LOT Polish Airlines

(Reindirizzamento da Polskie Linie Lotnicze LOT)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "LOT" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi LOT (disambigua).
LOT Polish Airlines S.A.
Logo
LOT, SP-LSA, Boeing 787-9 Dreamliner (47630812361).jpg
StatoPolonia Polonia
Forma societariaAzienda pubblica
Fondazione29 dicembre 1928 a Varsavia
Sede principaleVarsavia
GruppoState Treasury
Controllate
  • LOT Charters
  • LOT Cargo
Persone chiave
  • Rafał Milczarski (CEO & Presidente CDA) [1]
  • Mariusz Błaszkiewicz (CFO) [1]
  • Stefan Malczewski (Chief Corporate Officer) [1]
  • Michał Fijoł (Chief commercial officier) [1]
  • Maciej Wilk (COO) [1]
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
FatturatoPLN 6,1 miliardi ( 1,43 miliardi) [2] (2018)
Dipendenti4.199
Slogan«The future is our horizon»
Sito webwww.lot.com
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATALO
Codice ICAOLOT
Indicativo di chiamataPOLLOT
Primo volo1929
HubVarsavia-Chopin
Frequent flyerMiles & More
AlleanzaStar Alliance
Flotta84 (nel 2019)
Destinazioni100+ (nel 2018)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

LOT Polish Airlines S.A. (in polacco: Polskie Linie Lotnicze LOT), comunemente abbreviata in LOT,[3] è la compagnia aerea di bandiera della Polonia con base all'Aeroporto di Varsavia-Chopin.

La sede principale di LOT Polish Airlines.
Un Boing 787-8 della LOT in decollo da Tokyo-Narita.
Un Boeing 737 MAX 8 della LOT.
Boeing 737-400 nella livrea speciale della LOT.
Embraer E-170 nella precedente livrea della LOT in atterraggio all'aeroporto di Londra-Heathrow.

StoriaModifica

La compagnia aerea fu fondata il 29 dicembre 1928 dal governo della Polonia, nata dalla fusione delle due compagnie nazionali già esistenti Aero e Aerolot. Iniziò ad operare il giorno seguente, 1º gennaio 1929. Il primo volo internazionale avvenne il 2 agosto 1929 a Vienna.

Nel 1930 fu accolta nella IATA e ne conseguì l'aggiunta di nuove destinazioni quali Bucarest, Atene, Berlino, Beirut, Helsinki, Roma, ed altri ancora. Alla vigilia della seconda guerra mondiale la flotta aveva raggiunto i 218000 passeggeri all'anno.

Durante la seconda guerra mondiale i servizi furono sospesi e tutti gli aerei distrutti. Il 10 marzo 1945 il governo polacco ricreò la LOT e, nel 1946, dopo sette anni di inattività, la compagnia ricominciò ad operare dopo aver ricevuto in consegna 10 Lisunov Li-2 e in seguito 30 Li-2 e 9 Douglas C-47. Anche i voli internazionali ripresero lo stesso anno, con le destinazioni Berlino, Parigi, Stoccolma e Praga.

Durante il periodo staliniano, furono acquistati diversi aerei soprattutto di provenienza russa. In seguito a questo periodo la flotta fu ulteriormente rafforzata anche con aerei di provenienza occidentale (Convair CV-240, Vickers Viscount). In seguito la compagnia ricominciò ad acquistare solo aerei sovietici.

Fra il 1961 e il 1972 furono acquistati alcuni famosi aerei quali, nell'ordine, Ilyushin Il-18 (1961), Antonov An-24 (1966), Tupolev Tu-134 (1968) e Ilyushin Il-62 (1972). L'introduzione di quest'ultimo permise i primi voli transatlantici verso Montréal e New York.

Nell'autunno del 1981, a seguito dell'introduzione della legge marziale in Polonia, diversi collegamenti di compagnie aeree occidentali con Varsavia furono interrotti e, in seguito, il 13 dicembre dello stesso anno, tutte le tratte della LOT furono sospese. Nel 1984 alcuni voli charter in direzione Chicago e New York furono ripresi, seguiti dai normali voli di linea. Negli anni a seguire furono aggiunti alla flotta i Tupolev Tu-154 e furono inserite tratte verso Detroit e Los Angeles.

