Apri il menu principale

Ponte Merefa-Kherson

Ponte Merefa-Kherson
Merefo-Hersonsky bridge Dnipropetrovsk from GOROD.DP.UA.jpg
Localizzazione
StatoUcraina Ucraina
CittàDnipro
AttraversaDnepr
Coordinate48°28′03.7″N 35°05′00.2″E / 48.467694°N 35.083389°E48.467694; 35.083389Coordinate: 48°28′03.7″N 35°05′00.2″E / 48.467694°N 35.083389°E48.467694; 35.083389
Dati tecnici
TipoPonte ad arco
Materialeacciaio e cemento armato
Lunghezza1 627 m
Luce max.2 × 109 m
Realizzazione
Costruzione1912-1932, 1951
Data apertura21 dicembre 1932
Data chiusura1914, 1940, 1944 (distrutto dalle truppe)
Mappa di localizzazione

Ponte Merefa-Kherson è un viadotto ferroviario lungo 1,610 m che attraversa il fiume Dnepr a Dnipro, in Ucraina.

È il secondo ponte più antico nell'agglomerato 1 e il primo ponte ad arco nell'Unione Sovietica. Il giorno della sua inaugurazione, è stato uno dei ponti ad arco più lunghi in Europa ed è stato classificato come monumento storico dell'Ucraina 2 (FN P-86, da 1 a 493 PS, op.1).

Questo viadotto attraversa il Canale dell'Archimandrita, una deviazione dal Dnepr, e conduce all'Isola dei Monasteri sulla riva sinistra del fiume.

StoriaModifica

Già durante il periodo dell'Impero russo, le autorità prevedevano la costruzione di una struttura ferroviaria che attraversava il Dnieper a Yekaterinoslav per estendere la linea Merefa - Chersonese.

I primi lavori furono iniziati tra il 1912 e il 1916, ma furono interrotti dalla Prima guerra mondiale, poi dalla guerra civile e infine dalla Rivoluzione d'Ottobre. La costruzione non riprende fino agli inizi degli anni '29 e fu completata in un anno e quattro mesi soltanto: il 24 ottobre 1932, gli operai collocarono l'ultimo metro cubo di cemento. L'incarico si è svolto il 21 dicembre.

Il ponte fu distrutto dall'esercito rosso che si ritirò all'inizio della seconda guerra mondiale. Le forze di occupazione naziste la rimisero in servizio e la ribattezzarono con il nome del tenente generale von Kleist, un ufficiale che aveva ordinato il suo rifarcimento. Poi la Wehrmacht si ritirò a sua volta distruggendo quest'opera, che fu ricostruita dopo il 1948.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica