Apri il menu principale

Ponte di Crimea

infrastruttura che collega la Crimea con la Russia
Ponte crimeano
Крымский мост
Crimean Bridge 1.jpg
Lavori di completamento al maggio 2018
Localizzazione
StatoRussia Russia
Ucraina Ucraina
Attraversastretto di Kerč'
Coordinate45°16′07.06″N 36°32′56.16″E / 45.268627°N 36.548934°E45.268627; 36.548934Coordinate: 45°16′07.06″N 36°32′56.16″E / 45.268627°N 36.548934°E45.268627; 36.548934
Dati tecnici
TipoPonte bowstring
Lunghezza19 000 m
Realizzazione
Costruzione2015-2018
Mappa di localizzazione

Il Ponte di Crimea (in russo: Крымский мост?, traslitterato: Krímskij most), detto anche Ponte della Crimea o crimeano è un doppio ponte stradale e ferroviario costruito dalla Federazione Russa sullo stretto di Kerč' e che unisce la penisola di Taman' nel Territorio di Krasnodar (Russia) e la penisola di Kerč' in Crimea (territorio annesso alla Russia, ma riconosciuto a livello internazionale come parte dell'Ucraina).

Con una lunghezza di 18,1 km è il ponte più lungo sia della Russia[1] sia dell'Europa.[2][3][4][1][5]

Ipotizzata già dal 1903, la progettazione del ponte è incominciata nel 2014, subito dopo la annessione della Crimea da parte della Russia. Nel gennaio del 2015 il contratto multimiliardario per la costruzione del ponte è stato appaltato al Gruppo SGM di Arkady Rotenberg, e i lavori sono incominciati nel maggio successivo. Il ponte stradale è stato inaugurato il 16 maggio 2018,[6] mentre il completamento del collegamento ferroviario è previsto per dicembre 2019.[7]

Indice

StoriaModifica

Dopo il successo della costruzione della linea telegrafica indoeuropea da parte del governo britannico, nel 1870 venne ipotizzata la realizzazione di una linea ferroviaria dall'Inghilterra all'India, che passasse per la Crimea e attraverso lo stretto di Kerč', ma il progetto venne ritenuto troppo costoso. Nel 1903 lo zar Nicola II prese nuovamente in considerazione l'idea del ponte, abbandonandola però poco dopo per lo scoppio della guerra russo-giapponese e poi della prima guerra mondiale.[8]

 
Pilone della funicolare sullo stretto di Kerč' nel 1944.

Durante la seconda guerra mondiale il regime nazista pensò di realizzare il ponte su progetto di Albert Speer all'inizio del 1943,[9] al fine di agevolare l'invasione tedesca del Caucaso settentrionale. Il 7 marzo 1943 Adolf Hitler ordinò la costruzione di un ponte stradale e ferroviario sullo stretto di Kerč', da ultimarsi entro 6 mesi: i lavori ebbero inizio nell'aprile 1943, ma nel settembre successivo gli attacchi sovietici sulla testa del ponte costrinsero al ritiro i tedeschi, che fecero saltare in aria le parti del ponte già completate. Peraltro, per accelerare il ritiro nazista, l'Organizzazione Todt realizzò sullo stretto una funicolare con una capacità di trasporto di 1.000 tonnellate giornaliere.[10] Nell'estate del 1944, dopo la liberazione della Crimea da parte dell'Armata Rossa, venne realizzato un ponte temporaneo di 4,5 km utilizzando i materiali abbandonati dalla Wehrmacht;[11] dopo circa sei mesi il ponte, sprovvisto di frangiflutti,[12] venne distrutto dall'erosione.[13]

A partire dal secondo dopoguerra, sono stati proposti o tentati vari progetti per attraversare lo stretto tramite un ponte. Dalla metà degli anni 1960 venne sviluppato il progetto dell'unità idroelettrica di Kerč' (Керченский гидроузел), che includeva una serie di dighe e ponti sullo stretto. Il progetto, tuttavia, non fu mai portato a termine anche a seguito del crollo dell'Unione Sovietica.[14][15]

In epoca post-sovietica, ritornò l'idea del ponte sullo stretto di Kerč': l'ex sindaco di Mosca Jurij Lužkov fu infatti un grande sostenitore del ponte, che avrebbe avvicinato la Crimea alla Russia, sia economicamente sia simbolicamente. Tuttavia, nel 1994 la Russia e l'Ucraina non riuscirono a trovare un accordo per portare a termine il progetto.[16]

Nella primavera del 2010 il presidente ucraino Viktor Janukovyč e il presidente russo Dmitrij Medvedev firmarono un accordo per la costruzione del ponte, [17] confermato poi da un memorandum d'intesa sottoscritto il 26 novembre 2010 dai due paesi.[18]

Nel novembre del 2013, il rifiuto all'accordo di associazione tra Ucraina e Unione europea rinnovò l'interesse per la costruzione del ponte.[19] Alla fine di gennaio 2014, i governi ucraino e russo decisero che una nuova società mista ucraina-russa avrebbe gestito la costruzione del ponte, mentre l'impresa statale delle autostrade russe (Avtodor) sarebbe diventata responsabile per il ponte a lungo termine.[19]. Inoltre, venne nominato un gruppo di lavoro per determinare la posizione e i parametri tecnici[19], mentre la durata dei lavori fu stimata dal Ministero dello Sviluppo Economico e del Commercio dell'Ucraina in cinque anni, con un costo compreso tra 1,5 e 3 miliardi di dollari.[19] All'inizio del febbraio del 2014, le autostrade russe (Avtodor) vennero incaricate dal vice primo ministro russo di lavorare allo studio di fattibilità, poi pubblicato nel 2015.[19]

L'annessione della Crimea alla Federazione Russa nel marzo del 2014 portò al deterioramento delle relazioni diplomatiche tra l'Ucraina e la Russia, cosicché il presidente Vladimir Putin annunciò che la Russia avrebbe costruito un ponte stradale-ferroviario sullo stretto[20][21][22]: il primo ministro Dmitrij Medvedev firmò un decreto governativo per creare una filiale di Avtodor incaricata di sovrintendere al progetto[23]. Nel mese di aprile, il governo ucraino notificò alla Russia, con un preavviso di sei mesi, il suo ritiro dall'accordo bilaterale sul ponte di Kerč', ormai scaduto.[24]

 
Inaugurazione del ponte, alla presenza del presidente Vladimir Putin (15 maggio 2018).
Inaugurazione del Ponte di Crimea.

Nel gennaio del 2015, il contratto per la costruzione del ponte venne aggiudicato al gruppo Stroygazmontazh (SGM), di proprietà di Arkady Rotenberg.[25]

Il ponte stradale è stato completato e inaugurato ufficialmente il 15 maggio 2018, alle 14:48 ora di Mosca, alla presenza del presidente Vladimir Putin, che ha guidato personalmente un camion alla testa di una colonna di automezzi utilizzati per la costruzione.[6] La colonna ha percorso l'intero tratto del ponte dalla Penisola di Taman' alla costa di Kerč' in 16 minuti e 45 secondi. L'evento della cerimonia è stato trasmesso in diretta dal canale televisivo "Russia 24".[26] Il ponte è stato poi provvisoriamente aperto al solo traffico leggero (auto e autobus), a partire dalle 5:30 del 16 maggio 2018 per essere definitivamente aperto a tutti i veicoli nel settembre del 2018. Il ponte stradale diventerà, a breve ufficialmente, parte integrante dell'autostrada A-290 (Kerč'Novorossijsk) e si connette direttamente alla P-260 (Kerč'-Simferopoli-Sebastopoli) in Crimea. Il completamento del ponte ferroviario è previsto per la fine del 2019.

DescrizioneModifica

 
Raffigurazione del ponte su una stampa.

Il tracciato del ponte ha inizio sulla penisola di Taman', passa lungo lo spiedo di Tuzla, l'isola di Tuzla e l'attraversamento del canale Kerč'-Enikal per giungere a Kerč'.

 
Vista aerea del ponte.
 
Vista del ponte stradale.

Il ponte è stato realizzato, quasi per tutto il percorso, con campate da 54,2 m fino a 64,2 m, tranne nella parte centrale del canale di Kerč'-Enikal, in cui, per consentire il passaggio delle navi, sono stati realizzati due archi di tipo bowstring (uno sul ponte stradale e uno su quello ferroviario), di 227 m lunghezza e 45 m altezza; tale da consentire un sottopasso per il transito delle navi di altezza fino a 35 m, sul livello del medio mare e una larghezza di 185 m.

