Apri il menu principale

Politica retributiva

Nell'ambito delle Risorse umane, la politica retributiva si occupa degli aspetti relativi al livello della retribuzione dei dipendenti.

Le linee guida della politica retributiva tengono conto di:

  • equità esterna, cioè il livello medio retributivo dell'azienda rispetto alle altre aziende del comparto o del territorio di riferimento. È un dato che ha influenza sia nell'accettazione di una proposta di lavoro da parte di un candidato in fase di selezione, sia per trattenere in azienda i migliori elementi e prevenire quindi gli abbandoni. Sono considerazioni che valgono ovviamente in presenza di un mercato del lavoro dinamico.
  • equità interna, cioè il rapporto tra le retribuzioni di persone che svolgono mansioni diverse ma all'interno della stessa struttura organizzativa. È un aspetto molto sentito dai lavoratori, che può influenzare notevolmente il clima aziendale.
  • equità individuale, cioè il livello retributivo assegnato alla singola persona in funzione delle sue capacità.

La retribuzione può essere classificata in vari modi, ad esempio come somma di:

  • quanto previsto nel contratto collettivo di lavoro
  • quanto previsto dagli accordi integrativi aziendali
  • quanto attribuito individualmente al dipendente in maniera consolidata
  • quanto derivante da incentivi e premi

oppure come somma di:

  • retribuzione fissa, che va a formare la RAL-Retribuzione annua lorda
  • retribuzione variabile, che sommata alla retribuzione fissa va a formare la RGA-Retribuzione globale annua

La politica retributiva può interessare vari di questi aspetti, ad esempio il livello generale, tramite gli accordi aziendali; il livello individuale, tramite gli aumenti di merito, che premiano la maggior professionalità acquisita nel ruolo di appartenenza; la parte variabile, tramite il sistema incentivante o i premi in forma di liberalità.

La politica retributiva individuale è strettamente correlata al sistema di valutazione del personale. La progressione retributiva dovuta ad avanzamenti di carriera, e quindi generalmente al cambio di ruolo all'interno dell'azienda, è parte della gestione delle carriere.