Politica demografica

La politica demografica è l'insieme delle misure attuate da uno stato, ente o organismo pubblico atte a modificare, ovvero stimolare o diminuire la crescita della popolazione o a modificarla in modo qualitativo o quantitativo.[1]

L'argomento è spesso trattato come "controllo delle nascite" o "controllo della popolazione".

Le principali misure impiegate sono il sostegno alla diffusione di informazioni riguardo all'utilizzo dei metodi contraccettivi, e la promozione di campagne pubbliche volte a propagare un modello di famiglia ristretta.[2]

Esempi importanti di politica demografica sono:

NoteModifica

  1. ^ È definita politica demografica l’azione svolta dai pubblici poteri nei riguardi della popolazione al fine di determinare in essa mutamenti sotto vari aspetti, specie quello quantitativo (norme tendenti ad accrescerla o limitarla). Una politica d. venne perseguita in Italia dal regime fascista anche con misure di carattere amministrativo (imposta sui celibi, premi di nuzialità e natalità, sgravi fiscali per famiglie numerose ecc.). In Enciclopedia Treccani al lemma Demografia Punto 4 Politica demografica http://www.treccani.it/enciclopedia/demografia/#politicademografica-1
  2. ^ (EN) Tiloka de Silva e Silvana Tenreyro, Population Control Policies and Fertility Convergence, in Journal of Economic Perspectives, vol. 31, n. 4, 1º novembre 2017, pp. 205–228, DOI:10.1257/jep.31.4.205. URL consultato il 19 giugno 2020.
  3. ^ Celia W. Dugger, Relying on Hard and Soft Sells, India Pushes Sterilization, in The New York Times, 22 giugno 2001. URL consultato il 1º settembre 2016.

Voci correlateModifica

Ulteriori lettureModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 37084 · LCCN (ENsh85104923 · GND (DE4006295-8