Dopo il crollo del comunismo (1989) la LOT iniziò ad avere maggiori contatti con Europa occidentale e America del Nord, manifestatisi soprattutto con la progressiva formazione di una flotta di aerei Boeing e ATR: nel 1989 furono acquistati dei Boeing 767-200, seguiti da Boeing 767-300 (1990), ATR 72 (1991), Boeing 737-500 (1992) e Boeing 737-400 nel 1993.

Nel dicembre del 1992 la compagnia divenne, come molte altre, una società quotata, ma solo nel 1999 iniziò la semiprivatizzazione (il governo comunque ha sempre mantenuto più di metà delle azioni).

Il 26 ottobre 2003 la LOT divenne la quattordicesima compagnia ad entrare nella Star Alliance e firmò in seguito un accordo con la Singapore Airlines, partner della Star Alliance. Dal 2004 fino al 2009 la LOT aveva la sua compagnia aerea a basso costo, chiamata Centralwings. Da dicembre 2016 ha comprato il 49% delle azioni della compagnia estone Nordica[4].

Composizione societariaModifica

Al marzo 2007 il 25,1% delle azioni della compagnia aerea è stato sotto controllo della Towarzystwo Finansowe Silesia sp.z o.o e la quota di maggioranza (67,97%) è stata detenuta dal governo polacco. Inoltre, il 6,93% della LOT è detenuto dai lavoratori.

StrategiaModifica

La LOT opera nel campo passeggeri, ma offre anche alcuni voli cargo. Essa opera in Europa, Medio Oriente e America del Nord, e conta globalmente 51 destinazioni. Inaugurata il 1º gennaio 1929 a Varsavia, è una delle compagnie aeree più antiche del mondo. Attualmente ha base all'aeroporto di Varsavia-Okęcie, è membro della Star Alliance (dal 2003) e dà lavoro a 4199 impiegati.

Nel 2018 la LOT Polish Airlines ha trasportato 8,8 milioni di passeggeri in oltre 110 destinazioni, con una media di 350 voli al giorno.

Voli CodeshareModifica

La LOT opera voli anche in Code sharing, con alcune compagnie aeree come:

Star Alliance SkyTeam Altri
  Adria Airways   Aeroflot   Ukraine International Airlines
  Air Canada   TAROM   Belavia
  Air China   Bulgaria Air
  All Nippon Airways   Air Serbia
  Asiana Airlines   Rossija Airlines
  Austrian Airlines
  Blue1
  Brussels Airlines
  EgyptAir
  JetBlue Airways
  Lufthansa
  Luxair
      SAS
  Singapore Airlines
  South African Airways
  Swiss International Air Lines
  TAP Portugal
  Turkish Airlines
  United Airlines

FlottaModifica

Ad aprile 2019 la flotta della LOT Polish Airlines comprende i seguenti aeromobili:[5]

Aerei Totale Ordini Passeggeri Note
B E+ E Totale
Boeing 787-8 Dreamliner 8 18 21 213 252
Boeing 787-9 Dreamliner 6 1 24 21 249 294
Boeing 737 MAX 8 5 10 162 162 Voli bloccati dal 12 Marzo 2019
Boeing 737-800 4 189 189 Usati, in servizio dal 2017
Boeing 737-400 3 48 99 162
Embraer 195 12 112 112 SP-LNB in livrea speciale (Grześki livery)
Embraer 190 4 106 106
Embraer 175 12 82 82
Embraer 170 6 70 70
Bombardier Q400 NextGen 12 78 78 In passato operati da EuroLOT
Canadair CRJ-900 10 90 90 In cooperazione con Nordica
Canadair CRJ-700 2 70 70 In cooperazione con Nordica
Totale 84 11

Flotta storicaModifica

Aereo Esemplari Durata di servizio Note
Junkers F 13   15 1929-1936
Fokker F.VIIa/1m   11 1929-1938
PWS-24   5 1933-1938
PWS-24 bis   5(6) 1935-1939
Douglas DC-2   3 1935-1939
Lockheed L-10-A Electra   ? 1936-1939
Junkers Ju 52/3m   1 1936-1939
Lockheed L-14-H Super Electra   10 1938-1940
Lisunow Li-2   39 1945-?
Douglas DC-3   14 1945-1959
SNCASE SE.161   5 1947-?
Ilyushin Il-12   5 1949-?
Ilyushin Il-14   13 1955-1961
Convair CV-240   5 1957-1966
Ilyushin Il-18   9 1961-1990
Vickers Viscount   3 1962-1969 2 incidenti aerei
Antonow An-24   14 1966-1991 3 incidenti aerei
Tupolev Tu-134   5 Tu-134

8 Tu-134A

1968-1994
Ilyushin Il-62   6 Ił-62

10(11) Ił-62M

1973-1992 2 incidenti aerei
Yakovlev Yak-40   1 1982-1989
Tupolev Tu-154M   14 1985-1996 Nel 1994 uno all'aeronautica polacca Siły Powietrzne
Boeing 767-200ER   3 1989-2008
Douglas DC-10-30   3 1994-1995
DC-8-62H (F)   1 1988
Boeing 767-300ER   7 1990-2013
ATR 72-202     10 1991-2013
Boeing 737-400   4(737300)

10(737400)

12(737500)

1992- 3 ancora in servizio
Embraer 145   14 1999-2011
ATR 42     5 (42-300)

8 (42-500)

1998-
Embraer 170   10 2004-
Embraer 175   14 2006-
Embraer 195   6 2011-
Boeing 787   8 2012-

IncidentiModifica

  • Incidente aereo di Varsavia: si è verificato il 19 dicembre 1962 alle ore 19:30 l'aereo SP-LVB Vickers Viscount si è schiantato sulla pista di Varsavia, le cause dell'incidente sono state le avverse condizioni atmosferiche, perdono la vita 33 persone (28 passeggeri e 5 membri dell'equipaggio).
  • Incidente aereo di Rzeszów: ha avuto luogo il 2 novembre 1988. L'aereo An-24W, proveniente da Varsavia verso Rzeszow durante l'atterraggio si sono bloccati i due motori. L'aereo ha eseguito un atterraggio d'emergenza senza tirare fuori i carrelli su una collina vicino Białobrzegi. In totale erano 29 persone a bordo, di cui 1 non si è salvato mentre il resto sono riusciti a lasciare l'aereo prima che esplodesse.
  • Volo Polskie Linie Lotnicze LOT 016: Il 1º novembre 2011 alle ore 14:30 un Boeing 767-300ER della compagnia aerea polacca di bandiera ha effettuato un atterraggio d'emergenza all'aeroporto di Varsavia-Okęcie perché constatava problemi al carrello d'atterraggio. L'aereo, soprannominato Poznań, era partito dall'Aeroporto Internazionale di Newark-Liberty con numero di registrazione SP-LPC e numero di serie 28656. A bordo dell'aereo c'erano 220 passeggeri e 11 persone dell'equipaggio, fra cui due piloti, Tadeusz Wrona e Jerzy Szwarc.[6][7]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e "Leadership LOT Polish Airlines" . URL consultato il 16 aprile 2019.
  2. ^ pasazer.com, " Stime preliminari della LOT nel 2018" . URL consultato il 16 aprile 2019.
  3. ^ LOT - Contatti
  4. ^ Copia archiviata, su lot.com. URL consultato il 1º luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2017).
  5. ^ "Flotta presente sul sito ufficiale" . URL consultato il 16 aprile 2019.
  6. ^ Polonia, Boeing atterra senza carrello
  7. ^ (PL) Video dell'atterraggio d'emergenza Archiviato il 4 novembre 2011 in Internet Archive.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN264327700 · ISNI (EN0000 0001 1015 2233 · LCCN (ENno2001098740 · GND (DE10043345-5 · WorldCat Identities (ENlccn-no2001098740