Playing the Angel

album dei Depeche Mode del 2005
Playing the Angel
ArtistaDepeche Mode
Tipo albumStudio
Pubblicazione13 ottobre 2005
Durata52:12
Dischi1
Tracce12
GenereRock alternativo[1]
Dance rock[1]
Synth pop[1]
EtichettaMute Records Regno Unito
Sire/Reprise Stati Uniti
ProduttoreBen Hillier
RegistrazioneSound Design, Santa Barbara; Stratosphere Sound, New York, gennaio-luglio 2005
FormatiCD, SACD+DVD, LP, download digitale
NoteÈ stata pubblicata anche una versione speciale con i testi delle canzoni dell'album e un video di Clean nel backstage
Certificazioni
Dischi d'oroArgentina Argentina[2]
(vendite: oltre 20 000)
Austria Austria[3]
(vendite: oltre 15 000)
Canada Canada[4]
(vendite: oltre 50 000)
Danimarca Danimarca[5]
(vendite: oltre 20 000)
Finlandia Finlandia[6]
(vendite: oltre 16 777)
Messico Messico[7]
(vendite: oltre 50 000)
Portogallo Portogallo[8]
(vendite: oltre 10 000)
Regno Unito Regno Unito[9]
(vendite: oltre 100 000)
Svezia Svezia[10]
(vendite: oltre 30 000)
Dischi di platinoEuropa Europa[11]
(vendite: oltre 1 000 000)
Francia Francia[12]
(vendite: oltre 200 000)
Germania Germania (2)[13]
(vendite: oltre 400 000)
Italia Italia (2)[14]
(vendite: oltre 160 000)
Polonia Polonia[15]
(vendite: oltre 20 000)
Russia Russia (3)[16]
(vendite: oltre 60 000)
Spagna Spagna[17]
(vendite: oltre 80 000)
Ungheria Ungheria[18]
(vendite: oltre 20 000)
Depeche Mode - cronologia
Album precedente
(2004)
Singoli
  1. Precious
    Pubblicato: 3 ottobre 2005
  2. A Pain That I'm Used To
    Pubblicato: 12 dicembre 2005
  3. Suffer Well
    Pubblicato: 20 marzo 2006
  4. John the Revelator/Lilian
    Pubblicato: 5 giugno 2006

Playing the Angel è l'undicesimo album registrato in studio della band inglese Depeche Mode, pubblicato il 13 ottobre 2005.

DescrizioneModifica

I testi delle varie canzoni richiamano sempre i temi degli angeli e dei demoni; dell'inferno e del paradiso; di una lotta tra bene e male. Tale filosofia dell'album è anche dovuta alla particolare situazione del compositore "storico" dei Depeche Mode, Martin Lee Gore, in via di separazione dalla consorte.

David Gahan si è cimentato per la prima volta nella stesura dei testi per i Depeche Mode,[19] coadiuvato dal batterista Christian Eigner e dal produttore Andrew Phillpott: Suffer well, I want it all e Nothing's impossible sono sue creazioni, mentre tutte le altre tracce sono state scritte da Martin Lee Gore.

Suffer well è stata ri-adattata e ricantata per il gioco della EA The Sims 2 in Simlish, la lingua parlata dai personaggi del gioco.

Il titolo dell'album (Playing the angel, appunto) è una frase ascoltabile nell'ultima canzone, The darkest star. La parola angel compare in altre tre canzoni: John the revelator, Suffer well e Precious.

Fino a poco prima dell'uscita del disco, il titolo della sesta canzone, "Macro", era "Macrovision". Probabilmente la modifica è stata necessaria perché Macrovision è un marchio registrato (si tratta di un sistema per la protezione dei diritti d'autore nelle videocassette e nei DVD).

Il mastering dell'album è stato creato seguendo i criteri della loudness war, sacrificandone la gamma dinamica per aumentare il volume medio complessivo ai massimi livelli.[20]

TracceModifica

Testi e musiche di Martin Lee Gore, eccetto dove indicato.

  1. A Pain That I'm Used To – 4:11
  2. John the Revelator – 3:41
  3. Suffer Well – 3:49 (Dave Gahan, Christian Eigner, Andrew Phillpott)
  4. The Sinner in Me – 4:55
  5. Precious – 4:10
  6. Macro – 4:02
  7. I Want It All – 6:09 (Dave Gahan, Christian Eigner, Andrew Phillpott)
  8. Nothing's Impossible – 4:21 (Dave Gahan, Christian Eigner, Andrew Phillpott)
  9. Introspectre – 1:42
  10. Damaged People – 3:27
  11. Lilian – 4:44
  12. The Darkest Star – 6:38
  13. Free (traccia bonus dell'edizione giapponese) – 5:13
DVD bonus nell'edizione speciale
  1. Making the Angel - Dietro le quinte di Playing the Angel
  2. Precious (Video)
  3. Clean (Bare)
  4. Photo gallery

FormazioneModifica

Gruppo
Altri musicisti
  • Dave McCracken - sintetizzatori, pianoforte (The Darkest Star), drum machine
  • Richard Morris - sintetizzatori, drum machine, ingegnere del suono
  • Christian Eigner - scrittura brani (Suffer Well, I Want It All e Nothing's Impossible), pre-produzione con Dave Gahan
  • Andrew Philpott - scrittura brani (Suffer Well, I Want It All e Nothing's Impossible), pre-produzione con Dave Gahan
Produzione
  • Ben Hillier - produzione, ingegnere del suono, missaggio
  • Anton Corbijn - fotografia, direzione artistica, copertina
  • Steve Fitzmaurice - missaggio
  • Emily Lazar - mastering
  • Arjun Agerwala - assistente ingegnere del suono
  • Devin Workman - assistente missaggio, ingegnere del suono
  • Kt Rangnick - assistente ingegnere del suono
  • Nick Sevilla - assistente ingegnere del suono
  • Rudyard Lee Curris - assistente ingegnere del suono
  • Jonathan Kessler - management
  • Four5one.com - design
  • Sarah Register - assistente masterizzazione

ClassificheModifica

Classifica (2005) Posizione
massima
Australia[21] 45
Austria[21] 1
Belgio (Fiandre)[21] 4
Belgio (Vallonia)[21] 1
Canada[22] 3
Danimarca[21] 1
Europa[23] 1
Finlandia[21] 1
Francia[21] 1
Germania[21] 1
Grecia[24] 4
Italia[21] 1
Messico[21] 3
Norvegia[21] 1
Paesi Bassi[21] 11
Polonia[25] 1
Portogallo[21] 1
Regno Unito[26] 6
Spagna[21] 2
Stati Uniti[22] 7
Stati Uniti (dance/electronic)[22] 1
Svezia[21] 1
Svizzera[21] 1
Ungheria[27] 1

Tour promozionaleModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Touring the Angel.

Per promuovere l'album, il gruppo intraprese il Touring the Angel, partito il 25 ottobre 2005 dalla Bowery Ballroom di New York, e conclusosi il 1º agosto 2006 al Terra Vibe di Atene.

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Playing the Angel, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (ES) Discos de Oro y Platino – 2005, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  3. ^ (DE) Depeche Mode, Playing the Angel – Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 9 agosto 2015.
  4. ^ (EN) Depeche Mode, Playing the Angel – Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 9 agosto 2015.
  5. ^ (DA) Pladebranchen.08 offentliggøres i dag, IFPI Danmark, 27 agosto 2009. URL consultato il 2 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2011).
  6. ^ (FI) Depeche Mode, IFPI Finland. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2015).
  7. ^ (ES) Certificaciones – Depeche Mode, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2017).
  8. ^ (PT) Top 30 Artistas - Semana 4 de 2006, Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2010).
  9. ^ (EN) Playing the Angel, British Phonographic Industry. URL consultato il 9 agosto 2015.
  10. ^ (SV) Guld- och Platinacertifikat − År 2005 (PDF), IFPI Sverige. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2011).
  11. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards – 2005, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2013).
  12. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, InfoDisc. URL consultato il 9 agosto 2015. Selezionare "DEPECHE MODE" e premere "OK".
  13. ^ (DE) Depeche Mode, Playing the Angel – Gold-/Platin- und Diamond-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 9 agosto 2015.
  14. ^ Le cifre di vendita - 2005 (PDF), Musica e dischi. URL consultato l'8 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2015).
  15. ^ (PL) bestsellery i wyróżnienia, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 9 agosto 2015.
  16. ^ (RU) International 2005, 2m-online.ru. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2009).
  17. ^ (ES) Top 100 Albumes - Lista de los títulos mas vendidos del 06.02.06 al 12.02.06 (PDF), Productores de Música de España. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2012).
  18. ^ (HU) Adatbázis › Arany- és platinalemezek › 2005, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 9 agosto 2015.
  19. ^ A Sobering Interview with Depeche Mode, su edition.cnn.com.
  20. ^ Trading pages > The Loudness War, su sharoma.com. URL consultato il 10 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2008).
  21. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Depeche Mode - Playing The Angel, Ultratop. URL consultato il 9 agosto 2015.
  22. ^ a b c (EN) Depeche Mode Chart History, su Billboard. URL consultato il 9 agosto 2015.
  23. ^ (EN) Lars Brandle, Depeche Mode's 'Angel' Flies High In Europe, Billboard, 27 ottobre 2005. URL consultato il 9 agosto 2015.
  24. ^ (EL) Top 50 Ελληνικών και Ξένων Άλμπουμ, IFPI Greece. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2005).
  25. ^ (PL) sprzedaż w okresie: 10.10.2005 - 16.10.2005, OLiS. URL consultato il 9 agosto 2015.
  26. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 23 October 2005 - 29 October 2005, Official Charts Company. URL consultato il 9 agosto 2015.
  27. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista: 2005. 42. hét, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 9 agosto 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock