Pista olimpica Eugenio Monti

pista da bob a Cortina
Pista olimpica Eugenio Monti
Piste Eugenio Monti.jpg
Il bob di Germania 2, guidato da Andre Lange, nella gara di Coppa del Mondo 2007
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneLoc. Ronco, Cortina d'Ampezzo
Inizio lavori1923
Inaugurazione1923
Chiusura2008
Ristrutturazione1936, 1948, 1956, 1981
Costi di ricostr.₤ 30.276.032 (1956)
Lunghezza pista1.350 m
ProprietarioComune di Cortina d'Ampezzo
GestoreBob Club Cortina
Intitolato aEugenio Monti
Capienza
Posti a sedere1000 + 8000 in piedi
Mappa di localizzazione

Coordinate: 46°32′43.8″N 12°07′40.8″E / 46.5455°N 12.128°E46.5455; 12.128

La pista olimpica Eugenio Monti è un tracciato per bob e slittino situato a Cortina d'Ampezzo, in provincia di Belluno, in Veneto.[1]

La pista è intitolata alla memoria di Eugenio Monti, che tra il 1957 e il 1968 vinse sei medaglie olimpiche nel bob nei Giochi olimpici invernali e dieci medaglie ai campionati mondiali di bob.

La pista è stata utilizzata durante le olimpiadi di Cortina del 1956, oltre che come set cinematografico del film Solo per i tuoi occhi del 1981, con Roger Moore nei panni di James Bond.

Dopo le ultime gare disputate nel gennaio 2008, la pista olimpica è stata chiusa, ma ne è stata ipotizzata la riapertura in vista delle olimpiadi invernali del 2026.

StoriaModifica

OriginiModifica

 
Preparazione della pista (1939)

La pratica del bob a Cortina d'Ampezzo fu introdotta nell'inverno 1905-1906, quando alcuni ragazzi coraggiosi scesero con veicoli rudimentali sulla neve caduta sulla strada dolomitica tra Cortina e Pocol: questa costituisce la prima notizia certa di uno sport invernale praticato in Italia.[2] Nel 1911 si cercò di costruire una pista artificiale per il bob lunga qualche centinaio di metri nel centro di Cortina, ma senza successo per mancanza di mezzi.[2] Nel 1923 fu costruita una nuova pista di 1200 metri di lunghezza, a Ronco, frazione di Cortina sulla Strada delle Dolomiti: l'impianto era molto innovativo per l'epoca, in quanto dotato di speciali tubazioni idriche interrate e ricoperte di erba per consentire il congelamento della pista in inverno.

La pista fece il suo debutto internazionale nel 1928 con i Campionati mondiali universitari invernali (evento precursore dell'Universiade invernale, organizzati dalla Federazione Internazionale Sport Universitari), dando alla pista la prima notorietà, aumentando il suo sviluppo.[2]

La pista venne ricostruita nel 1936, per rispondere ai nuovi standard sportivi, così già avvenuto nella pista di Sankt Moritz e a Garmisch-Partenkirchen. In particolare, l'arrivo della pista scese fino alla riva del fiume Boite;[2] in questo modo la lunghezza del tracciato venne estesa a 1500 metri, con 15 curve e un dislivello di 152 metri.[2] La pista fu così in grado di ospitare i suoi primi campionati mondiali di bob nel 1937, con una gara di bob a due.[2][3] Il tracciato ospitò la gara di bob a quattro dei campionati mondiali di bob 1939, in cui morì lo svizzero Reto Capadrutt.[4][5]

Un'altra ristrutturazione della pista avvenne dopo la seconda guerra mondiale: nel 1948 tutte le curve furono ricostruite e la pista allungata a 1700 metri con 16 curve.[2]

Le olimpiadi del 1956Modifica

 
Eugenio Monti e Renzo Alverà nel bob a due a Cortina 1956
 
Bob a quattro di Italia 2 (Cortina 1956).jpg

Quando il Comitato Olimpico Internazionale assegnò l'organizzazione dei VII Giochi olimpici invernali a Cortina, il Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) prese in mano tutte le operazioni e i miglioramenti della pista con una spesa di 30.276.032 lire.[2] Dopo le Olimpiadi invernali del 1952 a Oslo, i giudici di pista aggiunsero grandi tabelloni, cronometraggio elettronico e punteggio.[2] La pista utilizzata per le Olimpiadi invernali del 1956 era lunga 1720 metri, con 16 curve e un dislivello di 152 metri.[2] Per le quattro prove disputate, il CONI incassò 6.826.000 lire dalla vendita dei biglietti. Complessivamente vennero effettuate 320 discese cronometrate, inclusi gli allenamenti. Per la prima volta in Italia, l'AGIP provvedette a riscaldare con raggi infrarossi le tribune degli spettatori. Per l'epoca, la pista di Cortina era considerata "una delle più belle finora costruite al mondo, in uno stato di assoluta perfezione tecnica".

Gli anni del boom economicoModifica

 
Henry Taylor alla guida di una Ford Cortina lungo la pista da bob (1960)

Quando fu deciso di non costruire una pista da bob per le Olimpiadi invernali del 1960 a Squaw Valley (Stati Uniti d'America), la pista di Cortina fu utilizzata per ospitare nuovamente i campionati mondiali di bob 1960, che in quell'anno rimpiazzarono la gara olimpica non disputata.[3]

 
Campionati mondiali di bob 1966

La pista di Cortina giocò un ruolo chiave nel migliorare la sicurezza del bob, quando il bobbista della Germania dell'Ovest Toni Pensperger morì durante la gara di bob a quattro dei campionati mondiali del 1966:[6] a causa della tragedia, la gara venne annullata, mentre alla squadra tedesca venne assegnata d'ufficio la medaglia d'oro. A seguito di ciò la Federazione Internazionale di Bob e Skeleton (FIBT) pretese notevoli modifiche alla pista, per migliorarne la sicurezza: Cortina dovette così rinunciare alle gare internazionali per una quindicina di anni. Dopo i richiesti adeguamenti, la pista tornò ad ospitare nuovamente i campionati mondiali di bob del 1981, ma nella seconda manche della gara di bob a quattro dell'8 febbraio trovò la morte lo statunitense James Morgan, deceduto a causa di una violenta compressione del collo contro la parete destra che delimitava la pista a pochi metri dalla linea del traguardo (per tale motivo, la pista è stata in seguito accorciata fino alla sua attuale configurazione).[7] Come se ciò non bastasse, la settimana successiva iniziarono sulla pista cortinese le riprese di una scena del film Solo per i tuoi occhi, parte della saga di James Bond: lo stuntman Paolo Rigon rimase ucciso lungo la pista durante il primo giorno delle riprese.[8][9]

La pista venne poi omologata dalla FITB per ospitare i Campionati mondiali di bob 1989.[3]

Dopo la scomparsa del bobbista italiano Eugenio Monti nel 2003, l'anno successivo la pista di Cortina è stata intitolata all'atleta dobbiacense.[10]

ChiusuraModifica

Nel 2007 venne assegnata a Cortina l'organizzazione dei campionati mondiali di bob del 2011, ma in seguito a sopravvenuti problemi finanziari la città ampezzana dovette rinunciare alla manifestazione, poi riassegnata a Königssee.[11]. Sempre nel giugno 2007, la pista avrebbe dovuto essere omologata anche per lo skeleton (l'ultima gara era stata disputata nel 1992), ma ciò non avvenne e Cortina fu esclusa dal circuito della Coppa del Mondo di skeleton 2008.[12][13]

La pista è dotata di un impianto di refrigerazione.[14]

Nel 2008 l'amministrazione comunale di Cortina decise di chiudere l'impianto, per i costi di gestione considerati troppo elevati,[15][16] rinunciando così all'organizzazione dei mondiali 2011 già assegnati.

Presso il centro sportivo "Antonella De Rigo", che si trova in località Fiames, è attivo un pistino di spinta di bob e skeleton intitolato a Renzo Alverà. Il pistino è dotato di un binario su cui è possibile effettuare gli allenamenti anche nel periodo estivo.[17]

Le olimpiadi del 2026Modifica

In vista della selezione della città organizzatrice dei XXV Giochi olimpici invernali, a cui l'Italia si è candidata con il binomio Milano-Cortina 2026, si è pensato di recuperare la pista da bob di Cortina, da rilanciare come centro federale anche per lo slittino e lo skeleton.[18]

Il costo minimo per il ripristino della pista abbandonata fu inizialmente stimato in circa 14 milioni di euro,[19] mentre nel dossier di candidatura ufficiale il costo indicato è di 100 milioni di euro.

CaratteristicheModifica

 
I campioni olimpici di Canada 1 (pilota Pierre Lueders) lanciati nei Labirinti (coppa del mondo di bob, 2007).
 
Squadra giapponese (2007)
 
Stati Uniti 1 all'uscita dai Labirinti (2007)
 
Russia 1 sul rettilineo Antelao (2007)

La pista utilizzata per i Giochi olimpici invernali del 1956 era lunga 1.700 metri, con 16 curve e un dislivello di 152 metri.[2] Le curve 3 e 5 non avevano nome.

Pista olimpica del 1956
Numero curva Nome Nota
1. Partenza
2. Vecchia Nel film Solo per i tuoi occhi del 1981 James Bond (Roger Moore) appeare in questa parte del tracciato, mentre cerca di sfuggire al biathleta tedesco dell'est Erich Kriegler (John Wyman) e ai suoi scagnozzi.
4. Sties
6. Verzi
7. Sento
8., 9., 10. Labirinto
11. Belvedere Nome di località vicina alla pista
12. Bandion Nome di località vicina alla pista
13. Rettifilo Antelao
14. Antelao L'Antelao è la più alta montagna delle Dolomiti orientali, a sud-est di Cortina.
15. Cristallo Il Gruppo del Cristallo si trova a nord-est di Cortina. In questa curva James Bond salta fuori dalla pista per sfuggire al nemico Kreigler.
16. Arrivo

Dopo la tragedia dei Campionati mondiali di bob 1981, la pista è stata accorciata a 1350 metri di lunghezza, con 13 curve, un dislivello di 120,45 metri, un grandiente di pendenza massimo del 15,9% e medio del 9,3%.[20][21]

Pista Eugenio Monti
Numero curva Nome Note
1. Verzi
2. Rettifilo Sento
3. Sento
4., 5., 6. Labrinto
7. Belvedere
8. Bandion
9. Rettifilo Antelao
10. Antelao
11. Cristallo
12. Curva Valletta
13. Arrivo

PrimatiModifica

Primati della pista[21]
Disciplina Record Nazione - atleta/i Data Tempo (secondi)
Bob a due (uomini) Spinta   Canada - Pierre Lueders & Giulio Zardo 19 gennaio 2002 4.84
Bob a due (uomini) Pista   Germania - Thomas Florschütz & Sascha Scheleter 12 gennaio 2006 52.80
Bob a quattro (uomini) Spinta   Svizzera - Martin Annen, Andreas Gees, Beat Hefti, & Cedric Grand 19 dicembre 2004 4.74
Bob a quattro (uomini) Pista   Francia - Bruno Mingeon, Emmanuel Hostache, Christophe Fourquet, & Max Robert 16 gennaio 2000 51.96
Bob a due (donne) Spinta   Canada - Helen Upperton & Jennifer Ciochetti 12 gennaio 2007 5.29
Bob a due (donne) Pista   Germania - Sandra Kiriasis & Romy Logsch 12 gennaio 2007 54.60

Principali manifestazioni ospitateModifica

NoteModifica

  1. ^ Cortina Impianti sportivi, cortina.dolomiti.org. URL consultato il 1º dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2013).
  2. ^ a b c d e f g h i j k (ENIT) 1956 Winter Olympic Games official report (PDF), pp. 175-179.
  3. ^ a b c d List of two-man bobsleigh world championship medalists since 1931, su sports123.com (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
  4. ^ a b List of four-man bobsleigh world championship medalists since 1930, su sports123.com (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2007).
  5. ^ (EN) Barbara Tyrell Kelly, An Olympic romance, in Adirondack Daily Enterprise. URL consultato il 28 novembre 2007 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2007).
  6. ^ "The Deadly Zig-Zag". TIME. March 4, 1966 - Pensperger's death is mentioned.
  7. ^ Bunksplace.com article on the Morgan death during the 1981 FIBT World Championships in Cortina d'Ampezzo, Italy. - Accessed January 21, 2008.
  8. ^ Morgan, John. "Re:Cortina track and For Your Eyes Only" E-mail to Chris Miller. 4 May 2007.
  9. ^ For Your Eyes Only production notes featuring the Cortina track
  10. ^ Bob Club Cortina official website, su bobclubcortina.com.
  11. ^ Königssee to Host 2011 FIBT World Championship [collegamento interrotto], su fibt.com. (28 February 2009 accessed 2 December 2009.)
  12. ^ FIBT awards 2011 championships to Cortina d'Ampezzo
  13. ^ Viessman World Cup Resumes in Cortina [collegamento interrotto], su fibt.com, 9 gennaio 2008. URL consultato il 2 dicembre 2009.
  14. ^ Profilo del tracciato, su Dolomiti.org.
  15. ^ Alessandra Segafreddo, Potrebbe riaprire la pista di bob di Cortina, in Corriere delle Alpi, 7 novembre 2016.
  16. ^ Marco Dibona, Cortina: progetto la riapertura della pista di bob, su radioclub103.it, 27 febbraio 2018.
  17. ^ Domenica 7 ottobre a Cortina i Campionati Italiani estivi di spinta di bob e skeleton, su Federazione italiana sport invernali, 2 ottobre 2018.
  18. ^   Barbara Ungaro, Olimpiadi 2026: Cortina punta anche la rilancio della pista da bob, su Rai TGR.
  19. ^ Jacopo Ricca, A Cortina è vecchia e da rifare la pista da bob scelta dal Coni contro Cesana, su Repubblica, 26 agosto 2018.
  20. ^ (EN) Cortina track profile, su FIBT (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2011).
  21. ^ a b La pista, su Bob Club Cortina.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • FIBT track profile - Track diagram shown is the track prior to its reconfiguration in 1981 though video image shown is for track in its current configuration.
  • Official website (IT)