Apri il menu principale

Pirro Gonzaga

condottiero italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri omonimi, vedi Pirro Gonzaga (disambigua).
Pirro Gonzaga
Ritratto di Pirro II Gonzaga.jpg
Signore di Bozzolo
Stemma
In carica 15271529
Predecessore Federico Gonzaga (da Bozzolo)
Successore Ludovico Gonzaga
Altri titoli Conte di Rodigo
Nascita 1490
Morte Gazzuolo, 22 gennaio 1529
Luogo di sepoltura Oratorio di San Pietro (Belforte)
Dinastia Gonzaga
Padre Gianfrancesco Gonzaga
Madre Antonia del Balzo
Consorte Camilla Bentivoglio
Figli Federico, Carlo, Isabella, Lucrezia, Ippolita, Camilla, Emilia, Cornelia (naturale).
Pirro Gonzaga
Nascita1490
MorteGazzuolo, 1529
Cause della mortemorte naturale
Luogo di sepolturaOratorio di San Pietro (Belforte)
Dati militari
Paese servitoSacro Romano Impero, Francia
Forza armataMercenari
Gradocondottiero
voci di militari presenti su Wikipedia

Pirro Gonzaga (1490Gazzuolo, 22 gennaio 1529) è stato un condottiero italiano.

BiografiaModifica

Fu il secondogenito di Gianfrancesco Gonzaga e di Antonia del Balzo.

Nel 1499, alla morte del padre, aveva condiviso col fratello Ludovico il possesso di Sabbioneta, Dosolo, Pomponesco, Gazzuolo e Rodigo e assieme agli altri tre fratelli maschi Ludovico, Federico e Gianfrancesco la consignoria di San Martino dall'Argine. Nel 1521 cedette le terre di Sabbioneta al fratello Ludovico.

Alla fine del 1522 partecipò alla conquista di Perugia. Fatto prigioniero e accusato di fellonia nel 1523 subì la confisca dei beni e la perdita dei possedimenti feudali di Gazzuolo, Pomponesco e Dosolo, che furono assegnati dall'imperatore al nipote Luigi Rodomonte.

Nel 1525 partecipò all'assedio di Pavia e fu sconfitto. Dopo una iniziale adesione alla causa dell'Impero, passò dalla parte francese per la quale combatté con coraggio fino alla sconfitta subita nel 1525 nella battaglia di Sant'Angelo Lodigiano contro le truppe imperiali comandate da Fernando Francesco d'Avalos marchese di Pescara. Si arrese e fu imprigionato nella torre di Pizzighettone. Fu liberato grazie all'intervento della madre Antonia che sborsò una cospicua somma in ducati, ritirandosi a Gazzuolo.

 
Gazzuolo con i portici gonzagheschi

Morì nel 1529 e venne sepolto nell'Oratorio di San Pietro a Belforte.[1] Dopo la sua morte, il nipote Luigi Rodomonte fece dono ai suoi figli, Carlo e Federico, delle terre che gli furono confiscate.

DiscendenzaModifica

Sposò Emilia Camilla Bentivoglio (1480?-1529), figlia di Annibale II Bentivoglio, signore di Bologna e di Lucrezia d'Este, figlia naturale di Ercole I d'Este, ebbero sette figli[2]:

Pirro ebbe una figlia naturale, Cornelia, che sposò Lodovico Pico della Mirandola, giureconsulto trapiantato a Gazzuolo.[4]

AscendenzaModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Ferrante Aporti, Memorie storiche riguardanti San Martino dall'Argine, Mantova, 2004. ISBN 88-88499-22-9.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Ritratto di Pirro Gonzaga, su kulturpool.at. URL consultato il 22 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).