Apri il menu principale

Pithovirus sibericum

Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pithovirus sibericum
Pithovirus sibericum sketch.jpg
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti
Classificazione dei virus
Dominio Acytota
Gruppo Gruppo I (Virus a dsDNA)
Famiglia Pithoviridae
Genere Pithovirus
Specie Pithovirus sibericum

Pithovirus sibericum è un virus facente parte dei grandi virus nucleo-citoplasmatici a DNA, unica specie del genere Pithovirus. È stato scoperto per la prima volta nel 2014 in un blocco di permafrost di 30000 anni rinvenuto in Siberia.[1] Il virus possiede una Parete cellulare spessa, ovale e aperta nella parte finale. All'interno la struttura ricorda quella di un favo.

DescrizioneModifica

Un esemplare di Pithovirus misura circa 1,5 micron in lunghezza e 0,5 micron in diametro, queste dimensioni lo rendono il più grande virus scoperto fino ad ora, il 50% più grande del Pandoravirus.[2]

ScopertaModifica

Il Pithovirus sibericum è stato scoperto in un campione di permafrost siberiano di circa 30000 anni fa da Chantal Abergel e Jean-Michel Claverie dell'Aix-Marseille University. Il Pithovirus infetta le amebe, non l'uomo, ma la sua presenza nel ghiaccio spinge i ricercatori francesi a ritenere che il permafrost potrebbe nascondere altri microrganismi, magari patogeni, che potrebbero essere liberati a causa del riscaldamento globale.[3]

NoteModifica

Altri progettiModifica