Pokémon Stadium 2

videogioco del 2000

Pokémon Stadium 2 (ポケモンスタジアム金銀 Pokemon Sutajiamu Kin Gin?), noto in Giappone anche come Pokémon Stadium Versione Oro, Argento e Cristallo (ポケモンスタジアム 金銀 クリスタルバージョン Pokemon Sutajiamu Kin Gin Kurisutaru Bājon?), è un videogioco di ruolo della serie Pokémon sviluppato da HAL Laboratory, pubblicato da Nintendo nel 2000 per Nintendo 64 in Giappone e nel 2001 in Europa e in America. Nel gioco sono presenti 251 Pokémon della prima e della seconda generazione.

Pokémon Stadium 2
videogioco
Pokémon Stadium2.jpg
Lugia in Pokémon Stadium 2
Titolo originaleポケモンスタジアム 金銀
PiattaformaNintendo 64
Data di pubblicazioneGiappone 14 dicembre 2000
Flags of Canada and the United States.svg 10 ottobre 2001
Zona PAL 26 marzo 2001
GenereVideogioco di ruolo
TemaPokémon
OrigineGiappone
SviluppoHAL Laboratory
PubblicazioneNintendo
DirezioneTakao Shimizu
ProduzioneKenji Miki, Tsunekazu Ishihara, Satoru Iwata, Shigeru Miyamoto
Direzione artisticaTatsuya Hishida
MusicheHajime Wakai
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputGamepad, Transfer Pak
SupportoCartuccia 512 Mbit
SeriePokémon
Preceduto daPokémon Stadium

Il videogioco è compatibile con le varie versioni "Pokémon" per Game Boy (Pokémon Rosso e Blu e Pokémon Giallo) e per Game Boy Color (Pokémon Oro e Argento e Pokémon Cristallo). Inoltre supporta l'Expansion Pak.

Pokémon Stadium 2 è il terzo titolo della serie Pokémon Stadium distribuito in Giappone ed il secondo distribuito in Europa e in Nord America.

Modalità di giocoModifica

Il videogioco consiste in una serie di tornei per Pokémon:

  • Stadium: Modalità per giocatore singolo, consiste nell'affrontare diversi tornei (Little Cup, Poké Cup, Prime Cup e Challenge Cup) con i Pokémon trasferiti su Pokémon Stadium 2 dai videogiochi compatibili.
  • Battaglia Libera: Per uno o più giocatori. Nel primo caso si possono affrontare avversari comandati dalla CPU, in multigiocatore invece si possono sfidare fino a quattro giocatori.
  • Gym Leader Castle: Modalità di lotta per un solo giocatore, in cui si possono affrontare i capipalestra delle regioni di Kanto e di Johto. Una volta sconfitti, è possibile sfidare i Superquattro ed il campione della Lega Pokémon. In questa modalità è possibile ricevere un Farfetch'd in grado di utilizzare la mossa di seconda generazione Staffetta o un Gligar dotato dell'attacco Terremoto.[1]
  • Game Boy Tower: Consente di giocare uno dei videogiochi compatibili sul Nintendo 64.

Sono inoltre disponibili altre modalità come Lotta Ora!, Battaglia Evento e Dono Misterioso.

AccoglienzaModifica

Valutazioni professionali
Testata Giudizio
GameRankings (media al 30 dicembre 2012) 73.31%%[2]
Metacritic (media al 30 dicembre 2012) 78/100[3]
Electronic Gaming Monthly 5,83/10[2]
Eurogamer 6/10[2]
Famitsū 31/40[4]
Game Informer 6/10[2]
GamePro 4,5/5[5]
GameSpot 7,2/10[6]
IGN 7,5/10[7]
Nintendo Power 4/5[2]

Pokémon Stadium 2 ha ricevuto recensioni favorevoli dalla critica. Mentre discuteva della qualità variabile dei giochi per console Pokémon, Retronauts lo definì "eccezionale".[8]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Pokémon Stadium 2 - Prizes da Serebii.net
  2. ^ a b c d e Pokemon Stadium 2 - GameRankings, su gamerankings.com, GameRankings. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  3. ^ Pokemon Stadium 2 Critic Reviews for Nintendo 64 - Metacritic, su metacritic.com, Metacritic. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  4. ^ ニンテンドウ64 - ポケモンスタジアム金銀. Weekly Famitsu. No.915 Pt.2. Pg.33. 30 June 2006.
  5. ^ POKEMAX, Pokemon Stadium 2 GamePro Review, su gamepro.com, GamePro, 26 marzo 2001. URL consultato il 30 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2008).
  6. ^ Gerald Villoria, Pokemon Stadium 2 - GameSpot.com, su gamespot.com, GameSpot, 26 marzo 2001. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  7. ^ (EN) Chris Carle, Pokemon Stadium 2, su ign.com, IGN, 26 marzo 2001. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  8. ^ Archived copy (MP3), su podtrac.com. URL consultato il 10 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2012).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica