Samoa Airways

compagnia aerea della Samoa
(Reindirizzamento da Polynesian Airlines)
Samoa Airways
StatoSamoa Samoa
Fondazione1959
Sede principaleApia
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Sito webwww.polynesianairlines.com
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAPH
Codice ICAOPAO
Indicativo di chiamataPOLYNESIAN
HubAeroporto di Fagali'i
Flotta3 (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Samoa Airways, precedentemente chiamata Polynesian Airlines, è la compagnia aerea di bandiera delle Samoa, con sede nella capitale dello stato dell'Oceania, Apia. Il suo hub è l'aeroporto di Fagali'i, situato ad Apia, dalla quale raggiunge le isole vicine.

Un ex Boeing 737 della compagnia con il vecchio marchio.

StoriaModifica

La Polynesian Airlines fu fondata nel 1959 da un capitano d'aerei australiano, sir Reginald Barnewall, che aveva già avuto esperienze di manager con un'altra compagnia aerea, la Southern Airlines, con base a Melbourne, e da Eugene Paul, uomo d'affari samoano. I collegamenti iniziarono nell'agosto dello stesso anno operando voli fra Apia e Pago Pago, usando un Percival Prince. Nel 1971 il governo delle Samoa acquisto il controllo della compagnia; nel 1982 fu stipulato un accordo quinquennale con la Ansett Australia, seguito da un altro decennale, firmato nel 1987, con la stessa compagnia. Nel febbraio del 1995 venne stipulato un accordo con Air New Zealand per sviluppare il mercato, i costi e le relazioni.

Nel 2005 nacque Polynesian Blue, fondata dal governo delle Samoa e la Virgin Blue, alla quale Polynesian Airlines cedette i collegamenti internazionali. Il governo, oltre a possedere il 100% di Polynesian Airlines, aveva anche il 49% di Virgin Blue.[1][2]

 
Un DHC-8-100 ad Apia.

Nel 2017 il governo samoano decise di rinunciare alla sua quota in Polynesian Blue, rinominata nel 2011 in Virgin Samoa, decretandone la chiusura, per via dei costi di gestione superiori alle aspettative.

A seguito di ciò, il governo delle Samoa siglò un contratto di wet lease out con la compagnia aerea italiana Neos Air per l'avvio delle rotte verso la nuova Zelanda e l'Australia grazie all'impiego del Boeing 737-800w con registrazione I-NEOS e la formazione dei piloti e gli assistenti di volo locali sullo stesso[3] in seguito dal 2 aprile 2019 si avviò una joint-venture con la Fiji Airways per assistere Polynesian Airlines ad operare i voli con il primo 737 max ad oggi non ancora consegnato per via del blocco di questa macchina a livello mondiale.[4] Con la ripresa di questi ultimi, avvenuta il 14 novembre 2017, Polynesian Airlines ha cambiato nome in Samoa Airways.[5]

FlottaModifica

 
Un DHC-6 della Polynesian Airlines.
Flotta di Air Samoa
Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
C Y Totale
Boeing 737-800 1 12 156 168 [6]
De Havilland Canada DHC-6-300 Twin Otter 3 19 19
Totale 3 1

Flotta storicaModifica

La compagnia operava in precedenza con[6]:

NoteModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN134119330 · LCCN (ENno2010142621 · WorldCat Identities (ENlccn-no2010142621