Ponte Carlo

ponte sulla Moldava a Praga, Repubblica Ceca

Il Ponte Carlo (in ceco Karlův most; in tedesco Karlsbrücke) è uno storico ponte in pietra sulla Moldava, situato nella città di Praga, e collega la Città Vecchia al quartiere di Malá Strana: è tra i più famosi monumenti della capitale della Repubblica Ceca.

(IT) Ponte Carlo
(CS) Karlův Most
Veduta dall'alto del ponte
Localizzazione
StatoBandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca
CittàPraga
AttraversaMoldava
Dati tecnici
TipoPonte ad arco
MaterialePietra
Campate16
Lunghezza515,8 m
Luce max.13,4 m
Larghezza9,5 m
Altezza13 m
Realizzazione
ProgettistaPeter Parler
Costruzione1357-1402
Inaugurazione1402
Intitolato aCarlo IV di Lussemburgo
Mappa di localizzazione
Map

Misura 515 m di lunghezza, ha una larghezza compresa tra i 9,40 e 9,50 m e un'altezza di 13 m sopra il livello normale della Moldava.[1] Il ponte è una delle più grandi attrazioni turistiche della città, ed è molto frequentato dagli artisti di strada, dai musicisti e dai venditori di "souvenir" durante tutto l'anno.

La torre sul lato di Malá Strana
La torre sul lato di Staré Město

La sua costruzione, iniziata nel 1357, fu commissionata da Carlo IV, allora Re di Boemia e Imperatore del Sacro Romano Impero, all'architetto Petr Parléř, famoso anche per aver costruito la Cattedrale di San Vito ed il Castello di Praga. Fu terminato nel 1402. A modello venne preso il Ponte di pietra (Steinerne Brücke) di Ratisbona.

Venne edificato per sostituire il Ponte di Giuditta (che fu il primo ponte in pietra ad essere costruito sul fiume nel 1170 e che prende il nome dalla regina Giuditta di Turingia), spazzato via da una piena della Moldava nel 1342. Il momento della fondazione del nuovo ponte venne stabilito dai principali astrologi dell’epoca: il 9 luglio 1357 alle ore 5:31 (135797531), un triangolo magico di numeri che doveva preservare nei secoli il ponte. Secondo una leggenda, si dice che all'atto di costruire il ponte, all'impasto della malta vennero aggiunti dei tuorli d'uovo, al fine di renderne più solida la struttura. Carlo IV chiese a tutti i villaggi del regno di contribuire alla costruzione.

Le due estremità del ponte furono fortificate attraverso la costruzione di due torri, e la protezione del ponte fu affidata all'ordine dei Crocigeri della stella rossa. In origine il ponte era chiamato semplicemente "ponte di pietra" (Kamenný most) o "ponte di Praga" (Pražský most), assumendo la denominazione attuale solo nel 1870. Nel 1432 tre pilastri vennero danneggiati da una piena. Nel 1464, su ordine di Giorgio di Poděbrady, venne costruita (presumibilmente sulle vestigia di una torre romanica) una torre di fortificazione, la Staroměstská Věž, all'ingresso occidentale del ponte. Durante la Guerra dei trent'anni il ponte fu teatro di cruente battaglie, allorché le truppe svedesi assediavano la città dalla sponda occidentale della Moldava. A partire dal XVIII secolo, per volere dei Gesuiti, sui suoi lati vennero sistemate delle statue barocche di santi, 30 in tutto (quelle che si possono ammirare attualmente sono però delle copie delle statue originali).

Percorrendo il ponte dalla Città Vecchia verso Malá Strana, le statue che si incontrano sono le seguenti:

  • Lato sud, andando dalla città vecchia verso Malá Strana:
  • Lato nord, andando dalla città vecchia verso Malá Strana:
  1. ^ (CS) Jan Fischer e Ondřej Fischer, Pražské mosty, Academia, 1985, OCLC 246647214.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN315530026 · LCCN (ENsh94002936 · GND (DE4324745-3 · J9U (ENHE987007534752505171 · WorldCat Identities (ENviaf-315530026
  Portale Repubblica Ceca: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Repubblica Ceca