Pocahontas (film 1995)

film d'animazione della Walt Disney del 1995 diretto da Mike Gabriel e Eric Goldberg
Pocahontas
Pocahontas e John Smith.png
Pocahontas e John Smith
Lingua originaleinglese, powhatan
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1995
Durata78 min
Rapporto1,66:1
Genereanimazione, avventura, drammatico, sentimentale, musicale
RegiaMike Gabriel, Eric Goldberg
SceneggiaturaCarl Binder, Susannah Grant, Philip LaZebnik
ProduttoreJames Pentecost
Casa di produzioneWalt Disney Feature Animation
Distribuzione in italianoWalt Disney Pictures
MontaggioH. Lee Person
Effetti specialiDon Paul, Jeff Dutton
MusicheAlan Menken
ScenografiaRasoul Azadani, Jeff Dickson
StoryboardTom Sito (sup.), Chris Buck, Joe Grant, Robert Gibbs, Duncan Marjoribanks, Ralph Zondag, Kaan Kalyon, Ed Gombert, Francis Glebas, Todd Kurosawa, Bruce M. Morris, Glen Keane, Burny Mattinson
Art directorMichael Giaimo
AnimatoriGlen Keane, John Pomeroy, Duncan Marjoribanks, Ruben Aquino, Nik Ranieri, David Pruiksma, Chris Buck, Ken Duncan, Anthony DeRosa, Michael Cedeno, T. Daniel Hofstedt
SfondiCristy Maltese, Robert E. Stanton
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Pocahontas Logo.svg
Logo del film

Pocahontas è un film d'animazione del 1995, prodotto dai Walt Disney Animation Studios e diretto da Mike Gabriel e Eric Goldberg. È considerato il 33º classico Disney secondo il canone ufficiale. È il sesto film uscito durante il Rinascimento Disney.

Il film è basato sulle vicende reali di Pocahontas, indigena powhatan della Virginia che nel 1607 salvò la vita al colono John Smith di Jamestown. Ciò rende il film il primo lungometraggio d'animazione Disney ispirato ad un fatto veramente accaduto.

Il film, sebbene il successo, fu accolto con critiche contrastanti: alcuni apprezzarono l'animazione, la colonna sonora e lo sforzo degli sceneggiatori di portare sul grande schermo una storia più matura rispetto al "canone disneyano", mentre altri criticarono la trama irregolare e gli stereotipi razziali presenti nel film[1].

TramaModifica

Nell'anno 1607 una spedizione inglese parte per il nuovo mondo per quella che sarà la Virginia americana. A capo della spedizione c'è il governatore Ratcliffe, un arrampicatore sociale per il quale la spedizione rappresenta l'ultima opportunità di acquistare credito e fama a corte. Tra i suoi uomini c'è il capitano John Smith, un avventuriero assunto con la funzione di tenere a bada gli eventuali indigeni.

Nel frattempo, nei dintorni del futuro luogo di approdo della spedizione nel nuovo mondo, il nativo americano Powhatan, capo della tribù algonchina dei Powhatan, ritorna nel suo villaggio dopo una guerra contro i Massawomek, una tribù rivale. Riabbraccia sua figlia Pocahontas, dandole la notizia che Kocoum, il guerriero della tribù che più si è distinto nelle ultime battaglie, ha chiesto la sua mano. La ragazza è dubbiosa al riguardo, perché non crede che sposare Kocoum sia il suo destino.

Con l'arrivo dei coloni nelle prossimità del villaggio dei Powhatan si sviluppano due storie parallele: da una parte i conflitti tra i coloni e gli indiani, dall'altra la storia d'amore che nasce tra Smith e Pocahontas. Quando John dice a Pocahontas che lui e i suoi uomini sono qui per trovare l'oro, lei gli dice che non ce n'è. Pocahontas presenta John a Nonna Salice ed evita che altri membri dell'equipaggio lo cerchino, ma la migliore amica di Pocahontas, Nakoma, scopre la sua relazione con John e avverte Kocoum. Ratcliffe apprende anche degli incontri di John con Pocahontas e avverte con rabbia John che deve uccidere i nativi che incontra, altrimenti verrà condannato a morte.