La lunghezza del percorso
Aree di transizione Luogo di passaggio Lunghezza, km
Passaggio di trasporto sulla penisola di Taman' diga 5
Ponti tra la penisola di Taman' e l’isola di Tuzla Baia di Taman' 1,4
Passaggio di trasporto sull’isola di Tuzla isola di Tuzla 6,5
Ponti tra l’isola di Tuzla e Kerč' Lo stretto di Kerč' 6,1
L'intero percorso "penisola di Taman' - penisola di Crimea" 19
Caratteristiche del ponte stradale :
Categoria stradale strada ad alta velocità
Velocità stimata, km/h 120
Numero di corsie 4 (due per senso di marcia)
Capacità di carico, auto al giorno 40.000
Caratteristiche del ponte ferroviario
Lunghezza di costruzione lungo l'asse ferroviario 19,0
Velocità stimata, km/h treni passeggeri 120
treni merci 80
Numero di percorsi 2
Tipo di elettrificazione rete di contatti aerei
Tipo di corrente e tensione nella rete di contatti ~ 25 kV, 50 Hz


NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Bridge connects Crimea to Russia, and Putin to a Tsarist dream, in South China Morning Post. URL consultato il 17 maggio 2018.
  2. ^ (RU) Рекорд России и Европы: как строили Крымский мост, in NTV. URL consultato il 16 maggio 2018.
  3. ^ http://www.dw.com/zh/克里米亚大桥通车-普京亲自驾车剪彩/a-43795266
  4. ^ Nathan Hodge, CNN, Russia's bridge to Crimea: A metaphor for the Putin era, in CNN. URL consultato il 17 maggio 2018.
  5. ^ (EN) A. B. C. News, Putin inaugurates bridge by driving a truck across to seized peninsula Crimea, su ABC News, 15 maggio 2018. URL consultato il 17 maggio 2018.
  6. ^ a b Russia, Putin guida la colonna di camion per inaugurare mega-ponte in Crimea. Cremlino: "Ha la patente C" - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 15 maggio 2018. URL consultato il 16 maggio 2018.
  7. ^ The mounting rail spans the Crimean bridge will complete in early 2019, in Russia News Today, 12 novembre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  8. ^ Мост жизни. К предистории Керченского моста, su thehimki.ru. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  9. ^ Crimean Bridge Measures the Span of Putin's Ambitions, su bloomberg.com, 20 aprile 2016.
  10. ^ Albert Speer, Inside the Third Reich, 1969, p. 270.
  11. ^ История строительства и разрушения моста через Керченский пролив, su www.rzd-expo.ru. URL consultato il 17 maggio 2018.
  12. ^ История строительства и разрушения моста через Керченский пролив, su www.rzd-expo.ru. URL consultato il 16 maggio 2018.
  13. ^ Petr Bologov, The bridge-long dream, in intersectionproject.eu, 27 febbraio 2017. URL consultato il 1º luglio 2017.
  14. ^ (RU) Проект для моря, in Vokrug sveta, 1º dicembre 1972. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  15. ^ (RU) На стыке двух морей, in Tekhnika Molodezhi, 1985-01, pp. 33-36. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  16. ^ (RU) Лужков присоединяет Крым к России, in Kommersant, 8 aprile 1999. URL consultato il 25 aprile 2009.
  17. ^ Azarov creates group for bridging the Kerch Strait, in Kyiv Post, 9 agosto 2010.
  18. ^ Russia, Ukraine to construct bridge across Kerch Strait, in Kyiv Post, 26 novembre 2010.
  19. ^ a b c d e «Автодор» приступает к подготовке проекта моста через Керченский пролив Читайте далее, in Vedomosti, 14 febbraio 2014.
  20. ^ Russia green lights road and rail bridge to Crimea, RT, 19 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2014.
  21. ^ Russia to Build Bridge to Crimea, RIA Novosti, 19 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2014.
  22. ^ Kerch Strait bridge to be built ahead of schedule — deputy minister, ITAR-TASS, 19 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2014.
  23. ^ Medvedev Signs Decree Creating Contractor for Kerch Strait Bridge Project The Moscow Times (4 March 2014)
  24. ^ Ukraine withdraws from Kerch Strait bridge project with Russia, ITAR-TASS, 1º ottobre 2014. URL consultato il 1º ottobre 2014.
  25. ^ Ukraine conflict: Putin ally to build bridge to Crimea, BBC News, 30 gennaio 2015. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  26. ^ Putin drives Kamaz truck across newly-opened Crimean bridge (VIDEO), RT, 15 maggio 2018. URL consultato il 15 maggio 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica