Apri il menu principale

Geografia fisicaModifica

StoriaModifica

Nel XVIII secolo Plainpalais era principalmente una periferia dedita all'orticultura[1] (cavolfiore, carciofo, lattuga e cardo)[senza fonte]. La riva sinistra dell'Arve fu disputata fra la regione della Savoia e Ginevra finché il Trattato di Torino (1754) l'attribuì alla città[1]. Nel 1848 il sito divenne proprietà comunale[senza fonte] e servì per festeggiamenti, sia militari sia civili[1]. Plainpalais diviene comune con legge del 17 febbraio 1800, data in cui il Consiglio comunale e l'ufficio di sindaco furono creati[senza fonte]. La località attirò diverse istituzioni culturali e di divertimento espresse da un piccolo circo nel 1865, da un diorama nel 1880, da un casino nel 1887, da teatri e altro ancora e fu segnata in modo duraturo dall'Exposition nationale del 1896[1].

 
Uni-Bastions, i Bastioni dell'Università di Ginevra

Ai primi del XX secolo, numerosi immobili sostituirono le ville e i giardini all'ingresso del quartiere di Florissant. Gli ultimi lavori condotti dalle amministrazioni comunali coinvolsero l'allargamento della rue Beau-Séjour e della rue Dancet, nel 1928-1929, e la creazione della place des Augustins nel 1930[senza fonte]. La votazione della legge di fusione amministrativa nel maggio 1930 (2673 sì contro 1535 no) pone fine all'autonomia del comune di Plainpalais che fu integrato a quello della città di Ginevra nel 1931 assieme agli altri comuni soppressi di Le Petit-Saconnex e Les Eaux-Vives[1]. La presenza del Palazzo delle Esposizioni a Plainpalais, tra il 1926 e il 1980, rafforzò la dinamica del quartiere[1]. Alla sua demolizione il sito viene occupato da una delle principali costruzioni dell'Université de Genève (Uni-Mail)[senza fonte].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
Sinagoga di Plainpalais
  • Sinagoga.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[1]:

Abitanti censiti

 

Istituzioni, enti e associazioniModifica

È a Plainpalais che ha la propria sede l'Organizzazione mondiale del movimento scout.

Geografia antropicaModifica

Plainpalais è anche chiamata banlieue di Neuve (dal nome di una delle porte di Ginevra); i suoi quartieri e frazioni sono[1]:

  • Champel
  • La Cluse
  • La Jonction
  • Le Bout-du-Monde
  • Les Acacias
  • Les Tranchées
  • Les Vernets
  • Palais
  • Saint-Léger
  • Saint-Victor

AmministrazioneModifica

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del comune.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h Dominique Zumkeller, Plainpalais, in Dizionario storico della Svizzera, 7 febbraio 2018. URL consultato il 28 aprile 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Svizzera