Pointe de Pécé

Pointe de Pécé
Pointe de Pécé NW view.png
La montagna vista dalla zona di Névache
Stato  Francia
Regione  Provenza-Alpi-Costa Azzurra
ProvinciaStemma Alte Alpi
Altezza2,733[1] m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate44°59′47.72″N 6°41′36.33″E / 44.99659°N 6.693425°E44.99659; 6.693425
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Pointe de Pécé
Pointe de Pécé
Mappa di localizzazione: Alpi
Pointe de Pécé
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Cozie
SottosezioneAlpi del Moncenisio
SupergruppoCatena Chaberton-Tabor-Galibier
GruppoGruppo del Chaberton
SottogruppoGruppo Chaberton-Clotesse
CodiceI/A-4.III-A.1.a

La Pointe de Pécé è una montagna delle Alpi Cozie[2] alta 2.733 m s.l.m.[1], situata nel dipartimento francese delle Alte Alpi.

ToponimoModifica

Con il termine Pécé nel dialetto locale ci indicano le conifere, che ricoprono il versante affacciato verso la Valle della Clarée. Si tratta della stessa radice latina dalla quale deriva il none del genere Picea[2], che comprende l'abete rosso.

DescrizioneModifica

 
Il detritico versante sud-occidentale

La montagna è il più settentrionale e il più alto dei rilievi della costiera che divide il solco principale della Valle della Clarée (a ovest) dal Vallone dell'Opon, un tributario del Torrent des Acles che a sua volta si getta nella Clarée a Plampinet, in comune di Névache. La costiera, che complessivamente viene detta Crête de Pécé, prosegue verso sud prima con una anticima a quota 2.722 m s.l.m. e quindi con una serie di elevazione minori, ruotando poi verso est e andando a collegarsi tramite il Col de Dormilluose (2.445 m) al Pic du Lauzin e alla catena principale alpina.[1] La Pointe de Pécé è caratterizzata da ripidi pendii di fine detrito che sovrastano vasti boschi di conifere. La sua cima è segnalata da un grosso ometto di pietrame, e poco a sud della stessa si trova una apparecchiatura per le chiamate di emergenza.

Accesso alla vettaModifica

 
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
 
L'ometto sulla cima

Accesso estivoModifica

L'accesso alla cima può avvenire per sentiero con partenza da Plampinet, una frazione di Névache collocata a circa 1.880 m s.l.m.. Nonostante la salita avvenga tutta per un buon sentiero è considerata di una difficoltà escursionistica EE a causa della forte esposizione del tracciato.[3] Si può anche accedere, per tracce di sentiero che si tengono nei pressi della Crête de Pécé, partendo dal Col de Dormilluose.[2]

La salita cicloalpinistica partendo dal Colle del Monginevro e la successiva discesa verso Plampinet sono anch'esse considerate molto impegnative ma appaganti da un punto di vista paesaggistico.[4]

Accesso invernaleModifica

La salita scialpinistica è di difficoltà D (Difficile).[5]

CartografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Géoportail, su geoportail.gouv.fr, IGN. URL consultato il 4 ottobre 2019.
  2. ^ a b c Roberto Aruga, Pietro Losana e Alberto Re, Pointe de Pécé, in Alpi Cozie settentrionali, Guida dei Monti d'Italia, vol. 6, CAI - TCI, 1985, pp. 80-81.
  3. ^ andrea81, Pecè (Pointe de) da Plampinet, su gulliver.it, 2 marzo 2010. URL consultato il 4 ottobre 2019.
  4. ^ (FR) Pointe de Pécé : En traversée de Montgenèvre à Plampinet par la crête de Pécé, su vttour.fr, VTTour. URL consultato il 4 ottobre 2019.
  5. ^ (FR) Emmanuel Cabau e Hervé Galley, Ski de randonnée Hautes Alpes: Ecrins – Queyras – Arves – Cerces – Parpaillon – Dévoluy, Editions Olizane, 2015, p. 328. URL consultato il 4 ottobre 2019.

Altri progettiModifica