Poppo di Treviri

arcivescovo cattolico
Poppo di Treviri
arcivescovo della Chiesa cattolica
Bischof Poppo von Trier.png
Incarichi ricopertiArcivescovo di Treviri dal 1016 al 1047
 
Nato986 circa
DecedutoTreviri, 16 giugno 1047
 

Poppo di Babenberg, chiamato anche Poppone, (986 circa – Treviri, 16 giugno 1047) fu arcivescovo di Treviri dal 1016 alla morte.

BiografiaModifica

Poppo era figlio di Leopoldo I d'Austria e di sua moglie, Riccarda di Sualafeldgau. I sui fratelli erano Enrico e Adalberto, i quali furono margravi della marca orientale, mentre un altro suo fratello era Ernesto, duca di Svevia. Ebbe anche diverse sorelle, di cui una, Cristina, fu suora a Treviri. Apparteneva dunque alla dinastia Babenberg.

Fu educato a Ratisbona e nominato dall'imperatore Enrico II nel 1007 come primo prevosto della sua nuova cattedrale a Bamberga. Quando l'arcivescovo Megingaudo morì nel 1015, Enrico scelse Poppo come suo successore a Treviri. Fu consacrato da Erchenbald, arcivescovo di Magonza, e confermato nella carica nel 1016 da papa Benedetto VIII.

Tra il 1028 e il 1030, viaggiò con il monaco Simeone di Treviri in Terra Santa. Più tardi, Poppo fece seppellire il monaco nella Porta Nigra nella quale era vissuto nella parte finale della sua vita; papa Benedetto IX canonizzò Simeone nel 1035. Dal 1037 alla sua morte Poppo fu occupato ad ampliare la cattedrale di Treviri verso ovest. Mentre ispezionava la costruzione il 16 giugno 1047, Poppo morì. Fu sepolto nella chiesa da lui fondata di san Simeone a Treviri. Durante la seconda guerra mondiale, la sua tomba fu completamente distrutta.

BibliografiaModifica

  • Paul Wagner: Poppo (Erzbischof von Trier). In: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). Band 26, Duncker & Humblot, Leipzig 1888, S. 431–434.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN35298743 · ISNI (EN0000 0000 8909 0153 · LCCN (ENnr00012192 · GND (DE120912619 · CERL cnp00562459 · WorldCat Identities (ENlccn-nr00012192