festa del Patrono, che si svolge la domenica successiva al 21 settembre.
  • Manifestazione enogastronomica denominata Il Salame dei Pilastri, organizza dall'Associazione Culturale I Pilastri del Po, si svolgeva ogni anno nella settimana tra la fine di maggio e l'inizio del mese di giugno (considerando il periodo ideale in cui il Salame compie la sua maturazione naturale). Istituita nel 2003 e poi sospesa nel 2012, causa terremoto dell'Emilia del 2012 e impoverimento culturale del Comune di Bondeno vista la continua fuga di cittadini verso luoghi in cui le opportunità di lavoro sono più probabili).

CuriositàModifica

  • A Pilastri vi è il sito archeologico più grande di tutto il comune di Bondeno e di tutto l'Alto Ferrarese.[5]
  • Il dialetto parlato a Pilastri è stato definito un "dialetto ferrarese-mantovano, con influssi modenesi". Esso si differenzia sia per accento che per alcune variazioni lessicali dal ferrarese, di cui resta pur sempre una variante, ma risultando più inserito e mutuabile nell'area che si staglia tra i fiumi Secchia, Panaro e Po, delimitata a sud dall'immaginaria direttrice Mirandola-Finale Emilia, comprendendo i comuni di confine delle province di Modena, Ferrara, Mantova e Rovigo.[senza fonte]
  • La località più grande del paese è Lezzine (Bàs), che si estende lungo la Via Virgiliana in direzione Bondeno.
  • Il Teatro Nuovo e il Centro Sociale del paese hanno ospitato numerose personalità del mondo dello spettacolo e della musica locale, tra cui il duo ferrarese Franz & Nico e l'ancor più celebre cantante modenese folk Bob Corn, che vive nella adiacente San Martino Spino.
  • Negli anni 60 il paese divenne un importante distaccamento artigianale del distretto tessile di Carpi, arrivando a contare circa una dozzina tra impianti di maglieria e roccatura filati , alcuni dei quali rimasero in attività fino alla seconda metà del decennio scorso.
  • La ditta Guaresi (www.guaresi.com), che è leader indiscusso del mercato di macchine raccoglitrici di pomodoro su scala mondiale, ha sede in paese.
  • Il Ristorante Dogana da anni sito in via Virgiliana 2, ossia nel primo edificio che si incontra provenendo dalla Lombardia, prende il nome dall'intera borgata che iniziava un tempo proprio con la Dogana Pontificia, situata nell'edificio di fronte, che poi ospito' a lungo le scuole elementari, abbattute forse troppo frettolosamente dopo i danni provocati dal Terremoto dell'Emilia del 2012.

NoteModifica

  1. ^ Ugo Malagù, Guida del Ferrarese, I-II, Ferrara, 1982
  2. ^ Gianfranco Po, Storia di Pilastri, Editoria Baraldini - Finale Emilia, 1991
  3. ^ Gianfranco Po, Pilastri - L'Ottocento tra Cronaca e Storia, Finale Emilia (MO), Baraldini, 1993.
  4. ^ Antonio Frizzi, Memorie per la storia di Ferrara, vol.I, Ferrara, 1847
  5. ^ Scavi Pilastri, su facebook.com.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica