Apri il menu principale
Ponte di Ludendorff
Beschädigte Brücke.jpg
Il ponte di Ludendorff nel 1945
Localizzazione
StatoGermania Germania
CittàRemagen
AttraversaReno
Coordinate50°34′45″N 7°14′39″E / 50.579167°N 7.244167°E50.579167; 7.244167Coordinate: 50°34′45″N 7°14′39″E / 50.579167°N 7.244167°E50.579167; 7.244167
Dati tecnici
Tipoponte sospeso
Materialeacciaio
Lunghezza325 m
Altezza29 25 m
Realizzazione
ProgettistaKarl Wiener
Costruzione1916-1919
Mappa di localizzazione

Il ponte di Ludendorff (in tedesco Ludendorff-Brücke), così battezzato in onore del generale tedesco Erich Ludendorff che ne aveva suggerito la costruzione durante la prima guerra mondiale,[1] più conosciuto come ponte di Remagen, è stato un ponte ferroviario che, attraversando il Reno, collegava Remagen e Erpel (posta sull'altra sponda del fiume). Completato nel 1919 su progetto dell'ingegnere tedesco Karl Wiener, è crollato il 17 marzo 1945.

Ha avuto un ruolo fondamentale nella seconda guerra mondiale, precisamente nella battaglia di Remagen, poiché era l'unico ponte sul Reno catturato degli alleati durante la ritirata tedesca nella campagna della Linea Sigfrido.

Il ponte e i fatti della sua cattura si sono diffusi nella cultura popolare a seguito dell'uscita del film Il ponte di Remagen nel 1969.

CostruzioneModifica

Nella seconda guerra mondialeModifica

Il ponte era di grande importanza nelle ultime fasi del conflitto, in quanto collegava l'Europa occidentale con la Germania vera e propria. Dopo un'aspra battaglia tra gli anglo-americani e i tedeschi, che presidiavano il ponte con quattro torrette difensive pesantemente fortificate messe ognuna ad ogni sua estremità, e un campo trincerato sul versante orientale del fiume(dotato anche di antiaeree), gli alleati riuscirono a prendere possesso del ponte. I tedeschi minacciavano di farlo saltare in aria per via della sua importanza, ma le esplosioni provocate non riuscirono a far collassare il ponte, che permise così, a battaglia finita, di poter attraversare il fiume e procedere con la liberazione della Germania.

Dopo la guerraModifica

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) V-2s on Remagen; Attacks On The Ludendorff Bridge, su v2rocket.com. URL consultato l'11 gennaio 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN234759676 · GND (DE4400701-2 · WorldCat Identities (EN234759676
  Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Germania