Mentre Smith e Pocahontas si baciano per la prima volta vengono scoperti da Kocoum, che si scaglia contro John. Interviene Thomas, un compagno di John, che imbraccia il fucile e uccide Kocoum, colpendolo al torace. Lo sparo richiama l'attenzione degli indiani che accorrono e imprigionano Smith, e Powhatan lo condanna a morte.

Ratcliffe strumentalizza l'accaduto per spingere i suoi uomini ad una guerra contro gli indigeni per salvare Smith, col vero fine di invaderne il villaggio e impossessarsi dell'oro che, per infondata convinzione di Ratcliffe stesso, i nativi nasconderebbero. Pochi attimi prima che Powathan esegua la condanna a morte di Smith di fronte agli indiani e ai coloni armati, Pocahontas irrompe e si getta su Smith, fermando il padre. Lei cerca di convincerlo di come la via dell'odio non avrebbe altro risultato che la distruzione della sua gente. Powathan riconosce la saggezza delle parole della figlia, e grazia Smith.

Volendo causare la guerra a tutti i costi, Ratcliffe tenta di sparare a Powathan, ma finisce per colpire John che si getta sul capo tribù per salvarlo. A causa di questo grave errore Ratcliffe viene arrestato dai coloni. Ben presto si scopre che la ferita di John è grave al punto da non poter essere curata sul posto e di richiederne il ritorno a Londra, pena la sua stessa vita. Pocahontas vorrebbe seguirlo, ma sa che il suo posto è con il proprio popolo e perciò lo lascia andare, con la promessa di rivedersi un giorno. Mentre Pocahontas, dall'alto di una rupe, saluta John, quest'ultimo risponde al saluto e si allontana con la nave verso l'orizzonte.

PersonaggiModifica

  • Pocahontas: è la principessa indiana, figlia del capo tribù. Ha lunghi capelli neri e indossa un vestito di pelle di camoscio. È una ragazza avventurosa, coraggiosa e indipendente, ma molto dolce e saggia. Ama gli animali e la foresta. Il suo unico desiderio è trovare la sua strada. Durante il film si innamorerà di John Smith.
  • John Smith: è un marinaio avventuriero che si unisce alla Virginia Company con il ruolo di esploratore. È un uomo coraggioso e altruista ma, come tutti gli altri coloni, inizialmente considera i nativi americani dei selvaggi da civilizzare o, se necessario, eliminare. Si innamorerà di Pocahontas, che gli mostrerà la bellezza della natura e del suo stile di vita.
  • Governatore John Ratcliffe: è un governatore britannico, nonché il capo della spedizione di cui fa parte John Smith. È un uomo corpulento, astuto e carismatico, ma anche avido, subdolo e senza scrupoli, pronto a tutto pur di soddisfare le sue ambizioni. Vuole insediarsi nella terra degli indiani con lo scopo di prenderne l'oro, che è convinto sia presente nel sottosuolo di tutto il nuovo mondo.
  • Capo Powhathan: è il padre di Pocahontas e il capo della tribù algonchina. Saggio e comprensivo, tiene molto alla sua tribù e in particolar modo a sua figlia, sebbene a volte sia severo con lei.
  • Nonna Salice: è un vecchio salice posto sopra un lago. Rappresenta la comunione degli indiani con la natura. Saggia e gentile, vuole molto bene a Pocahontas, e perciò cerca sempre di darle consigli per andare avanti con la sua vita nel migliore dei modi.
  • Thomas: è il migliore amico di John Smith, nonché il membro più giovane della Virginia Company. Dopo aver ucciso Kocoum, avverte Ratcliffe della cattura di John Smith. Quando poi il governatore intende uccidere Powhathan, incita i suoi compagni a ribellarsi.
  • Ben e Lon: sono due membri della Virginia Company.
  • Wiggins: è il domestico sempliciotto e poco sveglio di Ratcliffe.
  • Meeko: è un procione vorace, scaltro e malandrino. È uno dei migliori amici di Pocahontas e di John Smith.
  • Flit: è un colibrì sospettoso che dimostrerà di avere poca simpatia per John, in quanto Pocahontas stessa dice che non gli piacciono gli estranei, ma alla fine si affezionerà a lui.
  • Perlin: è il cane di Ratcliffe di razza carlino, viziato ed amante del lusso. Viene sempre imbrogliato da Meeko, con il quale però alla fine stringe amicizia.
  • Kekata: è l'anziano indiano saggio e amico di Powhathan.
  • Kocoum: è il promesso sposo di Pocahontas, nonché il guerriero più valoroso del villaggio indiano. Vuole sposare Pocahontas e ne chiede la mano al padre, che accetta, ma senza conquistare la figlia, che lo considera troppo serio. Quando vede Pocahontas baciarsi con John, si avventa su quest'ultimo e viene ucciso da Thomas con un colpo di fucile, avvenimento che provocherà la cattura e la condanna a morte dello stesso John, accusato del delitto.
  • Nakoma: è la migliore amica di Pocahontas. Tranquilla e ingenua, vuole molto bene a Pocahontas. Temendo per lei, rivela a Kocoum che l'amica e John si frequentano.

ProduzioneModifica

Parte della produzione si è svolta in concomitanza con la produzione de Il re leone. Jeffrey Katzenberg lo considerò un progetto ancora più prestigioso di quello de Il Re Leone e dette per scontata la candidatura all'Oscar al miglior film, seguendo le orme de La bella e la bestia.

A causa della difficoltà nell'animazione, la produzione del film durò per circa cinque anni. Per dare maggiore autenticità all'opera furono assunti molti nativi americani. Molti membri del team creativo ebbero anche contatti con degli sciamani in studio per immedesimarsi nei personaggi.

John Candy aveva lavorato ad un personaggio chiamato "Redfeather", un tacchino che avrebbe fatto parte del gruppo di animali amici di Pocahontas. Candy avrebbe anche dovuto doppiare il personaggio. A causa della sua morte nel 1994, il personaggio venne eliminato dal film.

Nella prima stesura dello script, il personaggio di "Nonna Salice" era sostituito da un personaggio maschile, ovvero lo spirito del fiume, chiamato in originale "Old Man River". La canzone Just Around the Riverbend venne scritta apposta per questo personaggio, che doveva essere doppiato da Gregory Peck. Peck rifiutò e consigliò agli sceneggiatori di sostituire "Old Man River" con un personaggio femminile. Da ciò nacque l'idea di creare il personaggio di "Nonna Salice".

Howard Ashman avrebbe dovuto comporre le canzoni di Pocahontas, ma morì nel 1991. I colori del vento fu la prima canzone composta dalla produzione.

Sean Bean in un primo momento venne considerato per impersonare la voce di John Smith, ma venne scartato poiché i produttori volevano un attore molto famoso in America. Fu così scelto Mel Gibson, all'epoca alla sua prima esperienza di doppiaggio. Anche per dare la voce del Governatore Ratcliffe venne considerato in un primo momento l'attore Richard White, ma i produttori lo scartarono in quanto pensarono che gli spettatori avrebbero associato la sua voce al personaggio di Gaston, che White aveva doppiato ne La bella e la bestia. Anche Rupert Everett, Stephen Fry e Patrick Stewart furono avvicinati per il ruolo, ma alla fine fu scelto David Ogden Stiers.

Fra i doppiatori principali, Mel Gibson nel ruolo del capitano John Smith, Irene Bedard in quello della protagonista Pocahontas, Christian Bale e David Ogden Stiers, nei ruoli rispettivamente di Thomas e dell'infido Governatore Ratcliffe.

Nel 2005, in occasione del decimo anniversario dall'uscita del film, la Disney ne distribuì un'edizione home video, disponibile solo per alcuni mercati dai quali l'Italia fu esclusa, nella quale venne ripristinata una sequenza inedita, dove Pocahontas e John Smith eseguivano la canzone If I Never Knew You. La canzone, originariamente animata al 90%, fu tagliata su suggerimento del suo stesso compositore Alan Menken, ritenendo che rallentasse il ritmo del film. Sebbene fosse stata eliminata dalla versione cinematografica, la canzone era stata comunque inserita in accompagnamento dei titoli di coda, in una versione pop e con alcune strofe differenti, eseguita nell'originale da Jon Secada e Shanice, mentre in Italia, col titolo Se tu non ci fossi, dal duo composto da Massimo Di Cataldo e Manù.

DistribuzioneModifica

Data di uscitaModifica

Il film fu proiettato in prima assoluta il 16 giugno 1995 a New York. Uscì nelle sale statunitensi il 23 giugno. Il 24 novembre dello stesso anno uscì nelle sale italiane.

Edizioni Home videoModifica

VHSModifica

La videocassetta del film fu distribuita in Italia dal 2 ottobre 1996.

Edizione italianaModifica

Il doppiaggio italiano è stato eseguito negli stabilimenti della Fono Roma, con la partecipazione della SEFIT-CDC. La direzione del doppiaggio è a cura di Francesco Vairano e quella musicale affidata a Fabrizio Cardosa. Michele Centonze ha scritto i testi italiani delle canzoni. I cori dei marinai e degli indiani sono stati eseguiti dal Kammerton Vocal Ensemble, composto da Alessandro Contini, Stefania Del Prete, Tonino di Carlo, Marica Liguori, Antonella Marotta, Luciano Martusciello, Maurizio Scavone, Roberto Stafoggia, Paola Serafino, Marco Trevisanello, James Varah e Furio Zanasi.[2]

AccoglienzaModifica

IncassiModifica

Il film ha incassato 2,7 milioni di dollari durante il suo primo fine settimana, posizionandosi all'ottavo posto nella classifica al botteghino.[3]

Nel gennaio 1996, il film ha incassato 141,5 milioni di dollari negli Stati Uniti,[4] essendo il quarto film con il maggior incasso in Nord America del 1995, dietro Apollo 13, Toy Story e Batman Forever.[5] All'estero, il film avrebbe incassato 225 milioni di dollari,[6] anche se gli incassi al botteghino all'estero alla fine ammontavano a 204,5 milioni di dollari.[7] Cumulativamente, Pocahontas ha incassato 346,1 milioni di dollari in tutto il mondo.[8] Sebbene all'epoca fosse vista come una delusione commerciale al botteghino rispetto a Il re leone, nel gennaio 1996, l'allora CEO della Disney Michael Eisner contestò in un'assemblea annuale degli azionisti che "Pocahontas è sulla buona strada per essere uno dei nostri film di maggior successo di tutti i tempi. Ha eguagliato i numeri al botteghino di La bella e la bestia a livello nazionale, e ora ha conquistato l'Europa e sta andando bene in tutti i paesi in cui viene mostrato. Le vendite del merchandising di Pocahontas sono state fenomenali."[9]

CriticaModifica

Pocahontas ha ricevuto recensioni generalmente contrastanti da critici cinematografici.[10] Il sito web di aggregazione delle recensioni Rotten Tomatoes riporta che il 55% dei critici ha dato al film una recensione positiva basata su 56 recensioni, con un punteggio medio di 6/10. Il consenso del sito afferma "Pocahontas ha buone intenzioni e ha momenti di sorprendente bellezza, ma è in gran parte uno sforzo blando e senza ispirazione, con una trama irregolare e una sfortunata mancanza di divertimento".[1] Metacritic, che assegna un punteggio normalizzato su 100 dalle migliori recensioni dei critici tradizionali, ha calcolato un punteggio di 58 sulla base di 23 recensioni, indicando "recensioni contrastanti o medie".[11] Il Morandini 2010 lo definì "il film Disney più fiacco degli anni '90"[12].

