Apri il menu principale

Polluce (satellite)

satellite naturale di Saturno
Polideuce
(Saturno XXXIV)
Polydeuces.jpg
Satellite diSaturno
Scoperta24 ottobre 2004
ScopritoreCassini Imaging Science Team
Parametri orbitali
Semiasse maggiore377 396 km[1]
Periodo orbitale2,736915 giorni[1]
Inclinazione rispetto
all'equat. di Saturno
0,1774 ± 0,0015°[2]
Eccentricità0,0192[2]
Dati fisici
Diametro medio3,5 km[3]
Massa
1 ÷ 5 × 1013 kg
Densità mediasconosciuta
Acceleraz. di gravità in superficiesconosciuta
Periodo di rotazioneRotazione sincrona (presunta)
Inclinazione assialesconosciuta
Albedosconosciuto

Polluce (AFI: /polˈluʧe/[4]), o Polideuce (dal greco Πολυδεύκης), è un satellite naturale di Saturno molto piccolo, co-orbitale con Dione e situato nel punto di Lagrange L5 della sua orbita (mentre un altro satellite, Elena, orbita nel punto L4). Il suo diametro è stato stimato in 3,5 km[3].

Il nome Polideuces è stato approvato dallo IAU Working Group per la nomenclatura planetaria il 21 gennaio 2005. Nella mitologia, Polideuce è il nome greco di Polluce, il fratello gemello di Castore, figlio di Zeus e Leda.

Indice

Cenni storiciModifica

Polluce venne scoperto il 24 ottobre 2004 grazie alle immagini riprese tre giorni prima dalla sonda Cassini e ricevette il nome temporaneo di S/2004 S 5; il satellite venne poi individuato anche nelle immagini riprese dalla sonda Cassini il 9 aprile 2004 dal Cassini Imaging Science Team[5]. Polideuce è anche conosciuto come Saturno XXXIV.

Parametri orbitaliModifica

Polluce giace nel punto di Lagrange più lontano occupato dai satelliti co-orbitali Lagrangiani del sistema di Saturno. La sua librazione fa muovere questo satellite lontano dal punto L5 fino a 31,4° in direzione opposta a Dione e 26,1° in direzione di questo satellite, con un periodo di 790,931 giorni (per comparazione, il punto L5 segue Dione di 60°)[2]. Anche il raggio orbitale varia di circa ±7660 km rispetto a quello di Dione[5].

NoteModifica

  1. ^ a b Il semiasse maggiore medio e il periodo sono identici a quelli di Dione.
  2. ^ a b c J.N. Spitale et al, The orbits of Saturn's small satellites derived from combined historic and Cassini imaging observations (PDF), in The Astronomical Journal, vol. 132, 2006, p. 692.
  3. ^ a b C. C. Porco et al. (2005), Cassini Imaging Science: Initial Results on Saturn's Rings and Small Satellites. Science 307 (5713): 1226-1236.
  4. ^ Luciano Canepari, Polluce, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  5. ^ a b C.D. Murray et al, S/2004 S 5: A new co-orbital companion for Dione, in Icarus, vol. 179, 2005, p. 222.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare