Apri il menu principale
Plaistow
Quartiere
Plaistow
Plaistow – Veduta
La strada principale del quartiere, Barking Road
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
RegioneGrande Londra
ConteaNon presente
DistrettoBorgo londinese di Newham
Territorio
Coordinate51°31′27.48″N 0°01′28.2″E / 51.5243°N 0.0245°E51.5243; 0.0245Coordinate: 51°31′27.48″N 0°01′28.2″E / 51.5243°N 0.0245°E51.5243; 0.0245
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postaleE13
Prefisso020
Fuso orarioUTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Plaistow
Plaistow

Plaistow (pronunciato /ˈplɑːstoʊ/ PLAH-STOH, anche se spesso è erroneamente chiamato PLAY-STOH o PLA-STOH) è un quartiere del borgo londinese di Newham, situato a circa 10 km da Charing Cross.

Il quartiere è un'area residenziale, costituita prevalentemente da case popolari.

Origini del nomeModifica

È incerta l'origine del toponimo del quartiere; sono varie le ipotesi si di esso:

  • si considera che il nome Plaistow derivi da "Sir Hugh de Plaitz", che nel 1065 sposò Filippa di Montfichet, la cui famiglia possedeva il distretto: da dopo il matrimonio, Filippa chiamò l'area "Manor of Plaiz". "Stow", invece, era o un luogo di assemblea (occasionalmente un luogo sacro) o un villaggio. Dunque, "Plaiz-stow" è il villaggio o il luogo di assemblea del maniero, Plaiz.
  • nel suo libro "What's in a Name?", pubblicato nel 1977, l'autore Cyril M. Harris, scrive che nel 1200 l'area di Plaistow era registrata come "Plagestoue", nome derivato dall'antico inglese formato da "pleg" (con il significato di giocare o di sport) e "stowe" (posto): quindi Plaistow significherebbe, secondo Harris, "luogo per giocare". In realtà, sembra che Harris abbia confuso Plaistow, già località dell'Essex, con Plaistow, vicino a Crich nel Derbyshire, che è registrato come "Plagestoue" nelle Darley Charters del 1200[1]. La derivazione da "Pleg" e "Stowe" potrebbe tuttavia essere applicata ugualmente ad entrambe le località chiamate Plaistow.
  • Plaistow in Essex è riportato come "Playstowe" nel Patent Rolls della contea del 1414[1]. Anche in questo caso, dunque, viene supportata l'idea che il nome dell'area significasse in origine "luogo per giocare".

StoriaModifica

Medioevo ed età modernaModifica

Nel 1353 Sir Richard de Playz donò il suo territorio all'abbazia cistercense Stratford-Langthorne. A seguito della Dissoluzione dei monasteri in Inghilterra, l'area divenne di proprietà della corona che la concesse a Sir Roger Cholmeley nel 1553.

Plaistow è collegata alle leggende del famoso brigante Dick Turpin (nato nel 1705, ucciso nel 1739): diverse storie sul suo conto, infatti, sostengono che il suo primo crimine fu il furto di due buoi, compiuto ai danni del suo datore di lavoro a Plaistow nel 1730. Per anni, nella zona tra Plaistow e Southend Turpin e la sua banda di contrabbandieri hanno operato illecitamente.

Età contemporaneaModifica

Plaistow fu collegata alla rete telefonica solamente nel 1905.

L'area è stata pesantemente danneggiata durante i bombardamenti su Londra della seconda guerra mondiale. Pochi edifici rimasero illesi a seguito dei bombardamenti. Uno di questi è il pub "The Black Lion" il cui edificio è uno dei più antichi del quartiere, essendo risalente a prima del 1742.[2]

 
Strada principale di Plaistow

Negli anni Sessanta, in un'area particolarmente danneggiata dai bombardamenti, nella zona settentrionale del quartiere è stato costruito dall'autorità locale (che allora era il borgo rurale di West Ham, nell'Essex) un grande complesso di case popolari, che sarebbe dovuto servire per soddisfare la crescente richiesta di abitazioni da parte della popolazione.

Queste case popolari, insieme a tutto il vicinato, sono state sottoposte a un progetto di riqualificazione urbana, a seguito del degrado in cui vessavano. Infatti, alla fine degli anni Ottanta, 92 milioni di sterline sono state stanziate per questa riqualificazione, conosciuta con il nome di "Forest Gate and Plaistow SRB5", con il fine di rinnovare e rivitalizzare i quartieri, creando nuovi posti di lavoro, costruendo nuove abitazioni e migliorando le esistenti.[3] All'organizzazione "West Ham and Plaistow New Deal for Communities" ("NDC") incluso nel programma governativo designato per contrastare esclusione sociale, disoccupazione, insicurezza e bassa istruzione, è stata conferita la gestione di più di 54 milioni di sterline per portare miglioramenti nell'area in un periodo decennale fino al 2010. A conclusione di questo periodo, nel marzo del 2010, viene fondata dalla NDC la Newham New Deal Partnership ("Newham NDP"), un'organizzazione non a scopo di lucro, che ha come scopo quello di continuare l'operato decennale della NDC in un'area più ampia. Questa organizzazione lavora in collaborazione con l'East London Business Alliance, l'East Thames Group, il Borgo londinese di Newham e il One Housing Group per provvedere alla comunità benefici sia direttamente sia attraverso associati.[4]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Luoghi di interesse nel quartiere sono il Plaistow Park, parco di quasi 4 ettari conosciuto dall'anno della sua apertura, nel 1894, fino al 1999 come Balaam Street Recreation Ground, e il cimitero dell'East London.

A Plaistow si trovano il centro ricreativo di Newham, il centro ricreativo di Balaam Street, l'ospedale universitario di Newham e, a sud est del quartiere, nei pressi dell'ospedale, il campus principale del Newham Sixth form college.

CulturaModifica

Nella cultura di massaModifica

A Plaistow ci si riferisce nel brano "Plaistow Patricia" di Ian Dury, contenuta nell'album, uscito nel 1977, New Boots and Panties!!.
La location per le riprese video del brano "Fascination" dal gruppo Human League era una casa, interamente dipinta di rosso, e le circostanti villette a schiera che si trovano all'angolo tra la First Avenue e la Third Avenue nel quartiere di Plaistow. L'area da allora è stata riqualificata.

RadioModifica

La "Voice of Africa Radio" (VOAR) è un'emittente radiofonica locale che trasmette da Plaistow. La radio cominciò ad operare il 1º gennaio 2000 come un'emittente non autorizzata, dato che ricevette la licenza solamente nel 2006.[5] È la prima stazione radiofonica africana autorizzata nel Regno Unito.

Infrastrutture e trasportiModifica

 
Entrata della stazione della metropolitana sulla Plaistow Road

Il quartiere si trova lungo la A112 (l'antica strada d'età romana, che collega da nord Waltham Abbey con North Woolwich a sud, che presso il quartiere assume l'odonomastica di Prince Regent Lane, Greengate Street, The Broadway, High Street o Plaistow Road) e la A124 (Barking Road), che scorre da sud-ovest a nord-est attraverso il quartiere.

Plaistow è servita dalla stazione della metropolitana omonima. Questa stazione è servita dai treni della linee District line e Hammersmith & City.

Altre stazioni che si trovano nei pressi del quartiere, inoltre, sono le stazioni di West Ham, di Abbey Road e di Star Lane, a ovest, e di Upton Park, a est.

Varie linee di autobus servono il quartiere:[6][7]

      • 325 (East Beckton - Plaistow - Prince Regent)
      • 330 (Canning Town - Plaistow - Wanstead Park)
      • 473 (North Woolwich - Plaistow - Stratford)
      • 541 (Keir Hardie Estate - Plaistow - Prince Regent)
      • 678 (Beckton - Plaistow - Stratford)
      • la notturna N15 (Romford - Plaistow - Trafalgar Square)
      • la notturna N551 (Gallions Reach - Plaistow - Trafalgar Square)

      NoteModifica

      1. ^ a b Surname Database: Plaister Last Name Origin
      2. ^ Rear of Black Lion pub Plaistow. | The Newham Story Archiviato il 16 marzo 2013 in Internet Archive.
      3. ^ Forest Gate and Plaistow SRB5 Programme Archiviato il 5 ottobre 2010 in Internet Archive.
      4. ^ http://www.newhamndp.co.uk/item/?section=2&parent=7&page_id=7e51e6540280a1802b67f9ad9428cb2e109d0727[collegamento interrotto]
      5. ^ About Us, su voiceofafricaradio.com. URL consultato il 16 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2013).
      6. ^ Autobus per Plaistow, Barking Road
      7. ^ Autobus per Plaistow Station

      Altri progettiModifica

        Portale Londra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Londra