Roger Ebert, sul Chicago Sun-Times, diede al film 3 stelle su 4, definendolo "il più bel film Disney contemporaneo, e uno di quelli che fanno riflettere di più", anche se nella sua recensione criticò di più la storia e lo sviluppo del cattivo, arrivando a dire: "In una lista con La sirenetta, La bella e la bestia, Aladdin e Il re leone, lo piazzerei al quinto posto. Il film ha molte buone intenzioni, ma non v'è un vero farabutto."[13] Nel programma televisivo Siskel & Ebert, confermò la sua opinione, mentre Gene Siskel lodò il film più del suo collega. Entrambi i critici diedero al film un "pollice in su".[14] Sul Chicago Tribune, Siskel diede al film 3½ su 4, definendolo "un film Disney sul diritto americano a sfruttare e al razzismo sorprendentemente serio, riflessivo e ben disegnato". Lo apprezzò per "l’invio potenti immagini sulla minaccia all’ordine naturale ai bambini", la restituzione "di una certa maestà della cultura nativa", e per "il coraggio di lasciare un finale a la vita continua."[15]

Il film è stato aspramente criticato da Roy "Cavallo Pazzo", capo indiano della comunità Powhatan, confutando molti aspetti del film tra cui il fatto che Smith fosse stato salvato da Pocahontas, e la condanna a morte stessa del soldato. Roy dichiarò che la Disney rifiutò l'aiuto offerto dalla comunità indiana per rendere il film più accurato dal punto di vista storico[16]. Secondo alcuni critici il film presenta molti stereotipi sui nativi americani e la vittoria di Smith su Kokoum rappresenta la vittoria dell'Occidente sull'Oriente e il dominio dell'uomo bianco; inoltre la canzone "Barbari" ha ricevuto molte critiche poiché ritenuta eccessivamente razzista[17].

RiconoscimentiModifica

SequelModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Pocahontas II - Viaggio nel nuovo mondo.

Nel 1998 è stato realizzato un seguito, Pocahontas II - Viaggio nel nuovo mondo, prodotto esclusivamente per la distribuzione VHS, che tuttavia non ottenne lo stesso successo del suo predecessore.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) "Pocahontas (1995)", su Rotten Tomatoes.
  2. ^ Blu-Ray di Pocahontas, titoli di coda
  3. ^ (EN) Biglietteria del fine settimana, su Los Angeles Times.
  4. ^ (EN) The Times Film Index: i 10 migliori film del 1995, su Los Angeles Times.
  5. ^ (EN) Risultati al botteghino annuale 1995, su Box Office Mojo.
  6. ^ (EN) Un'estate in cui la classe media dominava il botteghino, su Los Angeles Times.
  7. ^ (EN) Pocahontas (film 1995), su Box Office Mojo.
  8. ^ (EN) Pocahontas (film 1995), su Box Office Mojo.
  9. ^ (EN) Osservazioni dei dirigenti Disney all'assemblea degli azionisti, su New York City: TheFreeLibrary.com (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2015).
  10. ^ (EN) "'Batman Forever' Bloodies 'Pocahontas'", su Chicago Tribune.
  11. ^ (EN) "Pocahontas Reviews", su Metacritic.
  12. ^ Laura, Luisa e Morando Morandini, ilMorandini 2010, Zanichelli, 2010, pp. 1131, 1132, ISBN 978-88-08-20183-6.
  13. ^ Roger Ebert, Pocahontas review, su rogerebert.com, 16 giugno 1995. URL consultato il 24 maggio 2015.
  14. ^ Pocahontas / The Glass Shield / Fluke (1995), su siskelandebert.org, At the Movies with Ebert & Roeper. URL consultato il 24 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2015).
  15. ^ Gene Siskel, Thoughtful `Pocahontas' A Surprisingly Mature Film, in Chicago Tribune, 16 giugno 1995. URL consultato il 24 maggio 2015.
  16. ^ Copia archiviata, su powhatan.org. URL consultato il 18 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2013).
  17. ^ Pewewardy, Cornel. "The Pocahontas Paradox: A Cautionary Tale for Educators". Journal of Navajo Education. Retrieved October 5, 2013., su hanksville.org.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica