Pirateria cinematografica

Per pirateria cinematografica si intende il fenomeno di diffusione di copie di un film in violazione del diritto d'autore. Generalmente quest'operazione viene compiuta attraverso software di file sharing e reti peer-to-peer, mentre i contenuti vengono spesso filmati direttamente nelle sale cinematografiche mediante una procedura definita camcording[1].

Incidenza e danno economico in ItaliaModifica

Secondo una ricerca effettuata dall'istituto statistico Ipsos per conto della Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali (FAPAV), l'incidenza della pirateria cinematografica in Italia si attesta nel 2018 al 38%, mentre i mancati incassi per l'industria audiovisiva ammontano a 600 milioni di Euro, e il fatturato perso globalmente dai vari settori economici a causa della pirateria ammonta a 1,08 miliardi di Euro[2].

NoteModifica

  1. ^ Luciano Daffarra, IL CAMCORDING: la fonte della pirateria cinematografica trova nuove regole in Italia, su diritto24.ilsole24ore.com, 5 dicembre 2019. URL consultato il 4 agosto 2020.
  2. ^ PIRATERIA AUDIOVISIVA IN ITALIA: PRESENTATA LA NUOVA RICERCA FAPAV – IPSOS, su anica.it. URL consultato il 4 agosto 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica