Pope Manufacturing Company

Pope Manufacturing Company
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione1876 a Boston
Fondata daAlbert Augustus Pope
Sede principaleHartford
SettoreTrasporto
Prodottibiciclette, motociclette, automobile
Sito webwww.columbiamfginc.com

La Pope Manufacturing Company viene fondata da Albert Augustus Pope nel 1876 a Boston, Massachusetts. L'anno seguente la fondazione la sede è stata trasferita nel Connecticut. È qui che, nel 1878, nella località di Hartford, inizia la manifattura di biciclette, presso la Weed Sewing Machine Company. Accanto alla produzione di biciclette, la Pope si dedica a quella di motociclette e automobili, consolidando, tra il 1905 e il 1913, la produzione nel sito Westfield, in Massachusetts, mentre la sede resta a Hartford. Nel 1915 l'azienda cede la divisione automobili e, nel 1918 la divisione motociclette; le biciclette vengono ancora messe in commercio dalla Columbia Manufacturing Inc.

StoriaModifica

La Pope Manufacturing Company è registrata nel 1876 alla Boston City Directory, con sede a 54 High Street. Nel marzo 1877 trasferisce la propria sede in Connecticut. Azionisti sono Albert Pope, Charles Pope e Edward Pope: Albert Pope con 595 azioni, il padre Charles con 400 e il cugino Edward con 5 azioni.[1] L'oggetto sociale della Pope recita:

«[to] make, manufacture and sell and licence to others to make, manufacture and sell air pistols and guns, darning machines, amateur lathes, cigarette rollers and other patented articles and to own, sell and deal in patents and patent rights for the manufacture thereof.»

([1])

Accanto alla produzione di biciclette, motociclette e automobili, La Pope Manufacturing Company si occupa anche di pistole ad aria e di macchine per tabacchifici.[2] Queste ultime sono prodotto dal 1874 nella sede di Boston. [3][4]

BicicletteModifica

Importazione e la prima ColumbiasModifica

 
Illustrazione della Pope Manufacturing Company da Frank Leslie's
 
Pubblicità del 1885
 
Columbia ordinary, circa 1886 Cliff, su flickr.com.

Albert Pope iniziò l'importazione di biciclette inglesi nel marzo 1878. L'investimento iniziale fu di $3.000 (pari a $125.000 di oggi). Nel 1878 investì $4.000 per 50 prodotti importati. Nel maggio 1878 incontrò George Fairfield, presidente della Weed Sewing Machine Company. Albert Pope cercava, all'epoca, di fabbricare i suoi prodotti sotto il proprio nome e propose alla Weed di costruire 50 biciclette a Hartford, metà della Pope Manufacturing. Albert Pope importò un modello di biciclo chiamato Excelsior Duplex, che Fairfield ispezionò. All'epoca le macchine da cucire avevano iniziato a calare nelle vendite, così Fairfield accettò il contratto.[5]

Nel settembre 1878, Weed Sewing Machine Company costruì l'ultimo esemplare come da contratto. Albert Pope scelse il nome Columbia per il primo biciclo Pope. Questa prima macchina, fu la copia dell'Excelsior Duplex, costituito da 77 parti fatte in casa e solo le gomme furono comprate. Pope Manufacturing vendette subito tutto. Nel 1879 le vendite furono di 1.000 esemplari.[6]

George Herbert Day lavorò per la Weed Sewing Machine Company come dipendente all'epoca. Nel 1879, Day fu promosso segretario d'azienda. La storia aziendale dice che Day fu "la mano destra di Albert Pope a Hartford tra il 1878 e il 1899."[7] Il cugino di Albert, Edward iniziò a lavorare alla Pope Manufacturing nel 1880.[8]

George Bidwell, venditore di Buffalo, comprò un Excelsior Duplex importato da Pope. Bidwell iniziò a vendere le Columbias e vendette 75 macchine, pagandole in anticipo. Pope poté solo consegnarne 25 e designò Bidwell come sovrintendente delle vendite.[9]

Ridisegno dei bicicliModifica

Nel 1880, George Fairfield introdusse dei cambiamenti per il biciclo con due modelli Columbia. Entrambi pesavano 41 libbre (circa 18,6 kg) e presentavano un sellino a molle e un manubrio aggiustabile. La Standard Columbia con ruota da 48" (circa 122 cm) fu introdotta nel 1880 al costo di $87.50. La Special Columbia offriva "a closed Stanley-style head,", cuscinetti "built-in" (integrati) e nichelatura a $132.50.[10]

Nel 1881, Pope prese il controllo di Weed. George Day fu promosso presidente della Weed.[11]

Dopo l'introduzione del biciclo, Pope comprò da Pierre Lallement il brevetto per la bicicletta e altri prodotti simili, fino a rendere difficile per altri imprenditori americani la produzione negli Stati Uniti.[12]

Bicicletta di sicurezzaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Bicicletta di sicurezza.
 
Columbia Model 40 da uomo, 1895
 
Columbia Model 41 da donna, 1895

I bicicli calarono nelle vendite quando fu introdotta la bicicletta di sicurezza. Il primo modello della bicicletta in senso moderno fu ideato da John Kemp Starley, la Rover, nel 1885. Nel 1886, dopo aver visto la fabbrica della Rover, Alfred Pope dichiarò che non era interessato. George Bidwell, all'epoca venditore indipendente, raccomandò l'uso della bicicletta di sicurezza nel 1886.[13] Consigliò a Pope di progettare la sua propria bicicletta di sicurezza, predicendo che "la vecchia ruota alta era arrivata alla fine".[14]

Pope offrì una safety ordinary nel 1886 con ruota alta anteriore, catena come trasmissione, sellino posteriore. Dopo averne provata una, Bidwell non ordinò più bicicli. Al 1888, Pope produsse la Veloce. Nel 1889, i bicicli furono solo il 20% delle vendite, e calarono al 10% l'anno dopo. Una volta offerta la Veloce, i bicicli al 1891 furono solo 3.000.[15]

Hartford Cycling CompanyModifica

Nel tempo in cui Pope chiedeva $125 per la Columbia, la Overman Wheel Company commercializzò, per i lavoratori, un modello da 1$ al giorno. Pope decise di cambiare linea di produzione Columbias, per competere con Overman.[16] Nel 1890, Pope ingaggiò il costruttore Hartford Bicycle Company per modelli a prezzo medio. Mise suo cugino George a dirigere lo stabilimento. Trasferì David J. Post dalla Weed alla Hartford. Harry Pope, nipote di Albert, fu sovraintendente alla Hartford.[16][17] Pope Manufacturing assorbì la Hartford Cycle Company nel 1895.[18]

Hartford Rubber WorksModifica

Pope Manufacturing acquisì la Hartford Rubber Works nel 1892 come parte della strategia d'integrazione verticale. Fondata da John Gray nel 1885, Hartford Rubber Works importava materia prima dal Sumatra e produceva ruote in gomma piena. Più tardi pneumatici ad aria e cuscinetti.[18][19]

MotocicletteModifica

 
Pope del 1914

Pope iniziò la fabbricazione di biciclette motorizzate (bicimotore) nel 1902 e continuò con motociclette fino al 1918.[20]

CiclomotoriModifica

 
Columbia moped, 1978

Il ciclomotore Columbia moped fu il primo assemblato negli USA, motore e alcune parti furono importate. Il telaio tubolare, sellino, parafango, ruote, freni, forcella, luci, e cablaggi furono fabbricati in USA.[21]

La maggioranza dei Columbia moped furono azionati con motore 47cc Sachs 505/1A, altri con motore Solo. Il Sachs 505/1A fu disegnato per freni posteriori, Columbia scelse freni posteriori Magura.

  • Il modello più prodotto fu il Columbia Commuter. Il telaio in acciaio stampato fu abbinato il motore Sachs, mentre il telaio a tubi con il Sachs o il Solo.
  • Il modello Columbia Medallion, noto anche come Western Flyer, fu l'unico originale Columbia moped; telaio a tubi del Commuter, ma con serbatoio in plastica.
  • Il nome "Western Flyer" fu adottato da diversi modelli al posto della marca Columbia.

Negli anni'80 Columbia vendette i diritti del moped alla KKM Enterprises, Inc.

Modelli:

  • Columbia "Commuter"
  • Columbia "Imperial"
  • Columbia "Medallion 2271"
  • Columbia "Medallion 2281"
  • Columbia "Model 57062"
  • Columbia "Model 2251"
  • Columbia "Model 2241"
  • Columbia "Motrek"
  • Columbia "Western Flyer"

AutomobiliModifica

Nel 1897, Pope Manufacturing iniziò la produzione di un'automobile elettrica.[22] Al 1899, l'azienda costruì oltre 500 veicoli. Hiram Percy Maxim fu l'ingegnere capo del Motor Vehicle Department. La divisione Electric Vehicle fu separata lo stesso anno in Columbia Automobile Company ma fu acquisita da Electric Vehicle Company alla fine dell'anno.[22]

Pope provò a rientrare nel mercato auto nel 1901 acquisendo diverse piccole realtà, ma la concorrenza e i costi finanziari furono insostenibli.

Tra il 1903-1915, la società creò alleanze diverse: Pope-Hartford (1903-1914), Pope-Robinson, Pope-Toledo (1903-1909), Pope-Tribune (1904-1907) e Pope-Waverley.[23]

Pope dichiarò bancarotta nel 1907[22] e morì nell'agosto 1909.[24]

Bancarotta e ristrutturazioneModifica

Nel 1914, la sede fu spostata a Westfield (Massachusetts). Ma nel 1915 la Pope Manufacturing Company segnò ancora insolvenza. Nel 1916 Pope venne rinominata The Westfield Manufacturing Company. I cataloghi dicevano “successors to The Pope Manufacturing Company”. Nel 1933, Westfield Manufacturing divenne una sussidiaria della Torrington Company di Torrington (Connecticut). Nel dicembre 1960 venne creata una società nuova, rinominata nel 1961 Columbia Manufacturing Company. Nel 1967, Columbia Mfg. Co. si fuse con la MTD. Nel 1987, Columbia Mfg. divenne insolvente. Nel 1988, Columbia venne comprata da dipendenti e rinominata Columbia Manufacturing Company e non fece più parte di MTD. La produzione di biciclette rimane limitata, continua la vendita per importazione dall'estero.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Bruce Epperson, Peddling Bicycles to America: the rise of an industry, Jefferson, North Carolina, McFarland and Company, 2010, p. 22.
  2. ^ (EN) Stephen B. Goddard, Col. Pope & his American Dream Machines, Jefferson, North Carolina, McFarland and Company, 2000, p. 63.
  3. ^ Epperson, pp. 22-23
  4. ^ Epperson, p. 21
  5. ^ Epperson, pp. 29-31
  6. ^ Epperson, p. 31.
  7. ^ Epperson, pp. 31-33
  8. ^ Goddard, p. 71.
  9. ^ Epperson, p.65
  10. ^ Epperson, pp. 32-33.
  11. ^ Goddard, p.70.
  12. ^ (EN) David V. Herlihy, Bicycle, The History, Yale University Press, 2004, pp. 184–192, ISBN 0-300-10418-9.
  13. ^ Herlihy, pp. 235-241
  14. ^ Epperson, p. 84.
  15. ^ Epperson, pp. 84-85.
  16. ^ a b Goddard, pp.87-88
  17. ^ Epperson, p. 65
  18. ^ a b Goddard, pp. 237-240
  19. ^ Goddard, p. 209.
  20. ^ (EN) Pope Motor Bikes & Motorcycles, su vintagecolumbiabikes.com, MrColumbia. URL consultato il 16 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2012).
  21. ^ (EN) Columbia - MopedWiki, su mopedarmy.com, MopedArmy. URL consultato il 24 maggio 2013.
  22. ^ a b c (EN) David Corrigan, The Columbia Cars Are Born, su kcstudio.com, Hog River Journal - Exploring CT History. URL consultato il 16 gennaio 2012.
  23. ^ (EN) American Automobiles - Manufacturers, su american-automobiles.com, Farber and Associates, LLC - 2011. URL consultato il 28 agosto 2011.
  24. ^ (EN) Daniel Vaughan, 1911 Pope-Hartford Model W news, pictures, and information, Conceptcarz.com, agosto 2005.

BibliografiaModifica

  • "Bicycle-Making: Where and How Bicycles are Made." Frank Leslie's Popular Monthly v.12 no.5, November 1881.
  • "Pope Manufacturing Company." Moses King, ed. King's handbook of New York city: an outline history and description of the American metropolis. 1892
  • "The Progress of a great industry." Outing (Advertising Supplement), v.19, no.6, 1892
  • "Pope Bicycle building burned; only the walls remain of the handsome Boston headquarters of the Columbia Wheel." New York Times, March 13, 1896
  • David A. Hounshell. From the American system to mass production, 1800-1932. Johns Hopkins University Press, 1984
  • Bruce Epperson. Failed Colossus: Strategic Error at the Pope Manufacturing Company, 1878-1900." Technology and Culture, Vol. 41, No. 2 (Apr., 2000), pp. 300–320

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN145565059 · LCCN (ENn93014453 · WorldCat Identities (ENlccn-n93014453