Apri il menu principale

StoriaModifica

Pilzone è stata fondata nel 23 d.C. dai nobili romani che avevano fatto costruire alcune ville per le vacanze estive. Queste ville furono distrutte dai Longobardi. Il piccolo centro lacustre di Pilzone appartenne storicamente alla quadra di Iseo. Nacque come piccolo borgo (il borgo di pulcion), nelle epoche medievali, e prende il nome dal nobile che regnava sui campi della zona.

In età napoleonica (1805-16) Pilzone fu frazione di Iseo, recuperando l'autonomia con la costituzione del regno Lombardo-Veneto. Fino a poco tempo prima però, Pilzone era dotato di un comune.

All'Unità d'Italia (1861) il comune contava 342 abitanti, Ora ne conta circa 800.

Dal 26 settembre 1917 vi era la 3ª Squadriglia Idrovolanti per il Lago d'Iseo.

Nel 1927 il comune di Pilzone fu aggregato definitivamente a Iseo[3].

Pilzone è stata sede dell'azienda di giocattoli Sebino Bambole, fino al 1960.

Durante la Prima Guerra Mondiale fu sede della produzione di aerei Caproni. Nella Seconda Guerra Mondiale si racconta di un alloggio di Benito Mussolini a Pilzone mentre tentava la fuga dall'Italia. Il paese venne bombardato.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia